PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
CIAK - Termol
 
Cronache
Fondi sisma, 8 indagati per truffa e falso. Oltre a Facciolla anche il sindaco e 4 assessori
L’ipotesi di reato al vaglio della magistratura frentana è che Vittorino Facciolla, assessore regionale, avrebbe percepito in modo illecito 155mila euro di fondi del terremoto per ristrutturare la sua villa in paese. Oggi le Fiamme Gialle si sono presentate con due pattuglie, prima dell’apertura degli uffici pubblici, nel Comune di San Martino. Per ore i militari hanno prelevato atti, documenti, delibere in relazione alla vicenda dei fondi sisma, notificando avvisi di garanzia al sindaco Massimo Caravatta e alla Giunta comunale, che ha avallato la sanatoria con la quale si scavalca il limite dell’ordinanza sul beneficio ai nuovi proprietari. Indagati anche due funzionari del Comune. L’inchiesta è della Procura della Repubblica di Larino e segue l’esposto presentato da Oreste Campopiano circa la presunta illegalità dei benefici. Del caso si sono occupate, di recente, anche le Iene di Italia 1.


Planner Sposi
San Martino in Pensilis. L’inchiesta sui fondi del terremoto percepiti – in maniera illecita secondo la denuncia che ha avviato l’iter - dall’attuale assessore regionale Vittorino Facciolla per ristrutturare la sua villa a San Martino in Pensilis, esplode con il blitz della Guardia di Finanza in Municipio per l’acquisizione di documenti, e con la notifica di 8 avvisi di garanzia consegnati, su mandato della Procura della Repubblica di Larino, ad altrettanti indagati.


Il nome di maggiore spicco è ovviamente quello di Vittorino Facciolla, numero due della Giunta Regionale, ex sindaco di San Martino e attuale consigliere di maggioranza nell’assise comunale. Oltre a Facciolla sono indagati anche il sindaco Massimo Caravatta e gli assessori del Comune Filomena Saracino, Michele D’Alesio, Carmen Vitale e Maurizio Di Domenico. E poi due funzionari dello stesso Comune, il segretario e il responsabile di settore. Truffa ai danni dello Stato è l’ipotesi di reato più grave, ma non l’unica. C’è anche l’abuso di ufficio e il falso.
Questa mattina, 30 marzo, due pattuglie della Guardia di Finanza di Termoli, su incarico del Procuratore di Larino Ludovico Vaccaro titolare dell’inchiesta insieme con il pm Meo, sono arrivate a san Martino per il sequestro dei documenti e contestualmente per notificare le informazioni di garanzia agli indagati.


Le Fiamme Gialle hanno recapitato l’avviso di garanzia nello studio legale di Facciolla,dove sono arrivati gli ufficiali giudiziari con il provvedimento. Visitate le abitazioni degli altri, mentre con l’apertura degli uffici pubblici i militari – sia in divisa che in borghese – cominciavano a passare al setaccio le carte, in modo particolare le delibere di Giunta Comunale che hanno concesso la sanatoria all’attuale l’assessore all’Agricoltura della Regione Molise, finito al centro di un caso scottante dopo la denuncia dell’avvocato termolese Oreste Campopiano e con la puntata delle Iene dedicata alla vicenda. L’inchiesta della Procura della Repubblica di Larino è partita da questi due elementi: le carte sono state esaminate, e altre – nella loro versione originale – sono state sequestrate oggi in Comune.


L’inchiesta sulla quale ora si concentra l’attenzione di tutta la Regione, se non altro per il ruolo di vertice istituzionale del principale indagato e anche per ipotetiche ripercussioni di natura politica, riguarda la vicenda dei fondi pubblici per la ristrutturazione di case terremotate acquistate dall’ex sindaco di san Martino in Pensilis Vittorino Facciolla, attuale assessore regionale all’Agricoltura e vice presidente della Giunta.

Facciolla, che a San Martino è anche consigliere di maggioranza, ha beneficiato di 155mila euro di contributi pubblici per ristrutturare una casa in paese acquistata molti anni dopo il terremoto del 2002. Ne aveva diritto? E’ la domanda alla quale la Procura di Larino, che al momento ha iscritto otto persone sul registro degli indagati per truffa, abuso e falso, deve dare una risposta.


Il caso era stato sollevato dall’avvocato Oreste Campopiano e riguarda in modo particolare la "sanatoria" fatta dal Comune di San Martino in Pensilis per legittimare l’erogazione di contributi pubblici ai nuovi proprietari di abitazioni lesionate dal sisma, secondo quella che si configurerebbe essere una violazione della norma fatta all’epoca da Michele Iorio con una ordinanza apposita, «per evitare speculazioni».


Nell’esposto che Campopiano (primo dei non eletti alle ultime Regionali proprio con la lista di Facciolla, con il quale poi è arrivato ai ferri corti) ha inoltrato alla Procura frentana, si fa riferimento al fatto che Facciolla ha violato la normativa, riscendo a ottenere un contributo consistente con l’avallo della Giunta comunale e del sindaco Massimo Caravatta, che invece ha sempre difeso l’operazione ritenendola coerente con la interpretazione della normativa e con il parere della Protezione Civile che "estende" il beneficio economico ai nuovi proprietari di abitazioni.

L’assunto della denuncia sulla quale gli inquirenti stanno lavorando dice che è stata palesemente violata la legge contenuta nei regolamenti del Peu (progetti edilizi unitari) la quale stabilisce un principio chiaro: per evitare speculazioni e compravendite di interesse possono accedere al fondo a disposizione per ristrutturare immobili danneggiati dal terremoto solo coloro che risultano proprietari delle case lesionate al momento del sisma stesso, quindi nel 2002, oppure i parenti degli stessi sino al 4 grado di parentela».

Vittorino Facciolla ha acquistato per 50mila euro, per ampliare la sua abitazione in paese, tre locali lesionati dal sisma del 2002 in via Frontiera.
Idea Arredo
Il Comune di San Martino in Pensilis ha autorizzato il trasferimento del beneficio con una sanatoria che per Campopiano è in palese contrasto con la legge, mentre per il diretto interessato e per il sindaco del paese, subentrato alla guida del Municipio con le dimissioni del predecessore Facciolla, passato in Regione, è compatibile con il parere daTo dalla Protezione Civile sulla "estensione" del contributo ai nuovi acquirenti.

Interpellato dalle Iene, trasmissione di Italia 1 che di recente ha mandato in onda una puntata dedicata, lo stesso Facciolla aveva dichiarato di aspettare fiducioso l’esito della magistratura. Magistratura che ora si è messa al lavoro per chiarire la vicenda dal punto di vista giudiziario. Come lui anche il sindaco Caravatta si era detto certo che l’intervento della magistratura avrebbe fatto chiarezza.

Vittorino Facciolla dopo la messa in onda della puntata delle Iene dedicata al suo caso, messo in relazione con altri proprietari di abitazioni lesionate dal sisma che a 14 anni dalla scossa non hanno percepito un centesimo, aveva dato la sua versione in una conferenza stampa "benedetta" da paolo Frattura, dall’assessore Veneziale e da Micaela Fanelli, presenti anche loro per solidarietà. «Non consento a questi neofiti della politica di pensare che ci siano zone d’ombra nelle mie condotte o che ci sia una questione morale che mi appartenga» aveva detto riferendosi a cronisti e detrattori, garantendo di aver rispettato la legge senza essersi procurato, nel suo ruolo di sindaco prima e consigliere poi, «alcun vantaggio ingiusto rispetto alla percezione dei 155 mila euro che non sono andati a me direttamente ma all’impresa edile che ha realizzato i lavori peraltro non ancora ultimati» e usati per ristrutturare i tre vani attigui alla sua abitazione, e acquistati molti anni dopo il terremoto del 2002.

(Pubblicato il 30/03/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Planner Sposi
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006