PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
CIAK - Termol
 
Anticipazioni
Fermo pesca per la prima volta a settembre. Ma senza arretrati barche escono in protesta
Nei prossimi giorni si conosceranno le date ufficiali del fermo pesca 2017. L’ipotesi più accreditata è quella che, per la zona di Termoli, riguarda il periodo dal primo al 30 settembre. Sarebbe la prima volta e ’fuori’ dal periodo di maggiore afflusso di turisti. Resta, però, l’incognita dei pagamenti relativi al 2015 e al 2016. Gli armatori aspettano giustamente i soldi e se non arriveranno è già pronta la protesta. Domenico Guidotti di Federcoopesca: «Il Ministero ha dato garanzie ma vogliamo vedere i fatti».


Termoli. Per la prima volta il fermo pesca potrebbe scattare a inizio settembre e non in agosto, il periodo di maggiore afflusso di turisti. In sostanza, pesce fresco in arrivo dal mare che circonda la costa molisana senza la necessità di reperirlo altrove. Una possibilità non priva di fondamento ma discussa anche ai tavoli istituzionali centrali che solo nei prossimi giorni potrà essere confermata. Le riunioni si susseguono e presto arriveranno le comunicazioni ufficiali e, in linea di massima, si guarda all’impostazione passata basata su tre macroaree (Trieste-Ancona, San Benedetto del Tronto-Bari, Brindisi-Imperia, con l’autonomia di Sicilia e Sardegna).


Ma l’incertezza non riguarda la data che bloccherà i pescherecci all’ancora. La marineria aspetta ancora il pagamento del «fermo» del 2015 e di quello del 2016. Si tratta dell’indennizzo da corrispondere agli armatori per i mancati introiti. Intanto, il settore si mobilita e non si escludono proteste, fino a quella di lavorare comunque anche nel periodo di fermo come gesto simbolico ma chiaro per ribadire al Governo una situazione inaccettabile. «Federcoopesca – spiega il presidente regionale, Domenico Guidotti - ha chiesto subito di conoscere i tempi di liquidazione del fermo pesca 2015 e 2016; a questa domanda il Ministero ha risposto indicando come obiettivo il pagamento delle indennità 2015 entro l’inizio del periodo di fermo (grosso modo il mese di luglio). A seguire poi le indennità 2016».


Si aspettano comunicazioni e accrediti ufficiali. Intanto, per il nuovo fermo si profila un doppio regime di aiuti: Feamp per le imprese e legge di stabilità per gli equipaggi (quest’ultima misura sarà disciplinata con decreto del Ministero del Lavoro di concerto con il Mipaaf).
Corsi
Non si tratta della cassa integrazione straordinaria ma di una indennità giornaliera introdotta ad hoc per il settore della pesca, valevole solo per il 2017». Se le date saranno confermate questa sarà l’impostazione: fermo pesca dal primo al 30 settembre, con ulteriori quindici giorni, ad ottobre, facoltativi. Lo Stato, in pratica, andrà a riconoscere gli indennizzi per il provvedimento solo dal primo al 30 settembre mentre per le prime due settimane successive, quelle di ottobre, in mancanza di copertura finanziaria, ognuno verrà lasciato libero di decidere se continuare a fermarsi o mollare gli ormeggi per pescare.

(Pubblicato il 19/06/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006