ROMANO AUTO
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
S1M ONE - Telefonia
 
Cronache
Costata un milione e 300mila euro, aperta 9 mesi fa. Ma dentro la nuova scuola piove
Macchie di umidità nei corridoi e palestra gelida. La nuova ala del polo scolastico di via Tremiti, a Petacciato, è piena di infiltrazioni d’acqua, nonostante sia stata aperta all’inizio di questo anno scolastico, quindi a settembre 2016. Finanziata dalla Regione con un milione e 300 mila euro, il plesso che oggi ospita la scuola primaria presenta già gravissime lacune. La palestra, la cui apertura è stata ritardata per mesi, ha un sistema di riscaldamento insufficiente che ora è in fase di sostituzione.


Petacciato. E’ costata un milione e trecentomila euro, è stata aperta appena nove mesi fa e dovrebbe essere una scuola a prova di terremoto: invece nella nuova ala del polo scolastico di via Tremiti, a Petacciato, piove nei corridoi dopo due giorni di pioggia e la palestra, dopo innumerevoli rinvii nell’apertura, non si riscalda. E in questi giorni di improvviso freddo nel bel mezzo della primavera, i disagi sono tantissimi.

Andiamo per ordine: qualche tempo dopo il sisma del 31 ottobre 2002 a San Giuliano di Puglia, la scuola media situata in via Tremiti viene chiusa perchè ritenuta non sicura. Tutte le classi vengono spostate nel plesso di viale Pietravalle, in precedenza sede della sola scuola elementare. Il Comune intanto ottiene dei finanziamenti per ricostruire la scuola media. I lavori, come da prassi italiana, partono con enormi ritardi. Viene edificata prima un’ala, per intenderci quella che guarda verso la vecchia caserma. Nel 2012, a dieci anni dal terremoto, viene finalmente aperta e i bambini della scuola secondaria di primo grado ritrovano la loro collocazione.

C’è però ancora la seconda parte da costruire e occorre un altro finanziamento che, pur in tempi lunghissimi, arriva a destinazione: 1,3 milioni di euro. Nel frattempo accade un altro fatto decisivo: la frana del 18 marzo 2015 spacca il municipio di viale Pietravalle, rendendolo di fatto inagibile. La struttura viene utilizzata ancora, ringraziando la benevolenza di Madre Natura, fino a pochi mesi fa. La nuova sede municipale viene individuata nell’edificio adiacente, vale a dire la scuola elementare.

Cosa comporta tutto ciò? Che i lavori andati a rilento fino a quel momento devono subire un’accelerazione. Dal settembre 2015 il cantiere viene avviato e la seconda ala ultimata giusto in tempo per iniziare l’anno scolastico 2016/2017, mentre le classi della scuola primaria vengono definitivamente sistemate lì. Ma i problemi evidentemente non sono finiti. La palestra, che in teoria dovrebbe servire anche per le attività della società sportive locali che non hanno strutture al chiuso, non viene inaugurata assieme al resto della scuola. I lavori proseguono anche dopo la fine del 2016.

Ma è proprio in inverno che le falle vengono fuori. La pioggia provoca infiltrazioni nei corridoi sempre più evidenti, finchè qualche goccia di pioggia comincia a cadere sui pavimenti. Il caso viene segnalato da alcune mamme e ripreso dal consigliere di minoranza Roberto Di Pardo che chiede spiegazioni al sindaco prima di fare uscire pubblicamente il caso. Ma da quella comunicazione di due settimane fa nulla è cambiato. Oggi la vicenda è di dominio pubblico per effetto di alcune foto pubblicate su Facebook.

Indignate le reazioni di diversi cittadini. «Senza parole», «Vergognoso», «Che scandalo» sono alcuni dei commenti inorriditi nel sapere che una scuola appena rifatta è già così malridotta. E dire che ci sono stati spesi non pochi soldi: il finanziamento derivato da fondi Cipe era infatti di un milione e trecentomila euro.

E in quei lavori era compresa anche la ristrutturazione della palestra.
Risultato? La struttura non è adeguata e i primi ad accorgersene sono stati proprio gli alunni. Fare educazione motoria in quelle quattro mura infatti comporta il rischio di prendersi un’influenza, visto che l’impianto scelto per riscaldarla si è dimostrato subito carente. La ditta che ha eseguito i lavori, la P.Q. Edilizia e Strade di Campobasso che fa capo a Quintino Pallante, ha scelto di utilizzare delle lampade radianti. Ma il progettista, che è il petacciatese Giuseppe Sciarretta, lo stesso scelto dall’Amministrazione La Palombara per diversi interventi edilizi in paese, compreso l’abbattimento delle case al paese vecchio con realizzazione di un belvedere, fa sapere che «è stato sbagliato aprire la palestra in via del tutto eccezionale. Non l’ho deciso io, le lampade devono essere ancora montate».

Una scelta che cozza con quanto consigliato dalla stessa ditta fornitrice delle lampade che le indica come inadatte per scaldare persone che fanno attività sportiva. Questo perché con quello strumento la parte centrale della palestra rimane scoperta visto che vengono installate a parete e il raggio di copertura in profondità è appena di due metri e mezzo.

Un problema, o forse si dovrebbe parlare di errore, rilevato dalla stessa struttura tecnica del Comune in fase di controlli. Delle infiltrazioni invece l’ingegner Sciarretta ritiene di non essere stato messo al corrente, sebbene ci sia una segnalazione firmata e protocollata in Comune. «Andrò a verificare - risponde - e chiederò spiegazioni. Ma i lavori sono stati fatti a norma». Quelle gocce d’acqua però sembrano dire il contrario.

(Pubblicato il 20/04/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
IMBIMBO GOMME - TERMOLI
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006