Chateau dAx
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Tigre Amico
 
Festa dell'Europa
La Brexit al contrario: Andreas, Dilan e Ale sono i nuovi cittadini europei: "Noi ci crediamo"
Da un piccolo e isolato paese del Molise che da diversi anni ha avviato numerosi progetti di scambi internazionali proprio per uscire da questa condizione parte il messaggio di una nuova idea di Europa nel giorno in cui si celebra la sua festa. Trenta giovani provenienti da Polonia, Romania, Italia, Macedonia, Cipro e Turchia (quindi anche fuori dall’Ue) si sono confrontati una settimana per capire come essere migliori cittadini europei in un contesto di divisioni e nuovi nazionalismi. Tra loro ci sono Andreas, Dilan e Alessandro: «Non bisogna per forza vivere in una grande città per sentirsi parte di una realtà come l’Europa ma proprio da una piccola comunità possiamo iniziare un percorso che ci porta a consolidare e a valorizzare le nostre idee».


Colletorto. Nel Regno Unito continuano le procedure per dire «addio» all’Unione Europea, in altri paesi nazionalismi di vario tipo cercano di staccarsi da questa appartenenza, forse mai consolidata. Ci sono poi giovani come Alessandro di Larino, Andreas di Cipro e Dilan della Turchia che la pensano diversamente e si ritrovano in un piccolo centro del Molise, come Colletorto, per portare avanti un discorso diametralmente opposto, quello di creare una cultura europea e di favorire al massimo gli scambi culturali. Trenta giovani provenienti da Polonia, Romania, Italia, Macedonia, Cipro e Turchia si sono confrontati e hanno dialogato su come essere migliori «cittadini europei». Di questa esperienza non ricorderanno solo la pasta, come scherza uno di loro, ma certamente il contributo che ognuno di loro (e di noi) può dare per costruire e riannodare i legami di un’Europa in cui i padri fondatori hanno creduto tanto e che oggi viene spesso messa in discussione.


L’idea principale del progetto è quella di far riflettere le giovani generazioni sulle loro sensazioni riguardo alla loro appartenenza all’Unione europea, ai suoi valori, e su quanto tutto questo influenza la loro crescita come giovani cittadini attivi. Anche arrivando da Paesi che non ancora ne fanno parte, come la Turchia. «È stato molto bello conoscere e incontrare nuove persone – spiega entusiasta Dilan che viva ad Ankara, la capitale – mi sono trovata benissimo a Colletorto e ho apprezzato le persone e questo paese e territorio. Non bisogna per forza vivere in un grande città per sentirsi parte dell’Europa conservando la propria identità ma aprendosi anche all’incontro con gli altri per sviluppare questi concetti». Andreas arriva da Cipro, uno degli Stati membri: «Un progetto molto interessante e carino che ha offerto un contributo all’idea di Europa. Possiamo sviluppare questa idea chiave per aprire idee europee anche partendo da paesi come Colletorto qui in Molise o come Lefkara a Cipro». Alessandro ha messo insieme le due opinioni: «La nostra esperienza è stata fruttuosa. Condivido questa impostazione di idee e culture perchè ritengo che i grandi progetti partono da piccoli progetti come questo. L’Europa può ritrovare la sua identità nonostante i problemi economici e altri ostacoli di percorso riscoprendo vantaggi di essere cittadini attivi nelle proprie comunità e le sfide che oggi si stanno affrontando nell’attuale Europa».


Il progetto Erasmus+ “Care About Eurself” ha coinvolto il gruppo di trenta ragazzi in paese dal 2 al 10 maggio. I giovani sono stati ospiti di varie strutture e, in sostanza, hanno ribadito la considerazione che anche la ricettività e la promozione turistica dipendono da idee positive che possano anche creare opportunità di promozione dall’estero.
Il progetto è organizzato e realizzato dall’associazione Excursio di Campobasso. La quinta Festa dell’Europa organizzata dall’associazione, sempre a Colletorto ha concluso le iniziative nella sala della chiesa del Purgatorio. La festa celebra la pace e l’unità in Europa. La data è l’anniversario della storica dichiarazione di Schuman. In occasione di un discorso a Parigi, nel 1950, l’allora ministro degli Esteri francese Robert Schuman ha esposto la sua idea di una nuova forma di cooperazione politica per l’Europa, che avrebbe reso impensabile una guerra tra le nazioni europee.

All’evento sono intervenuti, tra gli altri, con il coordinamento di Luigi Petti, la preside, Giovanna Fantetti, la presidente del Consiglio comunale, Lucia Di Camillo,Nicola Sacco presidente dell’associazione Excursio, il professore Gaspero di Lisa e Giovanni Di Stasi, già presidente del Congresso dei poteri locali e regionali d’Europa. Una manifestazione riuscita con le scuole del territorio che rinnova anche l’invito alle istituzioni a tutti i livelli per favorire opportunità di scambi culturali, progetti internazionali e iniziative che possono creare anche opportunità di studio e lavoro. Un monito da un paese che da diversi anni sta cercando di uscire dall’isolamento anche grazie a progetti di questo tipo. Basta osservare la tabella all’ingresso del Comune di Colletorto. (FO)

(Pubblicato il 09/05/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006