PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
La Vida Welness
 
Amore malato
Tenta di strangolare la compagna, marito violento ci riprova. Scatta l’arresto
I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Campobasso, su ordine della Corte d’Appello del capoluogo, hanno arrestato un pregiudicato che non poteva avvicinarsi alla compagnia. Un divieto trasgredito più volte fino a quando sono scattate di nuovo le manette.


Campobasso. Un rapporto da tempo conflittuale: botte, insulti, schiaffi e minacce. Spesso anche per motivi banali. L’ultima volta aveva provato addirittura a strangolare la compagna di sera, in un angolo buio del cortile interno del complesso residenziale di Corso Bucci ‘La città nella città’. Solo il tempestivo intervento dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Campobasso ha evitato il peggio.

Tuttavia, l’uomo ha continuato a lungo ad aggredire la convivente nonostante il divieto di avvicinamento a lei e ai luoghi frequentati dalla stessa donna imposto dal giudice. Nemmeno l’esperienza in carcere, in cui era finito per scontare una condanna per maltrattamenti in famiglia e da cui era uscito un anno fa, gli aveva fatto togliere il ‘vizio’ di alzare le mani su di lei, o di insultarla.
Dall’episodio nella ’Città nella città’ i militari hanno iniziato a ricostruire e a mettere insieme i tasselli di quell’amore malato.
Ieri pomeriggio, 26 giugno, su ordine della Corte d’Appello del capoluogo, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile lo hanno rintracciato e arrestato ponendo fine a un incubo durato quattro mesi e all’escalation di violenze subite dalla donna. Che forse è ancora viva per miracolo. O meglio proprio grazie all’intervento dei militari dell’Aliquota Radiomobile che hanno sventato l’ennesima aggressione. Con una violenza inaudita il pregiudicato le aveva stretto le mani al collo per tentare di soffocarla.


Dopo questo episodio i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno ricostruito tutte le fasi salienti dell’aggressione ed episodi analoghi relativi a quell’amore violento. Un report inviato successivamente all’autorità giudiziaria. Alla luce di tali atteggiamenti e alla violazione del divieto di avvicinamento alla donna, il giudice ha deciso di inasprire la sua pena. Per il pregiudicato si sono aperte di nuove le porte del carcere di via Cavour per impedire continuasse ad aggredire verbalmente e fisicamente la convivente.

L’uomo, dopo essere stato condotto in caserma di via Mazzini per le formalità di rito, è stato portato nella casa circondariale di Campobasso dove rimarrà in attesa dei successivi provvedimenti del giudice competente.

(Pubblicato il 27/06/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Planner Sposi
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006