PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Tigre Amico
 
Guarda il video e la galleria fotografica
Estate pazza: dopo il fuoco diluvio e frane. Grandine nell’hinterland, raccolti rovinati
Temporale fortissimo a Termoli, saltano i tombini sul lungomare e in altre zone cittadine con auto in panne e gravi disagi. Dopo la devastazione del fuoco, pioggia e grandine su un territorio che non ha pace. Nel pomeriggio di martedì 25 luglio allagamenti a Rio vivo, in particolare Vigili del fuoco in azione in un garage. Un piccolo smottamento con fango sulla carreggiata ha provocato la chiusura temporanea di viale Marinai d’Italia. Grandine invece nei paesi dell’entroterra. I chicchi di ghiaccio invece hanno coperto la zona di Palata, che esattamente nello stesso giorno, 7 anni fa, era stata devastata dalla grandine. Danni alle coltivazioni olivicole, vitivinicole ed ortofrutticole. Grandine anche a Larino e a San Martino in Pensilis.


Bassomolise. Una vera e propria bomba d’acqua si è abbattuta sulla città adriatica: la pioggia, a partire dalle prime ore del pomeriggio di oggi - martedì 25 luglio - ha spazzato via le temperature infernali ed estive che si erano registrate fino a questa mattina. Cascate di acqua hanno invaso le strade e le scalinate, creando disagi a chi si è trovato in giro e a chi si trovava in auto. Come sul lungomare Colombo, nel primo tratto a partire dal centro all’incrocio con Corso Mario Milano un automobilista è rimasto impantanato nella piscina naturale che si è creata a causa dei tombini che non sono riusciti a contenere il grande flusso di acqua. A soccorrerlo è arrivato sul posto il carro attrezzi.

I vigili urbani sono stati contattati da alcuni residenti di via Padova e via del Molinello a causa dei tombini saltati perchè non hanno retto la potenza e la portata dell’acqua. In via Trigno e in via Giappone, nei pressi della discesa che porta alla piscina comunale, due alberi sono caduti. Tombini saltati e disagi anche in viale Trieste e come spesso accade, su via Magellano.
Anche i vigili del fuoco sono stati contattati da una famiglia residente a Rio Vivo per un garage allagato e sono intervenuti con un mezzo adatto a questo tipo di interventi. Su Termoli acqua scura lungo le strade a causa della fuliggine e della cenere depositata a terra dal grande incendio che ha interessato ieri la zona industriale.

La tempesta ha provocato dei danni al porto. Si è verificato un piccolo smottamento dal terreno che confina con la sede dell’associazione dei marinai, di fianco ai gradini che guardano verso il Mercato ittico. Una colata di fango ha inondato il piazzale di fronte. La Capitaneria di porto ha recintato l’area dalla rotonda delle Paranze. Traffico rallentato ma garantito dopo un po’ di caos per andare verso Rio vivo.

E’ stato allertato il Comune per ripulire l’area e permettere la riapertura della strada di viale Marinai d’Italia. In via Aubry invece un pezzo d’asfalto è saltato a causa della forza dell’acqua, mentre dei bidoni dell’immondizia sono stati trascinati addosso a una macchina parcheggiata in via Delcroix. Nel tardo pomeriggio il Comune ha assicurato che le strade sono tutte percorribili

Dopo le ore di caldo infernale con gli incendi che hanno lasciato in apprensione l’intera cittadina nella giornata di ieri, sembra non fermarsi la grande paura per i cittadini costretti a dover combattere oggi con la pioggia.

Nei paesi dell’hinterland invece non solo temporali, ma anche grandinate. Una violenta grandinata si è abbattuta nel primo pomeriggio di oggi, martedì 25 luglio, su Palata. L’intero paese è stato investito da una bufera di grandine che ha bloccato per più di un’ora, a partire dalle 14, tutti gli abitanti costringendoli a rinchiudersi in casa.

I chicchi per più di un’ora hanno invaso l’intero territorio coprendo con una coltre bianca il paese. I tetti delle vecchie abitazioni sono andati distrutti come distrutto e perduto ormai è andato anche il raccolto agricolo nei campi intorno al paese. Difficile al momento riuscire a quantificare i danni, anche perché è complicato anche raggiungere i terreni.
«Abbiamo perso tutto - hanno affermato alcuni agricoltori - l’oro è andato completamente distrutto e quindi anche il raccolto, agricoltura in ginocchio».

Momenti di timore per i cittadini. «E’ stato qualcosa di pazzesco – commentano gli abitanti – dalle finestre si vedeva solo bianco tutto intorno al paese, una cappa pazzesca». Acqua che sgorgava dai tombini, che hanno fatto fatica a contenere la pioggia.

Paura per i cittadini, mentre in paese non si sono registrati danni a persone e nemmeno alle abitazioni. Infatti non c’è stato bisogno di richiedere l’intervento dei vigili del fuoco e dei mezzi di soccorso. I carabinieri della stazione di Palata guidati dal maresciallo Michele Tartaglia sono intervenuti solo per un giro di ricognizione in paese e per controllare che tutto fosse in condizione di sicurezza.

Solo sette anni fa, era esattamente il 24 luglio 2010, un’altra violenta grandinata aveva interessato ancora Palata con gravi danni soprattutto all’agricoltura. In quella occasione, i chicchi erano grandi come arance e avevano causato gravi danni: tetti rotti e squarciati, auto distrutte e vetri delle finestre spaccati. La gravità della situazione aveva costretto l’Amministrazione a richiedere lo stato di calamità. Proprio in quella giornata, ad avere la peggio era stata l’ambulanza e un’auto medica colpite dalla grandine nel territorio di Santa Giusta, poco lontano dal centro abitato di Palata.
Anche Larino è stata colpita da una violenta grandinata. Anche nel paese frentano tanta paura per i cittadini, in contrada Difesa Nuova ed è in corso la conta dei danni.

LINK
Grandine a Palata

Le immagini nella galleria fotografica

(Pubblicato il 25/07/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006