PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
S1M ONE - Telefonia
 
Cronache
Strada vietata a moto e bici, i soldi ci sono ma i lavori non partono: "La pazienza è finita"
A giugno 2016 la Provincia di Campobasso ha dato in appalto un lavoro da 2 milioni di euro per il rifacimento della provinciale 63 che collega Castelmauro, Civitacampomarano e Acquaviva Collecroce, un’arteria dove da anni è vietato andare in moto o in bici per quanto è pericolosa. Ma da allora i lavori non sono ancora partiti. Ritardi inconcepibiliche fanno esplodere la protesta del primo cittadino di Castelmauro Angelo Sticca. «La burocrazia è più lenta delle frane. Il tempo delle chiacchiere è finito, bisogna aprire urgentemente i cantieri». Ma il presidente Battista assicura: «Inizieranno a giorni».


Castelmauro. Nella regione delle frane in cui andare da un paese all’altro percorrendo pochi chilometri è un’impresa, a causa di strade spesso impraticabili, succede persino che quando i soldi ci sono, non vengono spesi o meglio i lavori già appaltati non vengono fatti partire. E’ il paradossale caso della strada provinciale 163 che collega i territori di Castelmauro, Civitacampomarano e Acquaviva Collecroce. Una mulattiera, come la definisce chi amministra. Un vero pericolo per chi la percorre. Al punto che da tempo c’è il divieto di circolazione per moto e bici. Non possono passare, troppo pericoloso.

Ma a nove mesi dall’assegnazione dei lavori, il cantiere infatti non è ancora partito. Adesso il sindaco di Castelmauro, Angelo Sticca, sbotta: «Il tempo della pazienza e del buon senso è finito. E’ il momento di concretizzare le chiacchiere e aprire i cantieri con urgenza assoluta». Interpellato da primonumero.it, il presidente della Provincia di Campobasso, Antonio Battista, assicura che «partiranno a giorni».

Non ne può più il primo cittadino di Castelmauro che, come tanti altri sindaci, deve sopportare le proteste legittime di cittadini costretti a rischiare la propria incolumità soltanto per raggiungere i paesi limitrofi.
Ma questo è un caso diverso. Stavolta i soldi ci sono visto che, come sottolinea oggi Angelo Sticca, «con delibera di riprogrammazione dei fondi della viabilità FSC 2007- 2013, nei primi mesi del 2016 la Regione ha finanziato un importante intervento di messa in sicurezza della SP 163 nei territori di Castelmauro, Civitacampomarano e Acquaviva Collecroce per un importo di 2 milioni di euro». La ditta vincitrice dell’appalto è la molisana Sicop di Vinchiaturo.

Eppure, nonostante quell’importante finanziamento «sono trascorsi nove mesi dall’appalto da parte della Provincia di Campobasso e ancora non avviene la consegna dei lavori all’impresa aggiudicataria. Nonostante le continue e ripetute sollecitazioni scritte e verbali, non tutti sono riusciti a comprendere la drammatica situazione in cui versa la viabilità di questo territorio e la necessità di interventi celeri e con tempi certi» afferma la fascia tricolore di Castelmauro.

Il suo omologo di Civitacampomarano, Paolo Manuele, gli dà manforte. «Ha perfettamente ragione, la condivido in pieno. Di fatto la situazione è questa». Ma Manuele entra anche nello specifico punto da cosa deriva tutto questo ritardo? «Dall’ultima riunione che abbiamo fatto a fine febbraio - spiega Manuele -, era emerso che non era ancora stato firmato il contratto. A me sembra quasi una barzelletta, perché c’è stato detto che erano cambiati gli uffici e c’erano stati altri problemi, ma dico 9 mesi sono 270 giorni. Io capisco, come ci dicono sempre ,che le province sono alla canna del gas, ma stavolta i soldi ci sono e quindi anche quando dovresti essere operativo ci metti del tuo».

I sindaci hanno una visione piuttosto concorde su il distacco che esista ormai fra gli enti che governano la Regione e la Provincia e i territori.
«Non c’è dialogo, manca condivisione. Per dire, io che sono sindaco di Civitacampomarano, non conosco affatto il progetto di rifacimento della provinciale 163».

Sticca invece rimarca come quello della SP 163 non sia affatto un caso isolato. «In questo momento quasi tutte le arterie stradali del territorio sono praticamente chiuse o in condizioni pessime, tutte interessate da frane e dissesti idrogeologici e nella migliore delle ipotesi, completamente dissestate e impraticabili. La SP 163 è addirittura interdetta al traffico per cicli e motocili da oltre due anni e ormai la possiamo classificare come una strada mulattiera. Purtroppo anche quando, come in questo caso ci sono dei fondi da spendere, lo facciamo ad una velocità ridotta. Le frane si muovono molto più velocemente della nostra burocrazia e anche della volontà di alcuni a risolvere i problemi. Oggi credo siano ampiamente scaduti i tempi della pazienza e del buonsenso, credo sia arrivato il momento di concretizzare le chiacchiere ed aprire i cantieri con urgenza assoluta».

La richiesta del sindaco di Castelmauro è quella di un coordinamento di un tavolo tecnico al Prefetto di Campobasso per capire le cause del ritardo e chiedere l’immediata consegna dei lavori. «Sono pratiche lunghe, per questo ci è voluto tutto questo tempo» spiega Antonio Battista. Il presidente della Provincia di Campobasso inoltre fa sapere che «i lavori partiranno a giorni, la firma del contratto c’è stata e il cantiere può essere avviato». (sdl)

(Pubblicato il 04/04/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Planner Sposi
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006