Planner Sposi
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Cianciosi srl
 
Preallarme al Liscione
Diga, incrementato lo scarico e avvertiti i sindaci. "Il livello è sotto controllo, non c’è rischio"
Le piogge e lo scioglimento della neve a monte del Liscione hanno spinto a un progressivo aumento dello scarico di fondo, portato a 130 metri cubi al secondo. La Prefettura ha diramato lo stato di preallarme per l’aumento del volume d’acqua di scarico a valle dell’invaso, ma fa parte della procedura "perchè sopra i 100 metri al secondo di deve attivare un protocollo particolare". A Termoli riunione operativa per monitorare la situazione, mentre il Commissario di Molise Acque Massimo Pillarella, che sta seguendo da vicino il calcolo del livello della diga, rassicura: "Lo scarico è stato aumentato per stare tranquilli in una eventuale situazione di emergenza, ma è tutto sotto controllo. Il livello del Biferno è buono e le previsioni parlano di un miglioramento".


Le foto della piena del Biferno sono state scattate oggi 24 gennaio da Francesco D’Imperio (studio Kerem)
Bassomolise. Stato di preallerta alla diga di Ponte Liscione, costantemente monitorata in considerazione soprattutto delle piogge dei giorni scorsi e dello scioglimento delle nevi a monte dell’invaso, il più grande del Molise.

Da ieri, lunedì, a scopo cautelativo e di prevenzione è stato aumentato progressivamente lo scarico di fondo, portato oggi 24 gennaio a 130 metri cubi al secondo. Un incremento che impone, per protocollo, l’attivazione del Piano di emergenza, con lo stato di preallarme e la comunicazione a tutti i sindaci dei Comuni interessati, agli enti proprietari delle strade e alle forze di polizia territoriali, informate per la necessaria attività di vigilanza.

«La situazione è assolutamente sotto controllo - spiega il commissario di Molise Acque Massimo Pillarella - la normativa infatti prevede che a 100 metri cubi di scarico si attivi il preallarme».
Comunque, aggiunge il vertice di Molise Acque, «130 metri cubi al secondo nella situazione attuale, con un miglioramento delle condizioni meteo, non sono niente. Il calcolo fra monte e valle è accurato, viene riconsiderato ogni due ore, e a noi interessa mantenere la sicurezza. Ecco perchè abbiamo scelto di incrementare lo scarico, evitando di doverlo innalzare di colpo in caso di nuove preciptazioni».

Questa mattina si è riunito il Centro Coordinamento Soccorsi in Prefettura al quale hanno partecipato le forze di polizia Molise Acque il Servizio di Protezione Civile La Provincia i vigili del fuoco e l’Anas. per valutare la situazione complessiva connessa alle consistenti precipitazioni piovose che da ieri hanno interessato la provincia ed al contestuale scioglimento delle nevi accumulatesi al suolo. «In particolare - spiegano dalla Prefettura - Molise Acque e il Servizio di Protezione Civile regionale hanno svolto un’attenta disamina delle condizioni dell’invaso del Liscione anche in relazione alle evoluzioni della portata del fiume a valle della diga. In considerazione dei dati rilevati che evidenziano un innalzamento del livello dell’invaso, sebbene già in significativa tendenza decrescente e comunque in un contesto di sicurezza, a fronte di una situazione a valle che, allo stato, non appare di particolare criticità, è stata condivisa la valutazione di incrementare lo scarico di fondo della Diga, fermo restando il costante monitoraggio di ogni evoluzione per gli immediati eventuali interventi consequenziali».


«Si tratta di una strategia volta al mantenimento di una condizione di equilibrio - conclude il Commissario Pillarella - anche perchè il livello del fiume Biferno è confortevole. Ed è ben al di sotto dei 4 metri e mezzo della settimana scorsa.
Planner Sposi
Non c’è nulla da temere».
Intanto, nel pomeriggio, nel Comune di Termoli c’è stata una riunione operativa tra l’Amministrazione comunale, i tecnici del Settore Lavori Pubblici, Polizia Municipale e i volontari delle associazioni Misericordia, Congeav e Sae112.
Un vertice convocato in seguito alla nota della Prefettura dello stato di preallarme per l’aumento del volume d’acqua di scarico a valle dell’invaso del Liscione. «È stato predisposto un piano di monitoraggio e sono stati individuati i punti di osservazione del livello dell’acqua dei canali di Rio Vivo Marinelle - fanno sapere dal Municipio, aggiungendo che «il monitoraggio proseguirà senza interruzione per tutta la serata, la notte e la prima mattinata del 25 gennaio».

LINK
Occhito, livello vicino al limite. Scarichi a valle

(Pubblicato il 24/01/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
Chateau dAx
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006