PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
CIAK - Termol
 
Cronache
Bomba al Postamat nella notte, ma i soldi vanno bruciati. Caccia a 4 banditi col cappuccio
L’ufficio postale del Comune di Portocannone nel giro di pochi giorni ha subito due rapine: la prima in piena giorno, un paio di settimane addietro; la seconda questa notte quando un gruppo di ladri ha tentato di rapinare i soldi del postamat facendolo saltare per aria. Tentativo fallito, denaro bruciato e ufficio postale devastato. Sul posto i Vigili del fuoco e i carabinieri della stazione di Campomarino. I responsabili sarebbero quattro persone incappucciate scappate su un’utilitaria.


di Alessandro Corroppoli

Planner Sposi
Portocannone. Il boato di una bomba ha squarciato la notte e il riposo dei cittadini di Portocannone. Erano circa le tre e mezza di questa mattina, sabato 29 luglio, quando un gruppo di malviventi ha fatto saltare per aria il bancomat dell’ ufficio Postale di Piazza del Popolo a Portocannone. Dalla prima ricostruzione si tratterebbe di quattro persone col cappuccio, poi fuggite su un’utilitaria visto che i carabinieri stavano arrivando sul posto in seguito a una chiamata al 112.

Un tentativo di rapina non andato a buon fine solo per un errore di posizionamento dell’ordigno esplosivo che, tuttavia, ha fatto sì esplodere il bancomat ma allo stesso tempo ha bruciato anche il denaro. Non contenti, i ladri, hanno sfondato la porta d’ingresso penetrando all’interno dell’Ufficio postale e mettendo a soqquadro gli uffici: l’intento, secondo le primi ricostruzioni, era quello di prelevare il contenuto della cassaforte dell’istituto postale.

Ma anche questo secondo tentativo di rapina è andato a monte per l’arrivo dei carabinieri. Sul posto sono arrivati i Vigili del fuoco di Termoli e i militari dell’Arma della stazione di comando di Campomarino. Sulla vicenda sono in corso gli accertamenti e le indagini delle forze dell’ordine.

L’intero centro abitato di Portocannone, questa mattina, è invaso dall’odore acre di esplosivo con il quale questa notte una banda di ladri ha cercato di rapinare il bancomat dell’ufficio postale. Non una situazione nuova per il piccolo centro bassomolisano: nella notte del 30 aprile del 2016, un gruppo armato riuscì a far esplodere lo sportello bancomat della filiale bancaria dell’Unicredit di Via Madonna Grande. In quell’occasione ci fu anche un conflitto a fuoco tra forze dell’ordine e ladri.
Idea Arredo


Oggi, così come allora, i delinquenti hanno tentato la rapina la mattina del sabato quando il dispositivo è stato caricato la sera prima di denaro in vista del fine settimana, sempre intorno alla stessa ora: tre, tre e mezzo e sempre utilizzando un ordigno esplosivo. Un episodio criminoso, quello messo in atto questa notte, che si va a sommare alla rapina a mano armata di dodici giorni addietro quando un ladro a volto scoperto, in prossimità dell’orario di chiusura, è entrato nell’ufficio postale armato di pistola e ha intimato il direttore delle Poste a farsi dare il denaro. Ora l’ufficio postale è presidiato dagli uomini della Vigilanza. Eventi criminosi che hanno di nuovo messo sotto i riflettori il problema legato alla sicurezza: Portocannone è sprovvista di un presidio fisso delle forze dell’ordine e, in seno all’organico comunale, non è presente nemmeno un Vigile urbano.

(Pubblicato il 29/07/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Planner Sposi
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006