Planner Sposi
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
CIAK - Termol
 
Politica
Tassa rifiuti, tariffe stabili: "Ma i costi sono lievitati e col porta a porta nessun risparmio"
Approvato ieri 30 marzo in consiglio comunale il piano finanziario e le nuove tariffe della tassa dei rifiuti. Le tariffe cambiano di poco, con qualche leggero aumento e rare diminuzioni. Ad aumentare tuttavia è il piano complessivo. «In quattro anni è aumentato di oltre un milione di euro» ha sottolineato l’ex sindaco Di Brino. «Chi subisce di più sono le persone più in difficoltà» ha aggiunto Nick Di Michele. L’assessore Ferrazzano ha difeso le scelte dell’Amministrazione: «Costi di conferimento in discarica più alti», mentre Oscar Scurti ha chiarito che «i maggiori incrementi non sono stati decisi da questa maggioranza». Ma sotto accusa c’è anche una differenziata che funziona male e non fa risparmiare.


Planner Sposi
Termoli. A guardare i più e i meno delle tariffe 2017 della Tari, la tassa dei rifiuti, rispetto a quelle dell’anno precedente, spunta fuori che il risparmio maggiore ce l’avranno le banche. Per loro 1,10 per cento in meno di aliquota. Risparmi anche per supermercati e capannoni industriali, mentre per mense e birrerie si segnala un +3,04 per cento e ortofrutta e pescherie avranno un’aliquota maggiorata del 2,27 per cento. Quasi identici gli altri coefficienti, con aumenti che non raggiungono l’un per cento rispetto al 2015/2016. E’ quanto deciso ieri 30 marzo in consiglio comunale all’approvazione per piano finanziario e delle tariffe della Tari.

Per maggioranza e minoranza due modi completamente diversi di leggere le carte. «Non abbiamo chiesto ulteriori sacrifici ai cittadini, le tasse non aumentano» ha esordito l’assessore al Bilancio, Vincenzo Ferrazzano. «L’imposizione fiscale è immutata». Ma l’opposizione è stata fortemente critica.

«Chi ha una casa di 50 metri quadrati in cui vivono tre persone paga 8 euro e 23 in più - ha affermato Nicolino Di Michele del Movimento Cinque Stelle. Su 100 metri quadrati l’aumento è solo di 1 euro e 81, e con appartamenti più grandi c’è anche un risparmio rispetto a un anno fa. So che i costi della differenziata sono altissimi, ma bisognava cercare di diminuire il costo della bolletta. La raccolta porta a porta doveva portare un risparmio che non c’è stato. Spero che con il nuovo servizio questo avvenga».

Sulla stessa lunghezza d’onda Antonio Di Brino. «Il piano finanziario è aumentato di oltre un milione in quattro anni, passando da 5 milioni e 567mila euro del 2013 a 6 milioni e 587mila euro del 2017. So che sono aumentati i costi di conferimento in discarica, ma non solo quelli: anche la parte fissa come i costi comuni diversi e altri costi». In particolare i cosiddetti costi comuni diversi hanno avuto un’impennata di oltre 90mila euro in un anno. Lo smaltimento dell’indifferenziato al contrario è sceso da 1,453 milioni di euro a 1,336 milioni dal 2016 a oggi.

«Passano gli anni, ma la musica non cambia. La maggioranza non ha abbassato una sola tassa per quanto riguarda i tributi locali e la tassa sui rifiuti, dovendo la stessa coprire l’intera spesa, è persino aumentata. Nel piano finanziario c’è un milione di euro in più da coprire» ha detto Annibale Ciarniello mentre Daniele Paradisi ha puntato il dito contro «l’inefficienza del servizio di raccolta differenziata» ricordando come «i cittadini hanno spesso fotografato rifiuti mischiati all’interno dei camion di raccolta»..

Inefficienza per altro condivisa dai banchi della maggioranza. «A Rio Vivo, sulla strada che dall’Ultravolo porta alla Fiat è qualcosa di indecente per l’immondizia che c’è. C’è gente che non dichiara di avere casa a Termoli e quindi non ha i mastelli per differenziare» ha segnalato Salvatore Di Francia.

Dai banchi della maggioranza una difesa strenua del piano finanziario.
Idea Arredo
«Il dato generale – ha sottolineato il capogruppo Pd Antonio Sciandra - è che le tariffe non sono aumentate. È stato mantenuto un buon range per la parte fissa, che per il 55 per cento deriva da utenze domestiche. Credo sia un piano giusto ed equo da approvare». Anche lui ha condiviso l’opinione secondo cui «bisogna spingere i cittadini a differenziare di più».

Su questo Ferrazzano ha garantito che col nuovo servizio si cercherà non solo un miglioramento dei risultati, oggi fermo a un 52 per cento di rifiuti differenziati molto migliorabile, ma anche a far spendere ai cittadini in base a quanto differenziano. «Andremo verso l’applicazione della tariffa puntuale e stiamo spingendo per il riuso. Ci sono coefficienti che sono fissi mentre l’aumento dei costi è dovuto al fatto che nel 2015 la Regione ha aumentato il costo del conferimento in discarica».

Oscar Scurti, presidente della commissione Bilancio, ha voluto puntualizzare che «nel 2013, anno a cui si riferisce Di Brino, si pagava ancora la Tares, mentre questa è la Tari che è diversa. L’aumento principale è avvenuto nel 2014 quando è stata introdotta questa tassa e il commissario prefettizio applicò quanto previsto dalla legge. Noi in questi anni abbiamo aumentato i costi. Se si guardano i dati dal 2015 al 2017 si nota infatti un piccolissimo aumento. La maggior parte quindi non è dovuta a questa Amministrazione comunale». Il piano e le tariffe hanno ottenuto quindi via libera coi soli voti della maggioranza. (sdl)

(Pubblicato il 31/03/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Chateau dAx
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006