Chateau dAx
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
La Vida Welness
 
Due ciclisti investiti sulla Ss 16
Migrante nigeriano in bici travolto e ucciso. Siriano investito da auto che fugge
Un giovane di nazionalità africana, I.I. di 25 anni, è stato investito domenica sera 23 aprile poco dopo le 22 al chilometro 556 della strada statale 16 in territorio di Campomarino, mentre rientrava nel centro di accoglienza Sweet Dream. E’ morto sul colpo, travolto da un’auto il cui conducente si è fermato per i soccorsi che tuttavia si sono rivelati inutili. Aperta un’indagine per omicidio stradale. Nella stessa sera e più o meno alla stessa ora un altro migrante in bici stato investito da un’auto che non si è fermata. Il giovane è ricoverato in ospedale con una ferita alla testa.


Campomarino. Due migranti investiti sulla Statale 16 domenica sera, più o meno alla stessa ora ma in due tratti diversi della strada.
In un caso è finita nel modo peggiore: un giovane nigeriano è morto, travolto da un’auto. Un migrante di nazionalità siriana invece è stato investito da un’auto che non si è fermata per i soccorsi. I carabinieri stanno indagando e cercando di arrivare all’automobilista responsabile dell’accaduto.

E’ la Polizia Stradale invece che si sta occupando dell’altro incidente. Il ragazzo nigeriano stava percorrendo la Statale 16 in bicicletta, come fanno tanti immigrati che negli ultimi anni riempiono i centri d’accoglienza italiani e non hanno altri mezzi per spostarsi se non una due ruote. Ma domenica 23 aprile, I.I., 25enne nigeriano in attesa della risposta alla richiesta di rifugiato, migrante ospite dello Sweet Dream, ha trovato la morte sulla strada, in territorio di Campomarino. E’ stato travolto da un’auto il cui conducente si è fermato a prestare soccorso e ha atteso l’arrivo del 118.

Il ragazzo stava rientrando nel centro in cui risiedeva, poco prima del bivio per il lido di Campomarino, nell’ex hotel riconvertito in centro di prima accoglienza davanti all’Eurospin. Poco più avanti invece un altro ospite della struttura, un ragazzo siriano anche lui in bicicletta che vive all’Happy Family, è stato investito da un’auto, pare un Renault, che è fuggita subito dopo. Il ciclista è stato urtato al braccio dallo specchietto di un’auto diretta a sud. Potrebbe essere una Renault, secondo la testimonianza di un altro migrante in bici che gli stava accanto, e potrebbe anche possibile che il conducente non si sia nemmeno accorto di quanto era accaduto e abbia proseguito la sua corsa.

Il ragazzo è stato portato in ospedale, a Termoli, con una ferita alla testa. ma le sue condizioni non sembrano gravi ed è stato dimesso poco dopo dai medici del Pronto Soccorso del San Timoteo.


Il giovane nigeriano invece è morto sul colpo: troppo gravi le ferite riportate nello schianto, avvenuto attorno alle 22,10 al chilometro 556 e 900 metri della Statale 16. Inutile l’arrivo dell’ambulanza del 118, per il giovane africano non c’è stato nulla da fare. Prima di rimuovere la salma e trasportarla all’obitorio del San Timoteo, i soccorritori hanno atteso l’arrivo del magistrato di turno alla Procura della Repubblica di Larino.

Aperta una inchiesta per omicidio stradale a carico del conducente, che sottoposto all’alcol test è risultato pulito. Probabile che il guidatore non si sia accorto del 25enne a causa del buio, anche perché sembra che il giovane non indossasse il giubbotto catarinfrangente, che gli stessi gestori dei centri danno ai ragazzi perchè siano visibili nelle ore buie. Ma non è da sottovalutare nemmeno l’alta velocità dell’auto. Sarà la magistratura a chiarire la dinamica e le responsabilità.

(Pubblicato il 23/04/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006