PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
S1M ONE - Telefonia
 
Cronache
Scuole, inversione di rotta sull’asse Regione-Comune: 15,6 milioni di euro per rifarle
Impegnate risorse per 15 milioni e 600mila euro destinate alla ricostruzione degli istituti scolastici. Il presidente Frattura spiega che "11 milioni saranno messi a disposizione dalla Regione, 4 e 600mila dal Comune. Ne investiamo 6 sul polo scolastico di Vazzieri, 3,3 per quanto riguarda via Crispi-Colozza, 4 milioni e 250mila per il Cep, 1,5 per l’intervento di adeguamento per l’istituto di via Roma. E 500mila euro per la viabilità di via delle Frasche così da garantire l’accesso al Geometra". Si tratta di soldi riprogrammati che fanno riferimento al Fsc 2000-2006. Il sindaco Battista: "In vendita le proprietà di via Kennedy e via D’Amato. E inoltre ci sono ancora 1 milione e 400mila euro per la scuola di Mascione e i 3 per via Crispi previsti nel bando Inail, per un totale di circa 20 milioni".


Campobasso. Il 2016 è stato l’annus horribilis per le scuole di Campobasso. Un’emergenza che ha riguardato diversi istituti: ben quattro sono stati chiusi per motivi di sicurezza. Si iniziano, però, a gettare le basi per un’inversione di rotta. Stamattina, infatti, è stato aggiornato, tra Regione Molise e Comune capoluogo, un accordo di programma siglato nel 2011, con il quale si impegnano risorse per 15milioni e 600mila euro da destinare agli istituti scolastici. Si tratta di soldi che vengono riprogrammati perché fanno riferimento al Fsc (Fondo per lo sviluppo e la coesione) 2000-2006.

Ma nel dettaglio dove si interverrà? I 15 milioni e mezzo saranno ripartiti in diverse zone, come spiega il presidente Frattura: «Undici milioni saranno messi a disposizione dalla Regione, 4 e 600mila dal Comune. Dimensioniamo il fabbisogno in funzione delle dinamiche della popolazione studentesca, della scuola dell’obbligo, materne, elementari e medie. Nel dettaglio, investiamo 6 milioni sul polo scolastico di Vazzieri, 3,3 per quanto riguarda via Crispi-Colozza, 4 milioni e 250mila per il Cep, 1,5 per l’intervento di adeguamento per l’istituto di via Roma. E 500mila euro per la viabilità Via delle Frasche per garantire l’accesso al Geometra. Centriamo il piano che il Comune di Campobasso ha redatto sulla base del numero degli iscritti per singolo plesso scolastico».

Sull’argomento scuole, chiaramente, il sindaco Battista, il quale ha anche la delega per l’edilizia scolastica che prima era nelle mani di Pietro Maio, è il principale attore: «C’è da riscontrare la celerità della Regione nella riorganizzazione degli undici milioni di euro che in principio erano stati destinati al sottopasso di via Mazzini che sarebbe dovuto arrivare in via Insorti d’Ungheria. Questi soldi sono stati spostati tutti sulle scuole, tranne 500mila euro che verranno utilizzati per la viabilità di via delle Frasche e l’accesso all’istituto Geometri. In pratica, si lavorerà sul nuovo polo scolastico della Colozza-via Crispi, su Vazzieri e sul quartiere Cep, dove saranno eliminati gli edifici non agibili e destinabili a scuole. Ci sarà anche un intervento sull’edificio storico di via Roma, che merita un’attenzione particolare».

I 4 milioni e 600mila euro del Comune potranno essere recuperati dalla «vendita delle proprietà di via Kennedy e via D’Amato. E inoltre ci sono ancora 1 milione e 400mila euro per la scuola di Mascione e i 3 milioni per via Crispi previsti nel bando Inail, per un totale di circa 20 milioni» spiega il primo cittadino. In quest’ultimo caso, il vecchio istituto, chiuso un anno fa, sarà abbattuto e ricostruito daccapo, come già programmato da Palazzo San Giorgio. Per quanto riguarda i tempi, Regione e Comune non si sbilanciano, anche se Frattura spiega che dovranno essere «rapidi i progetti esecutivi per procedere a gara». Si tratterà di interventi di medio periodo.

Sulla riprogrammazione dei fondi relativi al periodo 2000-2006, cioè a inizio secolo, c’è da registrare l’affondo del presidente della Regione nei confronti della precedente amministrazione Iorio: «Voglio ricordare a tutti che in queste risorse ci sono 11 milioni che riprogrammiamo del Fsc 2000-2006.
Onore al merito per chi governava in quegli anni e non ha impegnato quei fondi
, sta di fatto che oggi li dobbiamo riprogrammare, con l’auspicio che quello che abbiamo fatto grazie alla disponibilità del Governo nel non revocarci quelle risorse, diventino opportunità per i contenitori della città capoluogo. Vorrei che ciascun cittadino valuti se è possibile che nel 2017 bisogna riprogrammare fondi che potevano essere tranquillamente spesi dal 2000 al 2006, credo non ci sia più nulla da aggiungere».

Si inizia da Campobasso, ma l’intervento sulle scuole riguardare poi tutta la Regione: «E’ chiaro che, definito il fabbisogno, centriamo l’obiettivo così come fatto con l’accordo di programma con il Comune di Campobasso. Le risorse ci sono, abbiamo avuto l’opportunità del mutuo con la Bei, il fondo Inail, il Fsc, con il quale contiamo di soddisfare le richieste di tutti i Comuni del Molise. Rispetto al disastro economico e finanziario che abbiamo ereditato e per il quale ci sono stati quattro anni di sacrifici chiesti a tutti i cittadini molisani, cominciamo ad avere una Regione con i conti in ordine» chiosa il governatore.

Gli fa eco l’assessore Pierpaolo Nagni, il quale sottolinea «l’importanza di questo accordo, che è frutto di un lavoro oscuro attorno a un problema sensibile come quello che riguarda le scuole. I fondi sono in totale 84 milioni per la nostra regione, di cui sono stati erogati finora 11. Molte strutture saranno in tranquillità strutturale nel giro di pochi anni».
(Diesse)

(Pubblicato il 26/01/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006