PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
CIAK - Termol
 
Cronache
Scuole aperte giovedì a Termoli. Chiusa solo via Po per guasto caldaia. Polemiche per il gelo
Ripartono giovedì 12 gennaio le lezioni negli Istituti scolastici termolesi, dove la spolverata di neve è già passata e si circola senza difficoltà. Resterà chiusa solo la scuola elementare di via Po, per un guasto all’impianto di riscaldamento che non è stato risolto entro la giornata di oggi. Intanto infuria la polemica tra chi chiede di tenere le scuole chiuse causa gelo e chi si ritiene danneggiato dal provvedimento di chiusura in un città «dove la neve non c’è».


Termoli. La domanda rimbalza tra Facebook e la posta di redazione: ma giovedì 12 gennaio le scuole sono chiuse a Termoli? Genitori di alunni iscritti alle elementari e alle medie, studenti delle superiori: il dubbio sembra accompagnare un po’ tutte le categorie, professori compresi. Basta dare un’occhiata fuori dalla finestra per avere una risposta.

La neve, quella patina leggera che ha imbiancato la città trasformandola in un paesaggio magico, si è sciolta già martedì sera. La spolverata di oggi, mercoledì, è stata praticamente un’illusione. Le strade sono percorribili, le auto viaggiano senza alcuna difficoltà. Si transita bene anche sulle Provinciali tra Termoli e l’hinterland. Qualche problema causato dal ghiaccio permane solo nei centri abitati di paesi interni che hanno registrato una nevicata più abbondante.

Ma per Termoli nessun problema. E la conseguenza (logica) è che le scuole domani, giovedì 12 gennaio, saranno aperte. Dagli asili alle elementari alle media fino ai Liceo, ai Professionali e all’Artistico, che pure ha un problema di riscaldamenti malfunzionanti (di competenza provinciale) da anni. Scuole aperte, salvo precipitazioni e peggioramenti dell’ultimo minuto che tuttavia gli esperti del meteo non solo non annunciano, ma escludono. Il tempo, sebbene instabile e segnato da temperature molto rigide, non peggiorerà, almeno nelle prossime 48 ore.

L’unico Istituto che dovrà prolungare la chiusura è la scuola primaria di via Po, o via Volturno (nome corretto) alla quale sono iscritti circa 300 alunni. Qui la tubatura dell’impianto di riscaldamento è rotta a causa del ghiaccio che si è formato. Sono in corso lavori di riparazione che tuttavia non sono terminati e che dunque andranno avanti anche domani, giovedì. Nel tardo pomeriggio il sindaco ha disposto la chiusura dell’Istituto, lasciando aperte tutte le altre scuole, come peraltro avviene nei centri limitrofi da Guglionesi a Petacciato a Portocannone a Campomarino.

Quello del riscaldamento che nelle scuole funziona con difficoltà è il vero problema che il sindaco e l’Amministrazione ha affrontato. Le scuole sono quasi tutte vecchie, con impianti obsoleti e manutenzione insufficiente per le condizioni delle tubature e delle caldaie. Ovvio che quando la colonnina precipita verso lo zero qualcosa si inceppi, e qualche termosifone finisca in tilt. Ma d’altra parte si possono chiudere le scuole causa freddo? Siamo in inverno, a gennaio, il mese più gelido dell’anno. Comunque continuerà a fare freddo per settimane. E dunque le lezioni si dovrebbero sospendere fino a quando il clima non concederà una tregua? Ovviamente è impossibile.


Ma in queste ore la polemica sul gelo in classe tiene banco. Tre ragazze che dicono di essere rispettivamente alunne del Liceo Artistico, del Liceo Scientifico e del Liceo Classico, fanno presente come «la maggior parte dei docenti e dei discenti è pendolare e quindi potrebbero rischiare grosso a causa delle strade ghiacciate (viste le condizioni precarie della viabilità molisana). Nei vari istituti, nonostante qualcuno possa esprimere il parere contrario, la realtà è la seguente: un termosifone per classe non è certo sufficiente a riscaldare tutto l’ambiente in cui si dovrebbe fare lezione. Aspettiamo che la situazione migliori, ma nel frattempo bisogna essere consapevoli del fatto che il diritto allo studio sia fondamentale, ma che anche il diritto di partecipare alla lezione in un ambiente vivibile e soprattutto di arrivare a scuola in orario e in tutta sicurezza non siano da meno».
Una posizione condivisa da molti ragazzi, come è anche naturale: ritardare il rientro a scuola è da sempre una prospettiva allettante per la maggior parte degli studenti.

Ma ci sono anche insegnanti che insistono per prolungare la chiusura delle scuole, per non parlare di genitori preoccupati da aule ghiacciaia. «Se avete paura che vostri si ammalino, teneteli a casa ma non scocciate con questa cosa ridicola delle scuole chiuse quando non c’è un filo di neve» è la posizione che si legge in alcune mail arrivate in redazione sull’argomento più gettonato del momento. Un genitore che si definisce «"violentato" e danneggiato da una assurda ordinanza inerente le scuole chiuse» scrive, in una lettera molto articolata, «Ma vi sembra possibile che nel 2017 le scuole a Termoli saranno chiuse per il secondo giorno a causa di una neve invisibile? Questo assurdo provvedimento non dovrebbe passare inosservato ma dovrebbe avere aspre critiche a tutti i livelli e da tutti i mezzi di informazione».

«Leggo di disagi in alcuni istituti causati soprattutto dalla cattiva gestione dei rispettivi dirigenti, questo non ha nulla a che fare con la neve e con una ipotetica situazione di pubblico disagio causato dalla neve, i riscaldamenti non li ha spenti la neve».
E domanda: «Chi rappresenta tutte quelle famiglie che stanno subendo un danno e che non hanno la possibilità di stare con i propri figli a casa, soprattutto quando parliamo di minori che hanno bisogno della presenza dei genitori? Nessuno pensa al danno economico causato da insensate ordinanze, chi paga per questo? E’ facile fare di tutta l’erba un fascio ed insabbiare l’inefficienza dei dirigenti scolastici e pubblici con un’ordinanza che penalizzare al tempo stesso le scuole con dirigenti efficienti e le famiglie che pagano per ricevere un servizio che viene inspiegabilmente sospeso».

(Pubblicato il 11/01/2017)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006