PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
S1M ONE - Telefonia
 
Indagine al Cardarelli
"In ospedale ci mandano via perchè chiuderà": dopo Malattie infettive, altro caso a Oculistica
Scoppia nel giro di pochi giorni il secondo ’giallo’ sulla chiusura dei reparti dell’ospedale di Campobasso: dopo quello di Malattie infettive segnalato da una signora a Teleregione mentre Frattura era in diretta, stesso copione a Oculistica, reparto a cui si è rivolto un ragazzo per una scheggia finita accidentalmente nell’occhio. "Può toglierla un’infermiera, il medico non c’è perchè il reparto sta chiudendo", si sarebbe sentito rispondere il giovane. Due i casi finiti dunque sotto la lente dell’Asrem. La Regione pronta ad avviare un’inchiesta interna per verificare quanto accaduto. Intanto il Tar Molise ha stoppato l’istituzione dell’organo tecnico deputato all’accreditamento delle strutture sanitarie.


Campobasso. Si era recato al pronto soccorso del Cardarelliper colpa di una scheggia che gli era entrata accidentalmente in un occhio. «Può intervenire solo un’infermiera, il medico non c’è perché il reparto chiuderà»: così si è sentito rispondere un ragazzo che si è rivolto all’ospedale di contrada Tappino.
Il secondo caso che scoppia in pochi giorni. Il primo poco tempo fa, il 5 giugno, quando a Teleregione una signora ha denunciato una situazione analoga. Il figlio doveva essere ricoverato nel reparto di Malattie infettive, ma il medico responsabile le ha consigliato di rivolgersi in un’altra struttura perché quel reparto stava per chiudere.


Per appurare chi e perché avesse fornito quelle informazioni false nei giorni scorsi l’Asrem ha aperto un’inchiesta interna. Del resto, in base alla nuova riorganizzazione studiata dalla stessa azienda sanitaria regionale, Malattie infettive sarà inserito nell’Area funzionale Internistica assieme ad altre dieci Unità operative: Medicina Interna, Dermatologia, Geriatria, Oncologia medica, Malattie metaboliche ed endocrinologiche, Nefrologia e Dialisi, Neurologia (che sarà trasferita al Cardarelli) e Stroke Unit, Nutrizione clinica e Gastroenterologia.


Ma quella che secondo i racconti di alcuni pazienti sarebbe la sindrome di fornire informazioni ingannevoli - magari in buona fede - ai pazienti che si rivolgono al Cardarelli per le cure sanitarie, pare non sia stata debellata completamente. A distanza di qualche giorno, è accaduto un episodio simile, raccontato a Primonumero da un familiare di un ragazzo di circa 30 anni vittima di un infortunio accidentale. La scheggia che gli è finita nell’occhio non può toglierla il medico: non c’è, il reparto di Oculistica chiuderà. Stesso copione, stesso ‘giallo’ di Malattie infettive.
Ancora una volta è protagonista il personale sanitario del nosocomio che sta diventando quasi un nemico interno per l’Asrem. La querelle tutta in famiglia va avanti da tempo tanto da indurre l’Azienda sanitaria di via Ugo Petrella a prendere provvedimenti istituendo un preciso regolamento comportamentale per chi parla ‘troppo’.


Pure nel caso di Oculistica sarà avviata un’indagine interna. Intanto due indizi fanno una prova. E’ come se la Regione Molise, colpevole di aver smantellato la sanità pubblica, si trovasse di fronte ad una sorta di campagna per la definitiva desertificazione del presidio sanitario più importante del Molise.


Ma non è l’unica tegola che cade su palazzo Vitale. L’8 giugno infatti il Tar Molise ha accolto il ricorso proposto da alcune strutture sanitarie e dai sindacati medici contro il decreto del commissario ad acta per l’istituzione di un soggetto preposto alla verifica e ai controlli finalizzati al rilascio dell’autorizzazione e dell’accreditamento di tutti i centri sanitari pubblici e privati.


Paolo di Laura Frattura aveva inserito tra i componenti dell’organismo, oltre ai funzionari regionali, anche i dirigenti dell’Istituto Neuromed e della Fondazione ‘Giovanni Paolo II’, strutture private a loro volta soggette ai controlli di tale ente. E’ come se il controllore fosse anche il controllato. Una sovrapposizione di ruoli in grado di minare i requisiti di ‘autonomia, terzietà e imparzialità’ previsti dalla legge. Il provvedimento di istituzione dell’Organismo tecnicamente accreditante è stato impugnato da alcune strutture sanitarie difese dagli avvocati Giuseppe Ruta e Massimo Romano. I giudici amministrativi hanno bloccato tutto e fissato a novembre l’udienza di merito.
SP

(Pubblicato il 10/06/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006