PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Cianciosi srl
 
Una passione... poetica
Biagio Nardoia, la poesia e il collegio: “Lì è nato il mio amore per i versi…”
Nella vita è dipendente dell’Asrem di Campobasso ma ha la passione per la scrittura. Così ha deciso di inviare i suoi lavori al sito ‘Storie di città’, un progetto letterario che permette di pubblicare racconti e poesie a tutti per poi geo-localizzarli su mamma nel luogo dove sono stati ambientati o dal quale sono stati ispirati. In questo modo, ‘L’universo sconosciuto’ di Nardoia ha fatto il giro del web: “E’ dedicata a contrada Pila di Ferrazzano, dove abitiamo – spiega il signor Biagio –, un’idea nata sfruttando tutte le cose buone della contrada, il vino, l’olio, il paesaggio, l’acqua, la fontana Santa Lucia. Basta guardarsi intorno, la natura ti dice tutto”.


Idea Arredo
Campobasso. Avere l’ispirazione, scrivere una poesia e farla conoscere a mezza Italia in un attimo. Come è possibile? Beh, c’è un sito, ‘Storie di Città’, che permette a tutti, dovunque ci si trovi e in qualunque momento, di condividere i propri pensieri pubblicandoli per poi geo-localizzarli su mappa nel luogo in cui sono stati ambientati o dal quale sono stati ispirati. Un progetto letterario di massa, si potrebbe definire. A cui non ha resistito Biagio Nardoia, dipendente Asrem di Campobasso, nativo di Cercemaggiore e trapiantato da anni a Ferrazzano. Nei giorni scorsi ha inviato anche lui un suo lavoro: «La poesia ‘L’universo sconosciuto’ è dedicata a contrada Pila di Ferrazzano, dove abitiamo – spiega il signor Biagio –, un’idea nata sfruttando tutte le cose buone della contrada, il vino, l’olio, il paesaggio, l’acqua, la fontana Santa Lucia. Basta guardarsi intorno, la natura ti dice tutto».
Come si legge anche nel regolamento del sito, bisogna mettere in conto due prerogative fondamentali per entrare a far parte di ‘Storie di città’: i testi devono essere originali e ambientati in un luogo. Regole ampiamente rispettate da Nardoia, che a 59 anni da poco compiuti si diletta a comporre versi. Tra l’altro, negli anni passati ha già scritto un paio di libriccini: «Ho trovato questo sito per caso. È una bella idea perché chiunque può spedire la sua poesia ed essere localizzato. Tra l’altro, ne ho inviata già un’altra: è dedicata a mia nonna, intitolata ‘Mammella’, questa volta si tratta di una storia ambientata a Cercemaggiore, nostro paese di origine. Per il momento ho inserito queste due poesie. Ma ho in cantiere tanto altro».
Come si accennava in apertura, il sito di poesie è totalmente ‘responsive’, cioè consente di scrivere e leggere ovunque: in treno, in metropolitana, in tram, al mare, in montagna, davanti al camino… Il fascino di questa impresa ha molteplici sfaccettature. Pensate, per esempio, che bello passeggiare in qualsiasi luogo dell’Italia, guardarsi intorno e leggere una poesia o un racconto ambientati proprio nella zona che si sta visitando. Un’opportunità semplice ma affascinante.

Tornando al nostro poeta, abbiamo voluto scavare alle radici della passione della vita: «Questa passione c’è da sempre. Io ho frequentato il collegio, prima al Don Gnocchi di Roma, poi al Don Orione di Pescara. Lì si organizzavano concorsi di poesia, vi partecipavo molto volentieri e devo dire che avevo un discreto successo. Poi, con il lavoro (il signor Biagio è dipendente dell’Asrem di Campobasso, ndr) ho messo un po’ da parte questa grande cosa che è la poesia, tornata prepotentemente a farsi largo negli ultimi anni. E voglio continuare a scrivere, su questo non c’è dubbio».

L’universo sconosciuto
(di Biagio Nardoia)

Da sopra il colle
se guardi l’orizzonte
vedrai un mondo nuovo
pien di colori
e di libero amore
Carrozzeria Meale
> e se poi guardi nel cuore
di chi è accanto
scoprirai l’universo
fin’or sconoscuto

E giù dal colle
fra fiorite ginestre
e profum di sambuco
nella verde conca
della “Pila” di Ferrazzano
si assaggian i bianchi fichi
della fonte di Santa Lucia
ed il sapor allettante
di vino rossa tintilia
e la bruschetta bruciata
con denso olio profumato
e un tocchetto saporito
di stagionato prosciutto
ed una fetta corposa
di buon pecorino
e il borbottio allegro
della panzuta pignata
che ride e canta
con fagioli e cotichelle
e…
e, un profumo d’antico

Da sopra il colle
se guardi la luna
vedrai un mondo nuovo
pien di colori
e di libero amore
e se poi guardi nel cuore
di chi è accanto
scoprirai l’universo
fin’or sconosciuto

E giù dal colle
si stende la visuale
che riempiono gli occhi
e gonfiano il cuore
di fieno falciato
e campi di grano
di mandorli in fiore
e bacche odorose
di pecore al pascolo
e festa di cani
di innamorati furtivi
nel bosco più ombroso
di giochi di bimbi
fra gli ulivi e vigneti
della luce del tramonto
che magico si riflette
negli occhi dell’amore

Da sopra il colle
se guardi le stelle
vedrai un mondo nuovo
di libero amore
e se poi guardi nel cuore
di chi ti è accanto
scoprirai l’universo
fin’or sconosciuto

(Pubblicato il 05/02/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006