PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
S1M ONE - Telefonia
 
L'integrazione difficile
Aggressioni e ostilità verso i migranti, la Sinistra in allarme: “Speculazioni razziste”
Sit-in organizzato in piazza Prefettura a Campobasso nella ‘Giornata di mobilitazione nazionale’ proposta dalla Rete delle città italiane contro il decreto legge che inasprisce il contrasto all’immigrazione. Nelle ultime settimane, in provincia di Isernia, si sono verificati alcuni episodi di violenza. L’ultimo a Rocchetta al Volturno, dove un ospite del centro di accoglienza ha tentato di aggredire con un coltello una cuoca. Il presidente del consiglio comunale, Michele Durante: “Si sta cercando di ottenere consenso spostando l’attenzione delle proprie comunità sull’importanza della sicurezza. Quelli accaduti ultimamente in Molise li considererei fatti isolati, direi casuali. Li chiamerei episodi di violenza tra uomini”.


Campobasso. Con i decreti legge ‘Minniti-Orlando’sono state emanate “Disposizioni urgenti per la tutela della sicurezza delle città e per l’accelerazione dei procedimenti in materia di protezione internazionale, nonché misure per il contrasto dell’immigrazione illegale”. Detta in parole povere, sono in arrivo modifiche alla gestione degli sbarchi di migranti anche attraverso la previsione dell’apertura di nuovi, e rinominati, Cie (i centri di identificazione ed espulsione degli stranieri irregolari), sostituiti da diciotto “Centri di permanenza per il rimpatrio” (Cpr), ognuno con una capienza di circa cento posti, situati lontano dai centri urbani. Inoltre, sono state inserite procedure più rapide per l’espulsione degli immigrati irregolari.Nello specifico, l’obiettivo primario del decreto, annunciato dallo stesso Gentiloni, consiste nella velocizzazione del procedimento per il riconoscimento del diritto d’asilo, facilitando «i meccanismi e i sistemi necessari per i rimpatri dei migranti che non hanno diritto all’asilo». Il modo con cui si è fatto fronte all’interminabile attesa di riconoscimento, consiste nell’eliminazione di un grado di giudizio, in particolare il secondo. Il decreto è stato confermato con un voto di fiducia in Senato. Nei prossimi giorni passerà per la Camera.
Una ricostruzione necessaria per capire meglio su cosa oggi, 8 aprile, è stata improntata la giornata di mobilitazione nazionale, proposta dalla Rete delle Città in Comune. A Campobasso il sit-in si è svolto in piazza Prefettura, alla presenza di Michele Durante, presidente del consiglio comunale nonché punto di riferimento di ‘Lab-l’Isola che c’è’ e di Rifondazione Comunista, rappresentata dal segretario cittadino, Ciccio Di Lucia e dallo storico esponente Silvio Arcolesse.
Una questione, quella dei migranti e dei problemi ad essa connessa, che anche in Molise inizia ad inviare segnali di ostilità. Non hanno aiutato certamente alcuni episodi di violenza che sono accaduti in provincia di Isernia: risse tra immigrati e aggressioni che hanno coinvolto anche i residenti. L’ultimo a Rocchetta al Volturno, dove un uomo ha tentato di aggredire una cuoca del centro di accoglienza con un coltello. L’episodio ha scatenato una colluttazione tra gli stessi ospiti che hanno cercato di fermare il camerunense. Solo una decina di giorni fa, a Cantalupo, un uomo fu gravemente ferito con una spranga di ferro. Un argomento delicato, sul quale Michele Durante dice la sua: «Si sta cercando di ottenere consenso spostando l’attenzione delle proprie comunità sull’importanza della sicurezza, allontanando chi è considerato fonte di degrado. Non è possibile che questa accada in un Paese in cui i reati predatori e contro la persona sono in calo.
E’ vero, abbiamo avuto due episodi ultimamente a Isernia ma sono gli unici, direi casuali. Io lo chiamerei episodi di violenza tra uomini. Sappiamo che affrontando questa tema non si prendono gli applausi, ma noi dobbiamo avere la correttezza e l’intelligenza di governare i processi, assicurando il secondo grado di giudizio a tutti, al di là di tutto».
«Con le sanzioni amministrative contro persone senza dimora, migranti senza regolare permesso, persone in stato di povertà estrema e in situazione di disagio sociale ed economico, in nome della sicurezza e del decoro urbano – ha spiegato Durante – si colpiscono i poveri, ma non le cause della povertà». E poi rincara la dose: «Ci sono tante persone che stanno speculando sulla pelle della povera gente, noi le combatteremo politicamente in tutte le sedi opportune. Questo è il problema, non la mistificazione dell’immigrato a 35 euro “mentre i miei figli sono senza lavoro”, questa è la forma di contrasto che si fa. Non può essere un modo di pensare di un Paese civile».
L’attuale sistema di accoglienza è basato su sei “Centri di identificazione ed espulsione” dove i migranti vengono trattenuti prima di essere espulsi dal territorio italiano. Attualmente il sistema ha una capienza di circa seicento posti. I Cie sono da anni molto criticati perché ospitano i migranti in condizioni poco dignitose, che più volte hanno causato rivolte e scontri con la polizia. «I migranti sono delle persone e non meritano queste attenzioni speciali – afferma il segretario cittadino di Rifondazione Di Lucia –. Questo inasprimento delle misure di sicurezza è un modo per criminalizzare la questione migranti e della povertà diffusa. Bisogna fare una lotta alla povertà e non ai poveri. Questa giornata serve ad alzare la voce contro queste politiche del Governo. La società italiana si è sempre distinta per un certo tipo di accoglienza, di stato sociale. Crediamo che questo decreto vada contro la nostra storia. Lo riteniamo antidemocratico perché non è stato neanche discusso in Parlamento».

(Pubblicato il 08/04/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Planner Sposi
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006