Planner Sposi
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Tigre Amico
 
San Valentino
Rose, cuori, candele e schiaffi. "Se ti picchia, ti umilia o ti minaccia, non ti ama"
Ogni tre giorni e mezzo una donna viene uccisa dal marito, dal compagno o da un familiare. Ogni giorno 23 donne, in Italia, vengono minacciate e perseguitate. 28 donne maltrattate, 16 picchiate. Il 14 febbraio agenti della Polizia di Stato presenti nei negozi di gadget per innamorati con materiale informativo del progetto "Questo non è amore", che richiama gli eventi che sono la negazione dell’amore: “Se ti ricatta … non è amore. Se minaccia te o i tuoi figli … non è amore. Se ti isola, umilia, offende … non è amore. Se ti perseguita con mail e sms ossessivi ….non è amore. Se ti prende con violenza quando non vuoi … non è amore. Se ti chiede “l’ultimo appuntamento” …non è amore”. Se ti uccide …non è amore”


Idea Arredo
Ogni tre giorni e mezzo una donna viene uccisa dal marito, dal compagno o da un familiare. Ogni giorno 23 donne, in Italia, vengono minacciate e perseguitate. 28 donne maltrattate, 16 picchiate, almeno 9 donne violentate. Ma i dati sono sicuramente inferiori alla realtà, visto che le denunce delle vittime sono ancora ridotte rispetto al fenomeno.

“Questo non è amore”. E a San Valentino lo è ancora meno, malgrado la retorica di cuori e baci, l’abuso di “ti amo”. Una parola che spesso, troppo spesso, nasconde violenza, soprusi, frustrazione. Dietro la quale si trincerano gli uomini maneschi per giustificare comportamenti da codice penale, che le donne subiscono e attraverso i quali rischiano la vita.
“Ti ho picchiata perché in realtà ti amo”: un’affermazione che strapperà un sorriso amaro a molti, ma nella quale molte donne si riconosceranno. Donne a volte inconsapevoli di correre un pericolo reale per la loro sicurezza e la loro incolumità
I numeri parlano chiaro: nel 2016 gli omicidi di donne in ambito familiare sono 108; gli atti persecutori 11.400; i maltrattamenti in famiglia 12.829; le percosse (circa il 46% in danno delle donne) 13.146 e le violenze sessuali 3759.

I dati molisani non si conoscono con precisione, ma la nostra regione – come racconta spesso la cronaca – non è certo immune dal fenomeno. Anzi.
Ecco perché la Polizia di Stato è impegnata anche in Molise, nel giorno che celebra l’amore romantico, nel progetto “…Questo non è amore”, partito nel luglio 2016 con il Camper itinerante che ha fatto tappa in diversi Comuni della Provincia di Campobasso. Domani, 14 febbraio, la Questura di Campobasso lancerà una campagna informativa che verrà effettuata presso le attività commerciali nelle quali di solito il giorno di San Valentino vengono acquistati dei “pensierini” da regalare alla fidanzata o al fidanzato, e comunque alla persona amata.

Gli agenti affiggeranno nei negozi una locandina e distribuiranno dei segnalibro col messaggio “Amare è… rispetto, condivisione, fiducia, libertà….”, e con i riferimenti al “progetto Camper” …Questo non è amore”, ove sono richiamati gli eventi che sono la negazione dell’amore: “Se ti ricatta … non è amore. Se minaccia te o i tuoi figli … non è amore. Se ti isola, umilia, offende …non è amore. Se ti perseguita con mail e sms ossessivi ….non è amore.
Carrozzeria Meale
Se ti prende con violenza quando non vuoi … non è amore. Se ti chiede “l’ultimo appuntamento” …non è amore”. Se ti uccide …non è amore”.


Chi comprerà un regalino potrà quindi prendere visione, col pieghevole della Polizia, dell’iniziativa, che è anche motivo di riflessione nella coppia.
«L’obiettivo – dicono dalla Questura, dove stanno portando avanti incontri di formazione e sensibilizzazione nelle scuole (foto sopra) - è quello di sensibilizzare su un tema, quale quello della violenza di genere che proprio in momenti sereni, come quello della festa degli innamorati, non può non far dimenticare chi è vittima di reato. L’Amore certamente non può essere manifestato in un solo giorno, ma richiede gesti concreti e quotidiani nella vita di ogni giorno».

La Polizia ricorda che oltre alla tutela offerta dalla legge, che va dagli strumenti dell’ammonimento al divieto di avvicinamento fino ai domiciliari e al carcere per i casi più gravi, la battaglia più importante si gioca sul campo della prevenzione: «Non solo nel contribuire attraverso l’informazione al superamento di una mentalità di sopraffazione, ma a fare da sentinella per intercettare prima possibile comportamenti violenti e intimidatori».

(Pubblicato il 13/02/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Chateau dAx
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006