PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Cianciosi srl
 
Cronache
Supermercato Pianeta, 33 verso il licenziamento. "Pochi guadagni, dobbiamo tagliare"
Avviata la procedura per il licenziamento di 33 dipendenti del punto vendita Conad che si trova all’interno del centro commerciale di contrada Colle della Api. C’è grande preoccupazione tra i lavoratori dopo l’invio di questa lettera "top secret" ai sindacati che il 1 febbraio incontreranno la direzione generale per discutere della vertenza. I bilanci societari dicono che tra il 2012 e il 2016 il calo nelle vendite è stato del 25 per cento rendendo inevitabile la riduzione collettiva. La salvezza potrebbe arrivare da una cassa integrazione di solidarietà per altri 15 mesi "ma c’è poco da stare tranquilli, a oggi le chiacchiere stanno a zero" dice il sindacalista della Uil, Guarracino.


di Assunta Domeneghetti

Campobasso. Gli affari al supermercato del centro commerciale “Pianeta” non vanno più tanto bene. Troppe aperture, soprattutto di discount, acquirenti che consumano sempre meno e sono orientati verso il prodotto in promozione, prezzi degli alimentari ribassati e previsioni per il 2017 pessime: tutto questo ha causato un calo nei guadagni - certificato nei bilanci societari nella misura del 25 per cento dal 2012 al 2016 – e spinto la cooperativa che gestisce il marchio Conad ad avviare la procedura per il licenziamento collettivo di 33 persone.
Cassiere, addetti alle vendite e ausiliari: sono loro – su un totale di 117 persone (i 6 capi reparto e i 3 addetti alla parafarmacia sono stati esclusi) - a rischiare il posto dal prossimo 31 marzo 2017, data in cui scadrà l’ultimo contratto di solidarietà firmato.


Il 4 gennaio scorso la società Molise Idea, quella formata da alcuni ex lavoratori del punto vendita, ha scritto una lettera a sindacati, direzione territoriale del lavoro e Provincia di Campobasso per annunciare il taglio al personale il quale, va ricordato, ha già subito, dal 2013, anno in cui sono iniziati i guai, delle riduzioni e che sta andando avanti a colpi di proroghe grazie agli ammortizzatori sociali.
Ora però, dopo due rinnovi da 24 mesi ciascuno, il destino di questi dipendenti sembra segnato «anche perché i contratti di solidarietà non possono essere ulteriormente prorogati a meno che non si decida di avviare una cassa integrazione per solidarietà (una specie di contratto ma con un nome diverso, ndr) per altri 15 mesi» come spiega il sindacalista Pasquale Guarracino (Uiltucs).

E’ questa la proposta che la Uil intende portare al tavolo nazionale che si riunirà il 1 febbraio a Roma. La direzione generale del Conad, infatti, sta tagliando posti di lavoro non solo a Campobasso ma anche in altre realtà. La vertenza, dunque, è nazionale perché la crisi morde un po’ ovunque.
Al Pianeta, intanto, sebbene tutti i dipendenti siano a conoscenza della situazione, all’esterno se ne parla malvolentieri e comunque solo a “microfoni spenti” come si dice in gergo. Il clima è teso, la paura di rientrare tra quei 33 esuberi è grande. E così le bocche restano cucite, comprese quelle della direzione e dei sindacati, di tutte le organizzazioni sindacali le quali, pur avendo ricevuto comunicazione dei licenziamenti da quasi un mese, non hanno ancora proferito una sillaba.
Planner Sposi

«C’è poco da stare tranquilli, a oggi le chiacchiere stanno a zero e la procedura di licenziamento è stata avviata – sostiene ancora Guarracino interpellato da Primonumero –. In tutti i casi noi siamo disponibili a confrontarci per la salvaguardia dei posti di lavoro, e se c’è questo strumento alternativo della cassa integrazione lo sosterremo proprio perché siamo preoccupati per il personale».

Se poi – come sembra - l’orientamento del Conad a livello nazionale e di Molise Idea fosse un altro, bisognerà individuare chi sarà tutelato e chi mandato a casa mediante precisi criteri di legge: anzianità, se si ha un marito o una moglie a carico, i figli, il reddito, le proprietà. Con un elenco in mano dei 117 in servizio si deciderà chi è dentro e chi è fuori, uno scenario terrificante per lavoratori e le loro famiglie. Quelli più a rischio dovrebbero essere i single, le coppie entrambe impiegate nel supermercato e quelli non sposati. «Tutta gente che di questo passo una famiglia non se la farà mai» come fa notare un dipendente.

(Pubblicato il 26/01/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006