PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Cianciosi srl
 
Martedì il centrodestra in Prefettura
Prima protesta in Molise contro i migranti. “Ma quale emergenza, ormai l’accoglienza è ordinaria”
In regione è previsto l’arrivo di 2250 nuovi migranti. I partiti del centrodestra hanno indetto per martedì 11 luglio una manifestazione davanti al Palazzo di Governo: “Questo tipo di accoglienza scarica costi sociali insostenibili sul territorio”. Ma il coordinatore dei centri dell’Eden, Salvo Dall’Olio, spiega che “non c’è un’emergenza, Campobasso accoglie 360 persone e in città non c’è un brutto clima. Purtroppo, però, c’è difficoltà a far affittare le case ai ragazzi che hanno un regolare contratto di lavoro”.


Campobasso. Il centrodestra molisano chiama a raccolta il suo popolo per domani mattina, 11 luglio, per la manifestazione contro l’arrivo di nuovo migranti in regione. Si tratta di una prima volta assoluta sul nostro territorio. Forza Italia, Noi con Salvini, Idea, Movimento Nazionale per la Sovranità, Direzione Italia, Insieme per il Molise e Azione Civica Molise hanno aderito all’appello lanciato dal coordinatore regionale di ‘Idea-Popolo e Libertà’, Maurizio Tiberio, che si oppone all’accoglienza «che arricchisce solo i pochi gestori dei centri, mentre scarica costi sociali insostenibili sul territorio». Non ci sarà invece Casa Pound, che parla di «centrodestra non credibile».

A far scattare la protesta il previsto arrivo di 2250 nuovi migranti stabilito dal Ministero e dalla Prefettura: un numero abbastanza alto per il piccolo Molise, tanto da predisporre un bando di gara da oltre 58 milioni di euro complessivi in meno di due anni, da ripartire fra le varie cooperative che risponderanno al bando e otterranno la possibilità di ottenere i fondi europei.

Ma qual è la situazione su Campobasso città? Come noto ai più, le strutture deputate all’accoglienza e che fanno riferimento all’Eden, sono dislocate nella zona industriale, abbastanza lontano dal centro abitato, e accolgono circa 360 persone: «Da una decina di giorni siamo fermi con gli arrivi. L’ultimo sbarco il 30 giugno, a luglio ancora nessun arrivo – spiega il coordinatore del centro, Salvo Dell’Oglio –. Io, francamente, non vedo questo emergenza. C’era sicuramente nel 2014, oggi si può parlare di accoglienza ordinaria. Abbiamo un sistema, delle prassi consolidate, ora tutti più o meno conosciamo il nostro lavoro».

È interessante capire, anche attraverso le parole di Dell’Oglio, qual sia il clima che si respira nel capoluogo: «In città non c’è un brutto clima, non c’è quella chiusura che sembra venire fuori da questa manifestazione. La situazione non è così grave rispetto a realtà anche più piccole. Questo può essere dovuto al fatto che i nostri centri sono nella zona industriale e sono lontano dai centri abitati, e poi i ragazzi non frequentano molto il centro, sono pochi quelli che arrivano giù. Campobasso è abbastanza accogliente, grossi problemi non ce ne sono, al di dà di quell’episodio di aggressione che si è verificato qualche sera fa. Collaboriamo chiaramente con la polizia per capire chi è stato».

Nel nuovo bando pubblicato dalla Prefettura, si parla di centri di accoglienza che dovrebbero sorgere vicino ai centri abitati. E questo potrebbe cambiare un po’ le carte in tavola.
Planner Sposi
«Secondo me può andare bene dal punto di vista dell’integrazione. Ma dico anche che le strutture all’interno dei centri abitati non sono la migliore delle soluzioni. Bisogna valutare tutti gli aspetti: prendere persone che vengono da Paesi lontani, metterli in un centro abitato con gente di tutt’altra cultura non è facile. L’integrazione va fatta passo dopo passo, le persone vanno informate e formate, le politiche integrative sono graduali. Non dico che debbano stare nei ghetti, ma in luoghi dove ci sia un certo spazio tra popolazione autoctona e migranti, per dare a entrambi il tempo per adattarsi». Insomma, qualche problemino c’è e si nota in questa frase di Dell’Oglio: «Ci sono difficoltà a trovare casa per alcuni ragazzi che hanno trovato lavoro, questo sì».

Tornando al tema dei nuovi arrivi, dalla struttura dell’Eden spiegano che «quasi sicuramente i 2250 previsti in provincia di Campobasso saranno assorbiti nelle strutture già esistenti. Posti aggiuntivi non ce ne sono rispetto a quelli che ci sono adesso. Se partecipano quelli già in essere coprono loro i posti, non apre nessuna struttura nuova».

(Pubblicato il 10/07/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006