PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
La Vida Welness
 
Reddito Inclusione Attiva
300 euro al mese per un anno: 50 famiglie aspettano i soldi da troppo tempo. Maxi-rata a marzo
Sei mesi di attesa per le famiglie dei paesi dell’ambito territoriale sociale di Termoli che sono risultate beneficiarie del contributo di trecento euro al mese per la durata di un anno. Si tratta del reddito di inclusione attiva destinato a situazioni di grave difficoltà economica in cui è rientrata una cinquantina di nuclei familiari del Basso Molise. La Regione è riuscita a stanziare le somme solo a fine anno e ora l’ufficio di Piano sta cercando di velocizzare le procedure per risolvere l’intoppo nato anche dopo il passaggio, come ente capofila, tra Termoli e Portocannone. Entro l’inizio di marzo i soldi dovrebbero essere accreditati e, in questo caso, si parla di una rata unica di cinque mesi, pari a mille e cinquecento euro, proprio per recuperare il ritardo dei pagamenti.


Carrozzeria Meale
Termoli. La vicenda riguarda il reddito di inclusione attiva. Un contributo da trecento euro al mese per un anno alle famiglie che vivono condizioni di grande difficoltà economica e di particolare indigenza. Una boccata di ossigeno che per ora rappresenta una sorta di «bombola» chiusa a chiave. Le famiglie dell’ambito sociale di Termoli che sono risultate beneficiarie, una cinquantina, aspettano infatti da più di sei mesi queste somme. Tanto tempo: ogni giorno che passa va ad amplificare il disagio per questi nuclei familiari sotto la soglia della povertà. Proprio da loro è partito un appello alle istituzioni a fare presto, a velocizzare le procedure e ad accreditare sui conti correnti personali questo provvedimento.

Per fare chiarezza sui ritardi basti pensare che il beneficio doveva partire a giugno 2016 e la Regione Molise, con un comunicato ufficiale del governatore Frattura arrivato a ridosso del Natale, ha comunicato lo stanziamento delle somme a fine dicembre. Solo allora sono stati erogati seicentomila euro agli ambiti territoriali socialisparsi sul territorio regionale e destinati a 167 famiglie risultate in linea con i rigidi parametri del bando che hanno cercato di individuare le situazioni di grave indigenza. Una cinquantina per l’ambito bassomolisano che, da qualche mese, vede come comune capofila Termoli dove i tempi si sono dilatati anche per il «passaggio di consegne» da Portocannone, ex comune capofila. Da quanto si è appreso, le somme sono state accreditate dalla Regione nelle casse del Comune di Termoli intorno al 10 gennaio 2017 e qui spunta l’intoppo. Queste risorse non possono essere spese dall’attuale ente capofila, Termoli appunto, perché non previste nel bilancio e, soprattutto, perché l’istruttoria è stata portata avanti dall’ex ente capofila (Portocannone). In sostanza, le somme dovranno essere rinviate al Comune di Portocannone affinché si possa procedere a effettuare i pagamenti agli aventi diritto.


Fatto sta che l’Ufficio di Piano dell’ambito territoriale di Termoli, che comprende diversi paesi del Basso Molise, ha dato subito impulso ai provvedimenti per fare in modo di assegnare prima possibile le somme alle famiglie assegnatarie.
Sono stati contattati i Comuni, raccolti gli Iban dei beneficiari e tutto dovrebbe risolversi a breve. «Contiamo di erogare, almeno in questo caso – osserva il coordinatore di ambito, Antonio Russo (nella foto al centro insieme allo psicologo progettista, Alessandro Mancinella e all’assistente sociale, Maria Assunta Iovine) – una tranche ‘una tantum’, cioè le famiglie riceveranno un primo accredito pari a cinque mensilità per poi perfezionare le procedure e assicurare il pagamento mensile». In pratica mille e cinquecento euro. Si aspettano comunicazioni definitive ma, se tutto andrà liscio, entro l’inizio di marzo il tanto atteso «reddito di inclusione attiva» diventerà realtà. Non solo domande e documentazioni ma soldi «in carne ed ossa».

(Pubblicato il 06/02/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006