PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Spazio Relax
 
Società & Costume
Susi bocca golosa, e mo’ basta! La protesta corre sul social: “Come mai nessuno interviene?”
E’ il numero di cellulare più famoso di Termoli, spraiato sui muri cittadini come sui viadotti, sulla Statale 16 come sulla recinzione dei cantieri edili. Il fenomeno è antico, ma ultimamente ha assunto proporzioni esasperanti, tanto da innescare un acceso dibattito su facebook e spingere molti cittadini a protestare per “quella vergogna che imbratta ogni dove”. Il personaggio che lascia il suo numero di telefono è noto, ed è un trans. Ma dietro quei gesti ci sono gli estremi del vandalismo e del danneggiamento. Che a quanto pare nessuno, a cominciare dal Comune, sembra voler ostacolare.

Termoli. “Susi bocca golosa”, hai davvero rotto. Stancato. Non se ne può più. E basta! Quel numero di telefono, scritto con la bomboletta spray su ogni spazio disponibile, in città e in periferia, sui muri urbani come sui viadotti della Statale, e per giunta a caratteri cubitali, è diventato l’ultima frontiera della cafoneria. Nonché la peggiore copertina di una città – Termoli – che si sta preparando all’estate cosparsa di scarabocchi a ogni metro.
Talmente invasiva, quella scritta che si moltiplica e arriva a occupare perfino la recinzione del cantiere edile sul Lungomare (ex Rosary), da scatenare la protesta. Intanto su facebook, dove accompagnati dalle fotografie che documentano la proliferazione di Susi (ex Mara) e del suo cellulare, compaiono commenti che lasciano pochi dubbi all’insofferenza per un atto di maleducazione che, a voler essere fiscali, contiene gli estremi del reato di danneggiamento e vandalismo.

«Capisco che bisogna rispettare il prossimo, mi rendo conto della crisi del lavoro e il bisogno di fare qualsiasi cosa per "arrivare a fine mese" ma è pur vero che questa "bocca golosa" ha rotto, imbrattando ogni dove». Vai a Campobasso e te la ritrovi sulla Bifernina. A Larino sta sulla 87 Se decidi di andare verso sud e prendi la Statale 16, all’altezza di Campomarino lido comincia il delirio di richiami lasciati da Susi bocca golosa. Verso Petacciato e Montenero è la stessa identica cosa. Se resti in città è peggio che mai: un fiorire di numero telefonico da Porticone a Difesa Grande, dal centro al lungomare, dal vecchio al nuovo ospedale. La domanda che i cittadini si pongono, e che oltre a essere sessanta è fondata, è facile facile: ma è possibile che il Comune o le forze dell’ordine non riescano a mettere fine a questo abuso? Che non si possa evitare che Susi, o come accidenti si chiama lei, se ne vada indisturbata a scrivere il suo cellulare su tutti i muri?

E sì che risalire all’identità della persona dovrebbe essere semplicissimo. C’è il numero di telefono, di cos’altro c’è bisogno? Tanto più che, come sanno praticamente tutti (e come è facilmente verificabile) quel numero non è un falso, e corrisponde proprio alla persona che lo va scrivendo dovunque. Già. Perché Susi (e anche questo è di dominio pubblico) è un transessuale, e il telefonino è il principale strumento di lavoro.
Non che la tipologia occupazionale in questione cambi le cose, intendiamoci. Ma sembra proprio che fare il trans piuttosto che un altro lavoro qualsiasi sia un deterrente per quelli che sono preposti al controllo pubblico, e principalmente per il Comune di Termoli che oltre a essere parte lesa in questa vicenda è anche (o dovrebbe essere) organo di controllo, visto che gli spazi vandalizzati sono patrimonio pubblico.

Non si spiega in altro modo il fatto che nessuno intervenga, che Susi bocca golosa – che peraltro ha pure ammesso di essere autrice di quelle scritte in una recente telefonata alla trasmissione radiofonica La Zanzara – continui a agire senza venire disturbata nella sua attività vandalica. Se Susi fosse un metalmeccanico che si fa pubblicità imbrattando tutti i muri con un biglietto da visita formato maxi, o un avvocato che promuove il suo studio legale con questo sistema, è altamente probabile (per non dire scontato) che a quest’ora avrebbe tra capo e collo una multa salatissima e una denuncia, e fior di agenti alle calcagna.

Ma siccome è un trans, tutt’al più si accoglie la sua azione di danneggiamento e sporcizia dell’arredo urbano con una risatina e una scrollata di spalle. I muri della città intanto restano luridi e i turisti che arrivano a Termoli leggono e si guardano sconcertati, chiedendosi chi cavolo sia questa potentissima Susi che usa una cittadina alla stregua di un giornale di annunci personali senza che nessuno intervenga.
Le regole, in fondo, valgono per tutti. A meno che, naturalmente, non si sia razzisti.

(Pubblicato il 26/04/2013)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.7117 Fax: 0875.711726

CHIEDI UN PREVENTIVO PER L’ARREDO DEL TUO GIARDINO A NAPOLI CON GUIDAGIARDINI.IT
Guidagiardini è il portale per la realizzazione e l’arredo del giardino numero 1 in Italia

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CRM - SOFTWARE E CONSULENZA PER LA CRESCITA DELLA TUA RETE COMMERCIALE
Carmati CRM - 0875.711720 - info@carmati.it - www.carmati.it

CURA DELL’IPOCONDRIA? CHIEDI AIUTO A UNO PSICOLOGO SU GUIDAPSICOLOGI.IT
Trova sostegno nella prima guida in Italia che riunisce gli specialisti della psicologia

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2012 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006