PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Cianciosi srl
 
Cronache
Il Comune ’dimentica’ di riaccendere il semaforo. "Per attraversare rischiamo la vita"
Il semaforo tra piazza Andrea d’Isernia e via Trivisonno è stato spento più di una settimana fa, quando nella zona sono state sistemate le bancarelle del Corpus Domini. Da allora non è stato più riattivato e i pedoni denunciano: "Quando attraversiamo l’incrocio, corriamo il pericolo di essere travolti dalle auto in corsa". I rischi maggiori per gli anziani e durante le ore di punta, quando il traffico è più intenso.


Campobasso. Attendere, guardare per bene e infine camminare il più in fretta possibile. Non solo le istruzioni d’uso per un avventuroso percorso in un bosco o per una gita in un safari. E’ quello che devono fare tutti i santi giorni i pedoni che devono percorrere l’incrocio tra piazza Andrea d’Isernia e via Trivisonno, la strada che comunemente viene definita il ‘discesone’ del vecchio stadio Romagnoli. Un’arteria molto trafficata: è il collegamento verso il centro della città, oltre ad essere uno snodo per il traffico (autobus e camion compresi) che arrivano da Roma e Isernia.
Il semaforo è spento da più di una settimana, ossia da quando in città sono arrivate le bancarelle per la fiera del Corpus Domini. Da anni gli stand vengono sistemati in una delle corsie di via Trivisonno oltre che davanti all’area dell’ex Roxy, fino a ‘distendersi’ in viale Elena. Il Comune, perciò, spegne l’impianto.


Peccato che le bancarelle sono andate via da una settimana, del Corpus Domini si continua a parlare solo per gli strascichi polemici del concerto di Alex Britti, ma il semaforo non è stato ripristinato. Continua solo a lampeggiare a intermittenza la luce arancione, con un certo fastidio e tanta preoccupazione per chi attraversa l’incrocio e spera di vedere riattivate le normali segnalazioni semaforiche. E invece no. Allora non resta che aguzzare la vista e camminare spediti per non rischiare di essere travolti dalle auto che sfrecciano. Oppure tentare il pericoloso slalom tra le vetture sulle strisce pedonali, anche queste diventate quasi invisibili, cancellate dal tempo e dall’incuria.

«Da dopo il Corpus Domini il semaforo non funziona. Ci chiediamo quando sarà riattivato il semaforo: ogni giorno corriamo seri pericoli», denuncia preoccupata Felicia, una cittadina che ha segnalato il disservizio a Primonumero. «E’ molto difficile attraversare perché le macchine arrivano sia da porta Napoli che da via Principe di Piemonte. Il problema è per tutti i pedoni, ma soprattutto per gli anziani che camminano a fatica e rischiano di essere investiti più facilmente perchè impiegano più tempo ad attraversare».
Se finora non è successo niente, è solo grazie alla prudenza degli automobilisti. Ma è arrivato il momento che il Comune intervenga per riattivare il semaforo prima che succeda qualche grave incidente.

(Pubblicato il 24/06/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006