Chateau dAx
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
La Vida Welness
 
Rifiuti e raccolta differenziata
L’Unione verso il nuovo servizio. Ma la discarica di Guglionesi sarà ampliata: "Indispensabile"
Il nuovo bando per la raccolta differenziata porta a porta dell’Unione dei Comuni del Basso Biferno in dirittura d’arrivo dopo quasi due anni di proroghe. «Nelle prossime settimane sarà reso pubblico» dichiara il Presidente Leo Antonacci. A Guglionesi, Comune amministrato dallo stesso Antonacci, è stata avviata una gara pubblica per l’ampliamento e gestione della discarica del rifiuto non differenziato in contrada Vallone Cupo. In molti vedono l’opera in controtendenza rispetto al sistema di raccolta, non così Antonacci: «Bisogna scindere gli ambiti: qui non smaltiscono solo i Comuni dell’Unione ma anche comuni dove il porta a porta non è stato avviato o è ai minimi termini». Intanto a San Martino in Pensilis, comune che la scorsa estate ha deciso di uscire dal servizio di raccolta differenziata gestito dall’Unione dei Comuni, riparte dalla Giuliani Environment Srl, che si è aggiudicata la gara d’appalto comunale.


di Alessandro Corroppoli

Bassomolise. «Siamo in dirittura d’arrivo, siamo nella fase terminale. A giorni il bando sarà reso pubblico». Così Leo Antonacci, Presidente dell’Unione dei Comuni del basso Biferno, sulla presentazione del bando di gara sul servizio di raccolta differenziata porta a porta dell’Unione dei Comuni del basso Biferno. Il servizio, ricordiamo, è in una fase di proroga sin dal primo ottobre del 2015: diciotto mesi di transizione che dovrebbero terminare il prossimo 31 marzo quando, appunto, terminerà l’ultima proroga.

«Abbiamo avuto qualche ritardo - continua il Presidente - perchè eravamo in attesa delle osservazioni tecniche del Comune di Campomarino in merito al Lido. Non vogliamo ripetere gli errori commessi la scorsa volta ma offrire un servizio migliore che possa agevolare in tutti i modi la differenziazione del rifiuto e la salvaguardia dell’ambiente». Ancora qualche dettaglio da limare quindi, e poi l’attesa sarà terminata. «E’ tutto pronto ormai: nei giorni scorsi si è svolta la riunione di Giunta dell’Ente unionale, mentre tra martedì 21 e mercoledì 22 verrà convocato il Comitato dei Sindaci. Se non ci saranno intoppi tecnici, come credo, - continua Antonacci - nella prima decade di aprile il nuovo servizio sarà attivo».

Di tenore opposto, invece, il clima al Comune di San Martino in Pensilis dove sia il bando di gara che l’aggiudicazione sono stati effettuati da qualche mese. Il Comune basso molisano, del quale è originario l’assessore regionale Vittorino Facciola, la scorsa estate, un po’ a sorpresa, decise di fare un passo indietro rispetto agli altri nove comuni dell’Unione e di voler gestire in maniera autonoma il servizio di raccolta differenziata sia per migliorarlo tecnicamente sia per ottimizzarlo sotto il profilo economico.

Tante sono state le ditte, regionali e non, che hanno partecipato alla gara. Tuttavia, all’aperture delle buste, avvenuta lo scorso 15 dicembre, la miglior offerta è risultata quella fatta dalla Giuliani Environment Srl che si è aggiudicata la gestione del servizio per i prossimi cinque anni per un totale di quasi 840mila euro. Denaro con il quale l’azienda campobassana provvederà al ritiro dei rifiuti dalle abitazioni, i locali e gli uffici per depositarli nell’Ecopunto comunale. Non sono compresi nell’aggiudicazione dell’appalto lo spazzamento delle strade, il trasporto del rifiuto dall’Ecopunto in discarica e la gestione dell’area ecologica. Servizi che, presumibilmente, saranno a carico dell’ente comunale. Tutto era pronto per il primo febbraio, ma problemi tecnici dell’ultima ora ne hanno rinviato l’avvio. Si presuppone, quindi, che il nuovo corso prenderà il via al termine della proroga che ancora lega San Martino, così come del resto i comuni dell’Unione, alla Tekneko sino al prossimo 31 marzo.

Parallelamente alla riorganizzazione dei servizi comunali (ricordiamo anche Termoli, dove saranno tre le ditte a gareggiare per aggiudicarsi il nuovo appalto) in materia di raccolta e di smaltimento del rifiuto, a Guglionesi è stata aperta una gara perla progettazione, l’ampliamento e il conseguentemente affidamento e gestione della discarica di Imporchia - Vallone Cupo. Nella discarica basso molisana vengono smaltiti quei rifiuti che solitamente non fanno parte del ciclo della differenziata e quindi non rientrano in una operazione di recupero e di riciclo. In molti vedono questa operazione in controtendenza al proliferare del sistema di raccolta differenziata porta a porta. Sistema che negli ultimi anni ha visto un grosso investimento economico da parte della Regione e una forte esposizione politica dell’assessore regionale all’ambiente. Che senso ha ampliare una discarica quando tutto va differenziato e recuperato? Non si dovrebbe diminuire al minimo lo smaltimento in discarica?

Secondo i dati riportati nel progetto di ampliamento, la discarica necessita di una modifica perchè l’attuale portata, che è pari a circa 38.000 metri cubi annui, potrebbe non solo esaurirsi al termine della scadenza della concessione il 31 agosto 2019 ma, potrebbe avvenire prima qualora la discarica dovesse accogliere rifiuti provenienti anche da altri bacini d’utenza regionale e extraregionale.

Si tratta di un’eventualità più che plausibile, in quanto il PRGR (piano regionale gestione rifiuti) individua un ATO (ambito territoriale ottimale) Unico Regionale, e quindi prevede indirettamente che nell’impianto di smaltimento di Guglionesi possano essere destinati rifiuti di provenienza diversa dal bacino d’utenza sino ad oggi servito. Dati e ipotesi che conferma anche il primo cittadino del centro bassomolisano Leo Antonacci. «Oggi, purtroppo, ad esclusione dei comuni dell’Unione e di qualche altra comunità, la raccolta differenziata spinta è ancora solo scritta su carta. Nella nostra discarica vengono a confluire e a smaltire rifiuti anche quei comuni che non svolgono la differenziata.
Inoltre è possibile, come già accaduto in passato, che vengano scaricati anche rifiuti extraregionali
».

Nel 2011, ad esempio, a causa della temporanea indisponibilità del sito di Montagano, alla discarica di Guglionesi si sono smaltiti rifiuti per una volumetria pari a 53mila metri cubi rispetto ai 38 mila abituali. Quindi, secondo Antonacci « l’allargamento della discarica non è in controtendenza rispetto all’avanzare del differenziato anzi, è una ulteriore risorsa affinché si possa avere un ambiente più pulito».

Due saranno i punti chiavi del progetto. Il primo riguarda l’ampliamento della “Discarica per Rifiuti non Pericolosi”, che prevede l’allestimento di un’area con una capacità massima di 450mila metri cubi, in coerenza con quanto riportato nel PRGR del Molise. L’intervento di ampliamento prevede anche la realizzazione di opere necessarie sia in fase gestionale quali sistema di estrazione e stoccaggio del percolato e sistema di estrazione e valorizzazione del biogas, sia in quella post gestionale: copertura finale del sito e relativo ripristino ambientale. Il secondo punto interessa l’adeguamento tecnologico dell’impianto di selezione e biostabilizzazione, che prevede un intervento di manutenzione straordinaria e un ammodernamento dello stesso.
Promotore della riqualificazione è la società Foglia Umberto srl con un progetto, approvato nel piano triennale delle opere pubbliche del Comune di Guglionesi, dal valore d’investimento pari a 7 milioni 15mila e 750,43 euro più Iva.

L’ampliamento e la modernizzazione dell’impianto di discarica, saranno effettuati su terreni che sono in parte proprietà del Comune di Guglionesi e in parte di proprietà di privati. «E’ un’opera di fondamentale importanza - continua Antonacci - perchè porterà vantaggi a tutti, soprattutto sotto il profilo economico: i nostri costi di smaltimento sono fuori da quelli di mercato. Per intenderci, mentre qui si smaltisce a 94 euro a tonnellata in altre discariche il prezzo di conferimento è di 110 euro. E’ un investimento necessario non solo per il suo bacino d’utenza ma per l’intero territorio regionale».

Le domande per l’ammissione e per la partecipazione al bando di gara scadono il prossimo 27 marzo alle ore 12, e vanno inviate a "Centrale unica di Committenza" via Sannitica, 86039 Termoli. Il plico, contenete tutta la documentazione richiesta dal bando, potrà essere consegnato a mano, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle 13; oppure essere inviato per posta tramite apposita raccomandata.

(Pubblicato il 07/03/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006