PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
S1M ONE - Telefonia
 
Cronache
Fiat, scoperta microcamera nello spogliatoio delle donne. Tecnologo rischia licenziamento
Strana vicenda quella che si è verificata nell’azienda metalmeccanica di Termoli, collegata alla sospensione che precede il licenziamento di un 50enne bassomolisano. Nello spogliatoio femminile è stata scoperta, durante una perquisizione, una piccola telecamera puntata sull’armadietto di una lavoratrice in particolare. Secondo i primi riscontri ci sarebbe un collegamento diretto col provvedimento aziendale che ha colpito un tecnologo in servizio alla Fiat. Le indagini proseguono, e sono diverse da quelle dei carabinieri della Compagnia di Termoli che invece si concentrano su un altro lavoratore, ma non della Fiat, trovato in possesso di droga.


Planner Sposi
Termoli. Una vicenda ancora tutta da chiarire quella che vede un dipendente della Fiat di Termoli al centro di un caso di cui si sta chiacchierando moltissimo in azienda. L’uomo, secondo i primi e parziali riscontri, avrebbe posizionato una telecamera formato micro nello spogliatoio delle lavoratrici. L’aggeggio informatico, direttamente collegato a uno smartphone, è stato trovato durante un sopralluogo mirato da parte della sorveglianza interna, che ha raccolto il sospetto di una dipendente. La stessa, una giovane operaia della Fiat di Rivolta del Re, sarebbe stata il bersaglio della gravissima violazione di privacy. La microcamera infatti era stata posizionata in modo da “puntare” proprio al suo armadietto e quindi alla sua figura.


Nei giorni scorsi il “blitz”, che ha trovato conferma ai dubbi della stessa giovane donna. Sulla vicenda sono in corso indagini mirate, che da subito hanno portato a identificare il presunto autore del reato. Si tratterebbe di un tecnologo di circa 50 anni residente in un Comune bassomolisano. L’uomo, finito per essere considerato il responsabile sulla base di elementi ancora al vaglio degli investigatori, è già stato sospeso dal lavoro. E rischia il licenziamento: la Fiat non sarà certo disposta a chiudere un occhio, e anzi secondo le voci che circolano nei reparti la stessa lettera di sospensione temporanea - ,ma senza una scadenza – dal lavoro è il primo passo per un licenziamento per “giusta causa”. Se sarà così resta da vedere. Al momento sono ancora scarsi gli elementi che possano dipingere una fotografia più chiara di quanto accaduto.
Idea Arredo
Si sa soltanto che effettivamente una microcamera è stata scoperta nello spogliatoio femminile, e che a questa scoperta ha fatto seguito la sospensione dell’impiegato.

In fabbrica, dove la vicenda è stata tenuta riservata il più possibile, nei giorni scorsi di molteplici possibili cause dietro l’improvvisa lettera di sospensione del cinquantenne. Molti hanno immaginato che fosse la conseguenza di un quantitativo di droga scoperto nel suo armadietto, ma invece lo stupefacente non c’entra affatto in questo caso. Riguarda, invece, una indagine parallela, svolta dai carabinieri di Termoli e concentrata di un altro lavoratore, ma non della Fiat, nella cui abitazione è stato trovato stupefacente e sul quale insiste il sospetto di spaccio, avallato da pedinamenti e filmati girati dagli stessi investigatori che tuttavia non hanno concluso l’indagine.

(Pubblicato il 06/03/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Planner Sposi
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006