PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
CIAK - Termol
 
Cronache
Ponti e viadotti, mancano collaudi e manutenzione nella regione con migliaia di frane
Dopo i recenti crolli in Italia, sono stati stanziati 16 milioni per mettere a punto cavalcavia e ponti più critici. Nelle aree individuate dall’Anas c’è anche il Molise, e il consigliere regionale Ciocca delegato alla Protezione Civile chiede di conoscere fondi e una ricognizione approfondita delle opere regionali che possono presentare elementi di rischio. Il Molise, oltre a essere sismica, presenta diversi ponti che hanno bisogno di manutenzione. Da quello del Liscione, dove peraltro manca il collaudo, alla Trignina, ai ponti autostradali.


In Italia crollano i ponti, e non si capisce perché. Negli ultimi tempi sono precipitati viadotti, si sono aperte voragini nell’asfalto, il cemento ha ceduto. Pochi giorni fa a Fossano, dove è stata evitata per un soffio una tragedia. Prima ancora nelle Marche, in Sicilia, in Lombardia. Cavalcavia nuovi, costati milioni e milioni di euro, che si sbriciolano come polistirolo. E come sempre, tante inchieste giudiziarie e nessun colpevole.

Come sono costruiti i viadotti? Quanto possono resistere, che livello di sicurezza garantiscono? Domande che non hanno risposta. Come sempre si corre ai ripari quando è tardi, ma come sempre vale anche la vecchia regola “meglio tardi che mai”.

Così ora si scopre che sono stati stanziati 16 milioni di euro per un monitoraggio straordinario di gallerie, ponti e viadotti italiani. Il Molise rientra le aree oggetto di un intervento, anche se non è chiaro quali infrastrutture saranno prese in considerazione dai controlli e di quanti fondi beneficeranno.

Di situazioni critiche, bisognose in alcuni casi perfino di un collaudo che non è mai stato fatto, ce ne sono parecchie. Quali saranno inserite in questo prossimo controllo straordinario? E con quale copertura finanziaria? Il consigliere regionale con delega alla Protezione Civile Salvatore Ciocca vuole saperlo, nell’interesse dei molisani, e ha chiesto lumi all’Anas dopo la pubblicazione, sulla Gazzetta Ufficiale n.45, dell’Accordo quadro triennale per interventi di manutenzione programmata. Un accordo che prevede un importo complessivo di 16 milioni di euro.
«Per quanto attiene la nostra regione, sappiamo che sarà interessato dai lavori il Lotto 4 Adriatica come comprende anche Puglia, Molise e Abruzzo, per il quale saranno attivati servizi di progettazione esecutiva di strutture o parti di strutture in cemento armato, acciaio o muratura e interventi di adeguamento, o miglioramento sismico, di risanamento o riparazione locale – spiega Ciocca – Ma non conosciamo la misura reale dei fondi stanziati né a quali opere si riferisca. Ecco perché serve approfondire e sfruttare questa possibilità: viviamo in una regione che è a rischio sismico ed è caratterizzata da migliaia e migliaia di frane».

Migliaia e migliaia, proprio così. Che si aggravano, si moltiplicano, mettono a repentaglio non solo le Provinciali ma anche le Statali, quelle per le quali è competente l’Anas. Alla quale Ciocca ha chiesto chiarimenti «circa le infrastrutture viarie che saranno oggetto dei lavori previsti dall’Accordo, il cui obiettivo è garantire la progettazione esecutiva relativa ai lavori di manutenzione programmata di ponti, viadotti e gallerie.
Planner Sposi
Questo anche per valutare la possibilità di attivare identiche procedure di monitoraggio e manutenzione sulle altre infrastrutture di competenza dell’Anas».

Una ricognizione, in Molise, è fondamentale. E non soltanto sui viadotti autostradali, che naturalmente saranno i primi a passare sotto la lente di ingrandimento degli ingegneri, specialmente dopo il crollo del ponte 167 sull’A14, all’altezza di Camerano, Ancona, che a marzo scorso ha causato la morte di due persone.Sorvegliato speciale del Molise è il viadotto di Ponte Liscione, sulla Statale 647, realizzato svariati decenni fa e che sovrasta il secondo invaso artificiale più grande d’Europa, una diga costruita negli anni settanta che, al pari del cavalcavia, non è mai stata collaudata e forse lo sarà entro i prossimi tre anni grazie a uno stanziamento straordinario di 5 milioni nell’ambito della ripartizione dei fondi per il Piano del Molise. Ma il collaudo è indispensabile, otre a essere un obbligo di legge, anche per il ponte. E manutenzione e verifiche della tenuta strutturale e sismica sono indispensabili anche per il grande viadotto della Trignina, per le gallerie di Campobasso e Isernia, per la Statale 87 e la Statale 212 Appulo Sannitica.Queste solo per citare le situazioni più rilevanti.

(Pubblicato il 25/04/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006