Chateau dAx
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
La Vida Welness
 
Cultura & Spettacolo
La frana non ferma l’arte nel borgo incantato, torna lo street fest: "Simbolo di rinascita"
Da giovedì 1 a domenica 4 giugno seconda edizione del festival di arte urbana e contestuale pensato per ridare vita a uno dei borghi più belli del Molise e d’Italia, minacciato dalla grande frana che sta spaccando il paese da quasi tre mesi. I disegni di artisti internazionali hanno già contribuito a dare colore e originalità a muri, porte, scorci nascosti: dopo il successo del 2016, quattro giorni di eventi, riflessioni e proposte su come dare a Civitacampomarano un futuro più sereno grazie all’arte e alle sue possibilità.


Civitacampomarano. Il grande evento si avvicina. Dopo un inverno drammatico e una primavera di sofferenze, giugno porta con s’è il Cvtà Street Fest. Per Civitacampomarano la grande occasione per far vedere che resiste alla frana e che vive anche grazie al contributo di artisti da tutto il mondo. Merito del festival voluto e creato da Alice Pasquini che con la street art dà il suo contributo a quello che era il paese dei suoi avi. «La street art è simbolo di rinascita e resistenza» dicono gli organizzatori.

Ormai è tutto pronto per dare il via alla seconda edizione del CVTà Street Fest, il festival di arte urbana e contestuale ideato e diretto proprio da Alice Pasquini. Si parte giovedì 1 giugno, con l’arrivo di Maria Pia Picozza e di Nespoon dalla Polonia, due artiste che completano la rosa degli ospiti chiamati dalla direttrice artistica Alice Pasquini a dipingere i muri del borgo, insieme a Gola Hundun (Italia), Francisco Bosoletti (Argentina) e Alex Senna (Brasile) che hanno già completato i loro interventi, avvicendandosi al lavoro sin dal 4 aprile.

Il calendario degli eventi della manifestazione si snoda nell’arco di quattro giorni e si conclude domenica 4 giugno con un momento corale di riflessione sui temi dell’arte pubblica e della riqualificazione urbana. A organizzare il CVTà Street Fest è la Pro Loco “Vincenzo Cuoco”, anche grazie all’apporto di tanti volontari. Fra gli ospiti anche Chef Rubio che sarà videoreporter d’eccezione.

«Alice Pasquini, in arte AliCè, dipinge con una sensibilità intimamente e orgogliosamente femminile e il suo stile immediato e sognante, capace di arrivare dritto al cuore di chi si trova a guardare uno dei suoi dipinti, che sia un veloce stencil o una pittura di grandi dimensioni, è riuscito a espugnare persino le sacche più maschiliste della street culture, con il suo modo appassionato e originale di fare arte – spiegano gli organizzatori -. Street artist e pittrice, ma anche illustratrice e scenografa, dalla sua Roma Alice è riuscita a portare nelle più importanti città del mondo la sua abilità pittorica (e non solo), che mescola la narrazione della vitalità femminile, una fruizione tridimensionale delle opere e la capacità di realizzare installazioni con l’uso di materiali inconsueti».

Anche stavolta Alicé non si limita a firmare la direzione artistica, ma torna a lasciare la sua firma sulla pelle del paese. Stavolta ha scelto di intervenire su porte antiche, di case spesso abbandonate e silenziose, preferendo gli usci ombrosi ai più prevedibili muri intonacati e bianchi. Volti di ragazze sorridenti, dita che pizzicano le corde di una chitarra e scene di vita quotidiana tornano così ad animare le zone più impervie del borgo, quelle su cui la natura sta tornando a prendere il sopravvento, infilandosi tra le pietre messe pazientemente una sull’altra dall’uomo nel corso dei secoli.

«Mi piace l’idea di riuscire a riportare la vita dove non c’è più – spiega Alice – con piccole opere contestuali che si sposano con il colore delle porte antiche e dei lucchetti ormai chiusi e arrugginiti. Mi piace pensare che la mia arte sia una chiave, capace di fare aprire di nuovo questi lucchetti e queste porte, almeno con la forza dell’immaginazione». I nuovi dipinti che Alice Pasquini realizza per la seconda edizione del CVTà Street Fest sono disseminati nella parte abbandonata del paese e danno colore agli angoli più nascosti: una sfida lanciata ai visitatori e agli amanti dell’arte, quasi una caccia al tesoro, con la speranza che chi si metta alla ricerca dell’arte nascosta, possa sorprendersi a scoprire la bellezza dell’intero borgo.

Torna a Civitacampomarano un altro dei protagonisti della prima edizione del CVTà Street Fest: l’artista Uno, che vive e opera anche lui a Roma, punto di partenza per irriverenti incursioni intorno al globo.
«Anche la scelta di Uno cade su supporti non usuali – riferiscono dal Festival -. Adoperando la tecnica dello stencil, l’artista realizza infatti interventi di grande poesia, quasi impalpabili: spinti da un vento profumato di altrove, affida ai muri e alle porte di Civitacampomarano la visione di preziosi origami e leggerissimi fogli di carta in caduta libera, senza peso, strumenti dimenticati di un gioco di bambini, che forse potrebbero contenere messaggi e promesse, notizie di un tempo passato che attende un futuro migliore per svelare il suo mistero. Attualizzando la lezione di Warhol, di Debord e di Rotella, Uno si distingue per la pratica di un’arte che riprende la lezione della comunicazione pubblicitaria, cambiandola di segno. Caratteristiche del suo lavoro sono la ripetizione all’infinito di una stessa immagine e l’uso di spray e pitture fluorescenti in abbinamento alle tecniche del poster, del collage, del decoupage e in generale della manipolazione della carta. Il volto simbolo della famosa pubblicità di una cioccolata viene reso da Uno un’icona della possibile rivoluzione del singolo nei confronti della società di massa».

Intanto non si ferma la raccolta fondi “Help Civita” nata dopo la grande frana del marzo scorso. Per aiutare Civitacampomarano, è stata attivata la campagna di raccolta fondi destinando il ricavato a supporto del recupero dell’ex edificio delle scuole materne da adibire a nuova sede del Municipio e da edificio strategico della Protezione Civile. I contributi devono essere versati esclusivamente sul conto corrente del Comune di Civitacampomarano, alle coordinate banco posta IBAN IT91L0760103800000012918868 oppure sul conto corrente postale numero 12918868. Nella causale, le donazioni dovranno riportare la dicitura “HELP CIVITA, fondi a supporto della nuova sede municipale”.

(Pubblicato il 30/05/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006