Chateau dAx
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
S1M ONE - Telefonia
 
Un simbolo del capoluogo
Il Mercato coperto del quartiere Cep resiste con la sua clientela storica
Un tempo c’era un grande fermento nella struttura di via Benedetto Croce. Oggi in sei continuano ad avere il proprio banchetto di prodotti della terra. A partire dal consigliere comunale Elio Madonna, che ricorda con piacere gli anni d’oro: «Io continuo ad avere il mio banco della frutta che fin dall’apertura del mercato fu di mia mamma». L’aspetto decisivo di un mercatino è la socializzazione che si crea attraverso una serie di piacevoli riti che non è possibile fare all’interno di un centro commerciale. Ma i venditori, pur riuscendo a tenersi stretta una fetta di clientela, chiedono che l’amministrazione comunale valorizzi di più uno dei luoghi simbolo del quartiere Cep e del capoluogo.


Campobasso. Si parla spesso negli ultimi tempi del rilancio da attuare allo storico Mercato coperto di via Monforte. E i più dimenticano che dall’altra parte della città c’è e cerca di resistere agli anni e alle nuove catene alimentari un altro pezzo della storia del capoluogo: il mercato di via Benedetto Croce, quello del quartiere Cep, per intenderci. Siamo andati a indagare cosa ruota attorno a una realtà circoscritta a una porzione molto corposa della popolazione di Campobasso. Si stima che siano oltre 15mila gli abitanti del quartiere nato negli anni sessanta e che poi si è sviluppato su un’ampia area di territorio. Diciamo pure che il mercato è stato da sempre uno dei punti di riferimento fondamentali. Sorto in concomitanza con i palazzi, negli anni ‘roventi’ è stato frequentato da decine e decine di contadini che ogni mattina arrivavano per vendere i propri prodotti della terra.
Oggi cosa è rimasto di tutto ciò? Beh, i numeri si sono ridotti vistosamente a partire dalla fine degli anni novanta. Negli ultimi quindici c’è stata la vera e propria batosta per l’apertura degli ipermercati e per il cambio conseguente di abitudini da parte dei cittadini. Ad oggi, sono sei i coltivatori diretti che hanno il banchetto in modo continuativo. Anche se la neve del mese di gennaio ha distrutto buona parte del raccolto e solo in questi giorni si inizia di nuovo ad aprire qualche banco.
C’è chi lì dentro ci è praticamente cresciuto, come Elio Madonna, che tuttora gestisce il grosso banco della frutta e tanto altro. «Mia mamma da sempre ha avuto il banco della frutta – spiega il consigliere comunale –. Nei tempi andati qui c’era un fermento incredibile, era bellissimo. La clientela continua ad esserci, comunque, il mercatino resiste». In effetti, c’è da sottolineare un aspetto decisivo che riguarda un mercatino: i clienti si sentono a casa.
Possono permettersi magari di chiedere al venditore: «Posso assaggiare?», oppure fare quattro chiacchiere con la signora vicina di casa, perdere anche quella mezzora in più prima di andare a cucinare. Insomma,tutta una serie di piacevoli riti che non è possibile certo fare all’interno di un centro commerciale. Non a caso, più di qualcuno chiamava il mercato di via Croce la ‘piazza’, cioè un luogo di aggregazione completo.
Magari il tutto andrebbe ancor più valorizzato da parte dell’amministrazione comunale, che potrebbe compiere scelte mirate, dando licenze variegate per non ritrovarsi, come ora, con più macellerie costrette a chiudere, per esempio. In questo modo, chi decide di fare la spesa al mercato coperto può trovare la frutta e la verdura, la carne, i latticini, il pane, i surgelati. Un modo, forse, per ridare ossigeno a diversi piccoli commercianti e continuare a puntare su una struttura attualmente in ottimo stato,una sorta di ‘bomboniera’ che non vede l’ora di abbracciare sempre più gente.

(Pubblicato il 06/02/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006