Chateau dAx
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
S1M ONE - Telefonia
 
Cronache
Bancarotta fraudolenta: arrestato l’editore Annunziata. Deve scontare 2 anni e 3 mesi
L’ex editore del free press La Gazzetta del Molise arrestato dai carabinieri di Olevano sul Tusciano (Salerno) in esecuzione a una sentenza passata in giudicato per bancarotta fraudolenta e appropriazione indebita. Deve scontare una pena di 2 anni e 3 mesi di reclusione, dei quali un anno col beneficio dei domiciliari per motivi di salute. È stato condannato per il caso della Molisana Editrice Srl dichiarata fallita nel 2006, della quale era amministratore delegato: avrebbe distratto fondi per decine di migliaia di euro. A suo carico anche una condanna per l’appropriazione indebita di un carrello elevatore nel 2011. Annunziata, personaggio molto conosciuto nei palazzi della politica, è sotto processo anche per estorsione in un’altra vicenda nonché uno dei principali indagati del Sistema Iorio, su presunte collusioni tra media e politica.


Carrozzeria Meale
Campobasso. L’ex editore del free press La Gazzetta del Molise arrestato dai carabinieri di Olevano sul Tusciano (Salerno) in esecuzione a una sentenza passata in giudicato per bancarotta fraudolenta e appropriazione indebita. Deve scontare una pena di 2 anni e 3 mesi di reclusione, dei quali un anno col beneficio dei domiciliari per motivi di salute. È stato condannato per il caso della Molisana Editrice Srl dichiarata fallita nel 2006, della quale era amministratore delegato: avrebbe distratto fondi per decine di migliaia di euro. A suo carico anche una condanna per l’appropriazione indebita di un carrello elevatore nel 2011.

Annunziata, personaggio molto conosciuto nei palazzi della politica, è sotto processo anche per estorsione in un’altra vicenda, nonché uno dei principali indagati del Sistema Iorio, su presunte collusioni tra media e politica.
Ignazio Annunziata, ex editore della Gazzetta del Molise e di altre pubblicazioni, è stato arrestato ancora una volta. Oggi i carabinieri di Olevano sul Tusciano, in provincia di Salerno dove il 63enne vive in questo periodo, lo hanno raggiunto per notificargli l’ordine di espiazione della pena di 2 anni e 3 mesi di carcere firmato dal Procuratore di Campobasso Armando D’Alterio. Annunziata ha ottenuto il beneficio di un anno ai domiciliari, da trascorrere nello stesso centro campano presso l’abitazione della compagna, per ragioni di salute. Poi, secondo quanto disposto dal provvedimento, conseguenza di una sentenza diventata definitiva, dovrà tornare in carcere.

L’accusa per la quale il Tribunale di Campobasso lo ha condannato è bancarotta fraudolenta. La vicenda è datata 2006 e si riferisce alla Molisana Editrice Srl, dichiarata fallita il 23 febbraio 2006. Annunziata, 63 anni, ex commerciante di abbigliamento e fondatore del quotidiano free press, avrebbe tenuto separate le scritture contabili della società dai fondi incassati e , secondo l’accusa, “distratti” per evitare che si potesse ricostruire la storia patrimoniale della ditta.

Le carte processuali parlano di decine di migliaia di euro. Nello stesso procedimento inoltre Annunziata è accusato di essersi appropriato indebitamente di un carrello elevatore, fatto questo che risale al 2011. Un carrello che apparteneva a una società e che invece è stato trovato nella sede della A.I. Communication, creata da Annunziata dopo il fallimento della Molisana Srl per continuare a editare La Gazzetta, finita al centro della maxi inchiesta su presunte collusioni tra media e politica (quella sul cosiddetto Sistema Iorio), della quale si sta celebrando l’udienza preliminare e nella quale proprio Ignazio Annunziata è uno dei principali indagati.


L’editore di origini campane ma da molti anni residente in Molise era stato arrestato già lo scorso anno, proprio a maggio, anche in questo caso su ordine di custodia emesso dalla Procura del capoluogo a seguito di una sentenza di condanna definitiva risalente a un’estorsione commessa dall’arrestato il 3 febbraio del 2010. Per l’accusa, attraverso la prima pagina del suo quotidiano a distribuzione gratuita, avrebbe ricattato e ottenuto denaro pubblico per anni in cambio di una linea editoriale favorevole all’ex presidente della Regione, Michele Iorio.

Condannato a cinque anni di carcere e con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, Annunziata però era stato scarcerato a gennaio, dopo nove mesi di detenzione. Era tornato in libertà su decisione della Corte di Appello di Bari, che ha stabilito la revisione del primo processo tenutosi al Tribunale di Campobasso. Una vicenda che non è ancora conclusa.

(Pubblicato il 03/05/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006