PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
La Vida Welness
 
Case di riposo convenzionate in Molise
Entro un anno 440 posti letto per anziani non autosufficienti. Oggi sono soltanto 60
Con decreto n. 28 del 27 aprile scorso il Commissario ad acta alla sanità Paolo Frattura mette nero s bianco il riconoscimento di posti convenzionati nelle case di riposo del Molise, che per metà sono a carico del pubblico. Complessivamente 440, a fronte dei 60 di oggi. La popolazione anziana aumenta, e la richiesta di posti letto per non autosufficienti si è drasticamente impennata. Questa la ripartizione: 130 nel distretto di Campobasso; 160 in quello di Isernia e 150 a Termoli, dove stanno per aprire anche le nuove strutture finanziate con fondi pubblici di Colletorto e Palata.


Il Vietri di Larino, Rsa con 40 posti letto. Sopra la nuova casa di riposo di Palata, in fase di costruzione. In home page la nuova Casa di Riposo di Colletorto, da 60 posti letti
Il Molise, insieme con la Liguria, è la regione italiana con la maggiore incidenza di popolazione anziana. Anziana e anche malata e, spesso, non autosufficiente. Eppure sono soltanto 60 in tutta la regione i posti letto riservati agli anziani con problemi motori e sanitari.

Se le case di riposo private, quelle in cui si paga per intero la quota di vitto, alloggio e servizi, sono numerose, sebbene non proporzionate nemmeno queste alle esigenze del territorio, le cosiddette RSA (acronimo che sta per residenze sanitarie assistenziali) sono soltanto due. Una è quella di Larino, che si trova all’interno dell’ospedale Vietri di recente riconvertito nell’ambito del nuovo Piano Operativo. L’altra è quella di Castel del Giudice, la casa San Nicola, quest’ultima privata ma con 20 posti letto attivi da alcuni anni convenzionati con la Asrem. Solo 60 dunque complessivamente i posti riservati agli anziani per i quali il ricovero ospedaliero, come la lungodegenza, sono inappropriati, ma che nello stesso tempo non possono essere assistiti nelle rispettive abitazioni, ma devono soggiornare in strutture adeguate.

La novità però è il decreto del Commissario ad acta Paolo Frattura del 27 aprile scorso, con il quale si fissano nero su bianco i numeri dei nuovi posti letto convenzionati nelle case di riposo del Molise. Dovevano essere 330 ma sono diventati 440 per la maggiore domanda del territorio, da attivare al massimo entro il 2018 nell’ambito del Piano Operativo sanitario 2015-2018.
«Si procederà alla loro attivazione il prima possibile, immagino già tra la fine del 2017 e il primi mesi dell’anno prossimo» spiega il direttore amministrativo Antonio Forciniti.

La priorità, nella convenzione, l’hanno avuta le strutture finanziate con fondi pubblici, come la nuova casa di riposo di Palata o quella di Colletorto.
Questa è la ripartizione dei posti letto nelle Rsa: 130 per il distretto di Campobasso 160 per quello di Isernia e 150 per quello di Termoli.I Comuni che sono interessati dall’accreditamento sono il capoluogo di Regione con Casa Pistilli (40 posti letto da attivare), Riccia (20 posti letto), Trivento(20 posti letto), Ripabottoni con la Casa dei Nonni struttura - pubblica perché realizzata da una Fondazione che già funziona come casa di riposo privata, e che è potrà contare sulla attivazione di 20 posti letto in Rsa. Altri dieci letti nella Coop A.S.S. di Sant’Elia a Pianisi e altri 20 per la Fisiomedica Loredana di Toro.


Per quanto riguarda il distretto di Isernia, i 160 posti letto in Rsa a fronte dei 20 esistenti, troveranno spazio 40 a Venafro nell’ex ospedale Santissimo Rosario - riconvertito - 40 nell’ ospedale di Agnone, 20 alla Gea Medica di Isernia, 20 alla Carsic di Venafro, 20 – già attivati tutti da qualche anno - alla San Nicola di Castel del Giudice e 20 a Casa Mia per anziani.

Infine 150 posti letto in Basso Molise così divisi: 40 nell’ ospedale Vietri, che con i piani operativi sanitari è stato trasformato in una residenza sanitaria assistenziale, 30 nella nuova casa di riposo di Palatain fase di costruzione, anche questa fatta con fondi pubblici così come quella di Colletorto, che ospiterà il maggior numero di posti letto di tutta la regione: ben 60. Infine gli ultimi 20 nella casa di riposo privata di Termoli Opera Serena.

A decidere quali pazienti potranno usufruire della agevolazione Asrem, quindi del pagamento della quota al 50% rispetto al costo complessivo, sarà la Unità di Valutazione Multidisciplinare dell’azienda sanitaria, la stessa che decide quali pazienti possono usufruire della assistenza domiciliare integrata. Una commissione composta, oltre che dal medico, dall’infermiere professionale, dal fisioterapista e anche dall’assistente sociale.

(Pubblicato il 06/05/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Planner Sposi
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006