PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
La Vida Welness
 
Cronache
Dopo i disordini via i migranti dall’ex asilo: Il Prefetto chiude il centro, tutti trasferiti
Smantellato nella mattinata di oggi, 2 marzo, il centro di accoglienza per richiedenti asilo di via Roma, dove martedì c’è stata una violenta protesta da parte di un gruppetto di nigeriani sfociata in 5 denunce. A pesare sulla decisione di Maria Guia Federico, da poco al vertice della Prefettura, anche la mancanza di requisiti relativi alla agibilità della struttura, un ex asilo. I 27 ospiti fra cui anche donne e bambini, sono stati trasferiti a Roccavivara.


Palata. Sono stati trasferiti in blocco i 27 profughi ospiti dal mese di ottobre 2016 del centro di accoglienza di Palata.
La rivolta di martedì mattina, che ha visto circa 10 giovani nigeriani fra i quali anche due donne protestare violentemente contro i ritardi dei permessi di soggiorno e la qualità del cibo, ha pesato non poco - secondo quanto riferito in paese - sulla decisione del Prefetto di Campobasso Maria Guia Federico, che con suo provvedimento ha disposto il trasferimento coatto di tutti gli ospiti.

Cinque le denunce che i carabinieri della stazione di Palata, coordinati dal maresciallo Michele Tartaglia, hanno fatto al termine dei disordini, durante i quali sono stati rovesciati tavoli e sedie, rotti piatti e bicchieri. Ma è anche la mancanza di determinati requisiti dello stabile a incidere sulla decisione del Prefetto: questioni di agibilità emerse a distanza di alcuni mesi dall’arrivo dei 27 migranti richiedenti asilo, in prevalenza di nazionalità africana fra i quali anche alcune donne e due bambini.

Con i furgoncini, questa mattina, sono stati accompagnati nel centro di prima accoglienza di Roccavivara, ma solamente gli uomini. Le donne e i piccoli sono stati sistemati tra Castelmauro e Bojano.

Si chiude quindi in questo modo una vicenda che a Palata ha tenuto banco per settimane, caratterizzata da una decisa opposizione alla presenza dei profughi da parte di un comitato costituito sì per l’occasione, e che tra i propri membri annoverav
a anche esponenti dell’amministrazione comunale.

La situazione da ottobre a febbraio non ha registrato in realtà problemi, e anzi i migranti sono stati accolti dalla maggioranza della popolazione con doni e aiuti materiali tanto che la cooperativa che aveva ottenuto la gestione del centro, la Marinella del Consorzio Matrix, si era detta decisamente soddisfatta per la modalità e i tempi con i quali era rientrata la protesta di una parte della popolazione.

Tuttavia la rivolta inscenata martedì scorso ad opera di cittadini di nazionalità nigeriana ha drasticamente modificato il quadro, e ha accelerato la decisione del Prefetto di chiudere il centro di prima accoglienza in via Roma, l’ex asilo di proprietà privata ristrutturato e riconvertito in una struttura per migranti.

LINK
Il sindaco di Palata: stabile inagibile, noi lo avevamo detto
Proprietario edificio: struttura agibile

(Pubblicato il 02/03/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006