Simply Termoli
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Spazio Relax
 
Mi brontola lo stomaco/15
Il mistero dell’acqua calda…
Nella vita di tutti noi ci sono mille piccole cose che offrono attimi di felicità o momenti di irritazione, che ci fanno scoprire qualcosa di nuovo o ci insegnano un dettaglio curioso e piacevole. In questa rubrica domenicale Salvino A. Salvaggio percorre a ruota libera la selva dei piaceri effimeri e delle arrabbiature epocali che il mondo della cucina e dell’alimentazione gli ispira. Qualche volta invece prova a rispondere a domande insolite, oppure a presentare tendenze inaspettate e innovative. Una rubrica che si costruisce, pennellata dopo pennellata, senza moralismi o presuntuose lezioni di buon gusto, per raccontare una enogastronomia vissuta al quotidiano. E arricchita dalle tavole grafiche di Rocco Pelusi, che interpreta (a modo suo…) il tema della settimana.


di Salvino A. Salvaggio

Basta un rapido giretto su Google, Yahoo, motori di ricerca vari e relativi links per convincersi dell’abbondanza di persone su Internet che sembrano avere come prima e principale missione nella vita quella di salvaguardare l’integrità fisica dei nostri frigoriferi ! Non sopporto più questa benevolenza da quattro soldi. "Mai mettere cibi caldi in frigorifero", "se vuoi guastare il tuo frigo mettici alimenti ancora caldi", "mettere alimenti caldi nel frigorifero fa consumare più corrente", "con i cibi caldi, il frigorifero deve lavorare di più, il motore va sotto sforzo, si surriscalda e si danneggia più rapidamente".

La lista di simili asserzioni dà proprio l’impressione di non avere fine. A queste, si aggiungono poi le raccomandazioni ossessive dei nostri nonni o genitori che da decenni ci ripetono la stessa cosa: mettere in frigorifero contenitori di alimenti caldi fa consumare più corrente, fa lavorare di più la pompa e quindi rovina il frigo più in fretta. Una semplice e banale questione di buon senso, insomma, che andrebbe rispettata per proteggere il frigorifero da un precoce invecchiamento.

Il problema, però, sta nel fatto che per secoli, il buon senso ci ha fatto credere che la terra era piatta e abitata da una sola parte perché, si diceva, non si è mai visto nessuno camminare testa in giù, appeso al solaio… E chissà se non ci converrebbe interrogarci anche sulla validità del buon senso in cucina ?
Se prendiamo due bicchieri uguali e li riempiamo dello stesso volume di acqua, l’uno con acqua a venti gradi, l’altro con acqua a novanta gradi, e li mettiamo entrambi in surgelatore nelle stesse condizioni, cosa succede ? Ebbene, quello caldo si ghiaccia per primo. Perché ? E se li mettiamo non in surgelatore bensì in un normale frigorifero? Anche in questo caso, il bicchiere con l’acqua calda si raffredda per primo. Come mai ? Tutto questo non va a ritroso di ogni buon senso? Perché la quantità di energia elettrica consumata dal frigorifero per congelare il bicchiere di acqua calda è inferiore all’energia elettrica richiesta per portare a termine la stessa operazione col bicchiere di acqua fresca ?

Questo fenomeno strano viene chiamato "effetto Mpemba", dal nome del giovane studente tanzaniano che per primo lo evidenziò nel 1963 avendo notato che l’impasto da gelato congelava prima se lo si metteva tiepido, e non freddo, nella gelatiera.
Mpemba fece notare questo particolare a un professore universitario di fisica di passaggio nel suo liceo e raccolse solo sarcasmi e prese in giro da parte dei suoi compagni di scuola e insegnanti. Ma il fisico, di ritorno nel suo laboratorio universitario, condusse l’esperimento controllando le varie variabili e confermò quanto detto dal ragazzo.
Le ipotesi non mancano, quello che manca, invece, è una chiara e univoca spiegazione scientifica capace di chiarire i diversi fattori che entrano in gioco in questo fenomeno molto complesso. Quantità di gas disciolti nei liquidi in funzione della loro temperatura, e movimenti di convezione la cui forza e intensità variano a seconda della temperatura del liquido sembrano contribuire al fenomeno. Come esattamente, non lo si sa ancora a ben cinquant’anni dalla "scoperta", ma quello che si sa, invece, è il dato di fatto: acqua e preparati caldi messi in frigo si raffreddano prima.
Il mistero dell’acqua calda continua a resistere. E con lui restano senza un fondamento solido, nel limbo dell’incertezza, i sedicenti consigli di "buon senso" relativi alla temperatura dei cibi da mettere o meno in frigorifero…!

(Pubblicato il 05/07/2015)

Altri articoli sullo stesso argomento:
Lo yogurt in cucina (26/07/2015)
Mio caro coniglio... (19/07/2015)
Prosciutto crudo o carne cruda? (12/07/2015)
Cos’è il piccante? (28/06/2015)
L’Italia, paese della birra? (21/06/2015)
Cibo 3D, o come stamparsi un hamburger (14/06/2015)
Il mare in montagna (07/06/2015)
Alla scoperta dell’umami (31/05/2015)
Gusti, disgusti e genetica (24/05/2015)
Presi per il sedere... ma in modo light (10/05/2015)
All’insegna della leggerezza: la Pavlova (03/05/2015)
Non sopporto i cuochi e i pasticcieri sgrammaticati (26/04/2015)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.711701 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2017 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006