Planner Sposi
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
CIAK - Termol
 
Cronache
5 milioni per una pista ciclabile sui 35 km della costa molisana. Ma i tempi sono incerti
Firmato in Regione il protocollo d’intesa per la realizzazione della ciclovia del mare, un’opera che nelle intenzioni dovrà collegare con una pista ciclabile tutta la costa molisana, dal confine con l’Abruzzo a quello con la Puglia. L’investimento è di ben cinque milioni di euro, ma mancano date certe di inizio e fine dei lavori. Inoltre gli amministratori ammettono: «Ci sono punti in cui la realizzazione non sarà semplice».


Le intenzioni sono le migliori: un’opera che vuole unire tutta la costa molisana in bici, con un tracciato che dovrebbe essere parallelo alla statale 16. I tempi e i modi di realizzazione al momento non si conoscono per la ciclovia del Molise, una pista lunga tutti i 35 chilometri della nostra costa e che faccia da anello di congiunzione fra Santa Maria di Leuca, in Salento e Pescara, in Abruzzo. Il progetto, finanziato con 5 milioni di euro di fondi Cipe che rientrano nel Patto per il Molise, è stato presentato ieri mattina 25 luglio in Regione dal presidente regionale Paolo di Laura Frattura in compagnia dei sindaci di Termoli, Angelo Sbrocca, di Campomarino, Gianfranco Cammilleri e di Montenero di Bisaccia, Nicola Travaglini, mentre da Petacciato c’era il vice sindaco Antonio Di Pardo.

Della ciclovia si era già parlato in passato al Comune di Termoli, in fase di approvazione di progetti a lungo termine che puntano allo sviluppo di quello che viene definito «turismo sostenibile». In Regione è stato infatti firmato il protocollo d’intesa per la “Valorizzazione del sistema diffuso del mare attraverso la mobilità turistica sostenibile pista ciclabile litoranea”.

«Alla base di questo progetto c’è la logica di costruire un obiettivo comune per favorire lo sviluppo – ha detto il presidente regionale -. La delibera 26 del Cipe 2016 ci assegna risorse e tempistica e rientra negli obiettivi di spesa del 2017. Mi auguro che entro fine anno si possa procedere all’aggiudicazione dell’opera. La mobilità sostenibile vuole collegare nord e sud e considerando il successo che sta avendo in Molise il turismo sostenibile non escludo collegamento Est-ovest partendo dall’asse Nord-Sud».

Fra i più entusiasti sicuramente Angelo Sbrocca che ha parlato di «passo importantissimo per Termoli e per tutti e quattro i Comuni costieri della Costa dei Delfini – ha dichiarato –. Costituisce infatti non solo un nuovo servizio che si dà ai nostri cittadini amanti dello sport e della natura ma permette un ulteriore collegamento del Molise alle altre regioni adriatiche, quali l’Abruzzo, le Marche e l’Emilia Romagna, che già da tempo fanno turismo grazie anche allo sviluppo di ciclovie. La pista ciclabile consentirà infatti di collegare Campomarino a Montenero di Bisaccia passando da Termoli e Petacciato ma, attraverso ulteriori interventi che sono già in fase di progettazione, permetterà di favorire il turismo anche dalla prima area collinare immediatamente a ridosso della costa. La ciclovia del mare rappresenta anche un elemento di attrazione per il turismo sostenibile ed un esempio di sistema che la Costa dei Delfini sta già dando».

Il primo cittadino termolese ha aggiunto come «da tempo Termoli sta cercando di creare un sistema turistico che possa essere attrattivo. È un progetto importante perché c’è una maggiore richiesta di turismo sostenibile, molti più turisti, soprattutto stranieri, richiedono presenza di piste ciclabili. Volevamo dare questa opportunità ai tanti visitatori che arrivano non solo sulla costa ma anche verso interno del Molise. Ora è il momento di lavorare e di avviare fase progettazione pista ciclabile».

«Stiamo facendo squadra – le parole di Cammilleri -, ci vincoliamo tutti a un obiettivo comune per un’opera che sia produttiva e che contribuisca allo sviluppo turistico della Costa dei Delfini.
Planner Sposi
Grazie al coordinamento della Regione Molise e questa capacità di fare squadra ci siamo messi insieme per cercare di utilizzare al meglio il finanziamento».

Per Di Pardo «oggi l’unico strumento per poter accedere ai fondi è associarsi con gli altri paesi costieri. Questa opportunità dà ulteriore slancio anche ad esempio alla pineta di Petacciato. Speriamo che questa iniziativa sia valore aggiunto per la costa molisana». Infine Travaglini ha rimarcato che «stiamo lavorando per collegarci con la parte più interna, l’essere piccoli può essere un vantaggio perché in 35 minuti si passa dal mare alla montagna».

«Il lungomare molisano inizia ad essere connotato degnamente, la rete dei porti è un altro degli elementi su cui investire per attrattività diversa rispetto al passato – ha aggiunto Frattura -. Bankitalia aveva sottolineato che da noi il turismo era un settore in decremento. Mi auguro che aver sensibilizzato una serie di canali possa dar riscontro a partire dal 2017». I presenti non hanno dato tempi certi per la realizzazione. «Ci sono tratti più facilmente eseguibili, altri punti più difficili, come l’attraversamento del Trigno e del Biferno. Pronta per la prossima estate? Non si sa». La speranza è che agli annunci seguano lavori celeri e fatti bene, oltre che una manutenzione degna di tale nome. Non si può nascondere infatti come sia Termoli che Petacciato abbiano già lunghi tratti di piste ciclabili abbandonate o utilizzate come parcheggio da chi vuole andare al mare.

(Pubblicato il 26/07/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Chateau dAx
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006