PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Cianciosi srl
 
Cronache
A piedi o in bici su tutta la costa molisana: ecco la Via Nova del Mare. Interventi per 6,7 mln
Il Comune di Termoli ha dato il proprio via libera alla realizzazione di un’opera che promette di collegare l’intero litorale molisano da percorrere esclusivamente a piedi, in bici o con mezzi elettrici. Si tratta della Via Nova del Mare, uno dei punti cardine del documento strategico dell’Area Urbana di Termoli. Mobilità e turismo sostenibili assieme a interventi di valorizzazione del patrimonio naturalistico e culturale per un totale di 6 milioni e 700 mila euro di finanziamenti quasi esclusivamente europei.


di Stefano Di Leonardo

Termoli. Il nome fa pensare a tempi antichi in cui camminare a piedi era la normalità e farlo in mezzo alla natura non aveva l’eccezionalità di oggi: è la via Nova del Mare lungo la “Costa dei Delfini”, la strada interamente dedicata a bici, pedoni e mezzi elettrici che nelle intenzioni dovrebbe collegare l’intero litorale molisano, andando a congiungersi a nord con una analoga opera fino a Pescara e a sud addirittura fino a Santa Maria di Leuca, in provincia di Lecce. Si tratta dell’opera di maggiore richiamo fra quelle contenute nel documento strategico dell’Area Urbana di Termoli approvato a maggioranza dal consiglio comunale lo scorso 30 marzo. Un documento che intende utilizzare, in accordo con altri paesi del Basso Molise, fondi europei per 6 milioni e 770 mila euro circa.

L’Area Urbana di Termoli comprende infatti quattro Comuni: oltre alla città adriatica, ci sono Campomarino, San Giacomo degli Schiavoni e Guglionesi che hanno deciso di mettersi insieme per la realizzazione di infrastrutture e interventi volti a migliorare il territorio sotto il punto di vista economico-sociale. «Le priorità – ha dichiarato Angelo Sbrocca in consiglio comunale – sono la mobilità sostenibile, il sociale e il turismo sostenibile».

Proprio a proposito di mobilità sostenibile ecco il progetto forse più appariscente: la via Nova del Mare «una infrastruttura leggera in grado di supportare lo sviluppo di aree marginali e riqualificare quelle degradate, nonché fornire nuovi servizi e opportunità di svago». Prevista quindi la realizzazione di «una rete infrastrutturale leggera di mobilità sostenibile e intermodale (pedonale, ciclabile, carrabile con mezzi elettrici, su ferro lungo alcuni tratti di ferrovia in via di dismissione)». La via Nova del Mare, definita in consiglio una "ciclovia, sarà costituita da diverse strade non carrabili, tutte connesse fra loro.

Tre di esse si snoderanno su altrettanti camminamenti di pianura quali le lungovalli del Biferno, del Sinarca e di Rio Vivo, mentre l’ultimo sarà di media collina lungo il tracciato Termoli-San Giacomo-Guglionesi-Montecilfone-Palata. I punti di intersezione, secondo quanto riporta il documento programmatico, saranno i principali nodi strategici di attrazione turistica sotto vari punti di vista: culturale, ambientale, storico, enogastronomico, sportivo, legato al benessere.

Il progetto è composto da parti diverse, a cominciare dalla litoranea Termoli-Campomarino col proseguimento della pista pedonale e ciclabile che attualmente partono dal porto di Termoli e si dirigono verso Rio Vivo per poi interrompersi all’altezza dei lidi balneari sud della città. Prevista la realizzazione di quattro chilometri di viabilità «valorizzata da alberi, piste ciclabili e collegamenti con la mobilità sostenibile, la riqualificazione di fasce di territorio adiacenti degradate, in cui sono carenti servizi e infrastrutture». Secondo quanto si legge sul documento strategico «il nuovo tracciato sarà dotato di fibra ottica o reti wireless a disposizione degli utenti, di un sistema di mobilità con mezzi elettrici pubblici e privati, possibilità di car sharing e bike sharing, oltre ad aree di sosta per pedoni e mezzi».

Il secondo tratto sarà il completamento del lungomare nord-Petacciato.
Idea Arredo
In parte questo tratto è in fase di realizzazione se si pensa ai lavori di completamento del litorale nord termolese fino alla Torretta, dove fra qualche settimana sarà pronta la pista ciclabile e il percorso pedonale. Ma c’è da dire che dopo la Torretta andando verso nord e fino a contrada Fucilieri una pista ciclabile c’è già. Però è diventata negli anni poco meno di un parcheggio per chi deve accedere ad appartamenti e locali che si trovano a ridosso della spiaggia. Anche Petacciato marina dispone di una posta ciclabile dal semaforo della statale 16 fin quasi al distributore Eni, ma anche questa è abbandonata e quasi coperta dalle erbacce (foto qui sopra).

Chiaramente nell’idea di nuova mobilità c’è tanto altro. Il Comune di Termoli fa molto affidamento sull’approvazione del nuovo piano regolatore portuale e intende sviluppare una rete di collegamento con l’altra sponda dell’Adriatico, in particolare col porto croato di Ploce, nonché quelli di Spalato e Dubrovnik. «L’istituzione di un’eventuale entrata in servizio della linea Termoli-Ploce consentirebbe un aumento del 20 per cento del traffico marittimo complessivo» sostengono i redattori del documento strategico.

(Pubblicato il 13/04/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006