PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
La Vida Welness
 
Guerra sulla municipalizzata
300 metri quadri per 7 impiegati: la Sea cerca nuova sede. Sabatini: "Così si risparmia"
Fa discutere l’avviso pubblico con cui la municipalizzata che si occupa di rifiuti ha avviato la ricerca di un immobile al centro da 300 metri quadrati per i suoi sette impiegati. Attualmente gli uffici della società si trovano in piazza Molise: ogni mese per l’affitto di quei locali dalle casse della Sea escono quasi 38 mila euro. I 5 Stelle chiedono la rimozione dell’intero Cda ma Sabatini contrattaccano: "I nostri conti sono in ordine e ci sarà un bel risparmio".


Campobasso. Costano troppo. Le società municipalizzate vengono puntualmente bacchettate dalla Corte dei conti: gli sforzi per il contenimento della spesa sono troppo light o addirittura inesistenti. Ecco perché è apparsa inopportuna ai più pure la scelta della Sea di acquistare una nuova mega-sede da 300 metri quadrati. A chi servirà? Negli uffici della municipalizzata lavorano sette impiegati amministrativi, in più ci sono i tre membri del consiglio d’amministrazione: il presidente Stefano Sabatini, l’ingegnere Gaetano Di Niro e infine Enza Iannetta.
Nell’avviso, dello scorso 10 marzo, vengono specificate minuziosamente tutte le caratteristiche che deve avere l’immobile: dovrà essere costruito dopo il 1996, provvisto di un «parcheggio pertinenziale», avere alcune «dotazioni minime», come l’ingresso con ufficio per front office, uffici per otto postazioni di lavoro e un altro per la «presidenza/consiglieri», una sala riunioni, una o più stanze archivio (dimensioni medio grandi), un deposito materiale da distribuire alle utenze, due servizi igienici con antibagno, piccolo locale per collocazione server e stampanti di rete. La nuova sede consentirà di risparmiare quasi 38mila euro di affitto che la Sea paga al proprietario dello stabile, l’impresa Eliseo, lo stesso che ha costruito la lottizzazione Parco dei Pini e il supermercato Penny market. Una spesa ingiustificata per il Movimento 5 Stelle: ci sono una serie di immobili di proprietà del Comune di Campobasso che consentirebbero di abbattere ancora di più le spese. E’ il caso dei locali di viale del Castello, quelli di via Gramsci e la struttura di via Emilia. «Una scelta – rimarca Roberto Gravina - che premierebbe sotto un duplice punto di vista: eviterebbe sperpero di denaro per locazioni o per acquisti di nuovi immobili; genererebbe risparmio per la Sea e quindi per il Comune di Campobasso, che potrebbe reimpiegarli in vari settori o semplicemente abbassando la tassazione della Tari».

I pentastellati presenteranno una mozione per impegnare il sindaco Battista e l’assessore Ramundo ad intervenire «per revocare l’avviso pubblico e trasferire gli uffici Sea in una delle proprietà del Comune». Tuttavia, per loro si può fare di più: rimuovere il consiglio d’amministrazione visti gli scarsi risultati. «Il trio Sabatini-Di Niro-Iannetta ovvero il management voluto fortemente dal Sindaco alla guida della Sea ed il super dirigente Iacobucci, responsabile dei controlli delle municipalizzate, anch’egli di nomina sindacale, cosa hanno prodotto? Eliminando il Consiglio di amministrazione e nominando l’unica figura davvero indispensabile, quella del presidente (magari con specifiche competenze), avremmo generato ulteriore risparmio ma soprattutto avremmo potuto investire in altri settori o più semplicemente, avremmo potuto abbattere le aliquote Tari».


Accuse che scatenano la reazione del presidente della Sea Stefano Sabatini: la ricerca di un immobile si inserisce nel solco della spending review. «L’acquisto di una nuova sede, così, consentirà un risparmio per la società, anche in un’ottica pluriennale, considerando il periodo di calo del mercato immobiliare, soprattutto in riferimento a strutture secondo la metratura necessaria (circa 300 metri quadrati). L’immobile, tra le altre cose, a differenza di quanto avviene oggi, diventerà un bene di proprietà aziendale». Nessun capriccio, dunque. Anzi, l’avvocato puntualizza anche un altro aspetto: «La Sea è una delle poche società municipalizzate d’Italia ad avere i conti in perfetto ordine e a non presentare criticità di bilancio».
Infine, riserva ai pentastellati una punzecchiatura politica: «Il ‘modus operandi’ degli esponenti del Movimento 5 Stelle conduce semplicemente a denigrazioni generiche, così come in questa circostanza».
Prende le difese della municipalizzata anche il sindaco Antonio Battista: la nomina dei vertici è di sua competenza. Sulle alternative proposte dai 5 Stelle dice secco: «Sono improponibili: i locali di viale del Castello saranno presto occupati, mentre quelli di via Emilia saranno impiegati per le attività sociali dei comitati di quartiere». Al tempo stesso, il primo cittadino ammette che «la Sea ha un Cda autonomo anche se certamente è necessario risparmiare».
(SP)

LINK
La controreplica dei 5 Stelle

(Pubblicato il 12/04/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006