PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
La notte dei Ricercatori
 
Il Governatore: da 'sistema' a vittima
Falso terremoto, ultima beffa. Il Governo chiede i danni: "Rovinata l’immagine di Iorio"
La presidenza del Consiglio dei Ministri si è costituita parte civile nel processo che vede come indagati l’attuale sindaco di Guardialfiera Remo Grande, Giuseppe Bellini, all’epoca dei fatti suo vice, l’ex assessore ai Lavori pubblici Osvaldo Catalano e il progettista Lorenzo Tanzilli, nell’ambito dell’inchiesta su presunte false attestazioni di danni a immobili e falsi nello stilare la graduatoria dei progetti da ricostruire dopo il sisma. Il governo chiede un milione di indennizzi per i finanziamenti richiesti e per i «danni all’immagine del presidente Michele Iorio», per la vicenda giudiziaria e mediatica resa nota a livello nazionale dalla trasmissione televisiva "Report". Quello che è stato ribattezzato "sistema Iorio" diventa "vittima Iorio": per il governo il "caso" di Guardialfiera avrebbe nuociuto al presidente molisano, incaricato come commissario della gestione dei fondi per la ricostruzione e indagato per aver allargato il cratere, esteso tra gli altri anche allo stesso piccolo centro in riva al lago.

All’inchiesta sul “falso terremoto” nel piccolo centro bassomolisano in riva al lago si aggiunge un nuovo capitolo, che coinvolge direttamente il governo nazionale e ha il sapore di un paradosso, l’ennesimo della lunga storia dell’allegra gestione dei fondi post sisma. Un capitolo che in Molise echeggia come un colpo di scena: la presidenza del Consiglio dei Ministri si è costituita parte civile attraverso l’avvocatura dello Stato nell’ambito del procedimento penale che vede come indagati l’attuale sindaco Remo Grande, ormai al suo terzo mandato, l’ex primo cittadino e all’epoca dei fatti contestati numero due in Giunta Giuseppe Bellini, l’ex assessore ai Lavori pubblici Osvaldo Catalano, e il progettista Lorenzo Tanzilli. A loro carico accuse che vanno a vario titolo dal falso fino all’abuso d’ufficio. L’inchiesta è partita dopo che la ricostruzione a Guardialfiera divenne "caso" nazionale, al centro di una puntata del programma di approfondimenti giornalistici "Report" di Rai Tre. Il servizio fece molto rumore, soprattutto per le dichiarazioni rilasciate da Remo Grande sui progetti e i lavori in paese: «Se ci sono soldi disponibili, perché non usarli per mettere a posto le case?», il succo del discorso.

Anche da lì l’inchiesta giudiziaria incentrata su presunte false attestazioni di danni a immobili che gli inquirenti hanno accertato essere lesionati da prima del sisma, e falsi nello stilare la graduatoria dei progetti da ricostruire e su un Peu che la ex Giunta di Grande ha approvato nel 2003 con un’apposita delibera.

La presidenza del Consiglio dei Ministri ora presenta il conto, e chiede un risarcimento di un milione di euro, per i finanziamenti richiesti e per i “danni all’immagine del presidente della Regione Michele Iorio”. Motivazione che ha tutto il sapore di un controsenso, l’ultimo della lunga storia della gestione dissennata dei contributi post sisma. Il Governo chiede un indennizzo perché la vicenda, giudiziaria e mediatica, avrebbe nuociuto con una cattiva pubblicità al presidente della Regione, per una vicenda rimbalzata sul piccolo schermo a livello nazionale.

Che c’entra Iorio? Come può trasformarsi nella vittima, lui che in altre inchieste giudiziarie è considerato il promotore di operazioni al limite della legalità e a sfondo di interesse elettorale? Per il Governo Iorio c’entra eccome, perché l’allora premier Silvio Berlusconi gli ha conferito tutti i poteri, ordinari e straordinari, nominandolo commissario delegato alla ricostruzione, con funzione di sovrintendere a tutte le operazioni per l’erogazione dei finanziamenti. Dunque con questa richiesta di risarcimento del danno si perfeziona un paradosso: quello ribattezzato “sistema Iorio” diventa “vittima Iorio”. La stessa “vittima” finita sotto inchiesta per avere allargato il cratere, passato da 14 a 84 comuni, «per fini elettorali». E proprio tra i centri a cui è stata estesa l’area del sisma c’è anche Guardialfiera, che non faceva parte inizialmente della “zona rossa”.

La costituzione della parte civile da parte della presidenza del Consiglio dei Ministri è stata formalizzata nel corso dell’udienza di martedì 22 gennaio, che si è tenuta nel tribunale di Larino. Gli indagati erano inizialmente sette, e nel giugno del 2010 sei di loro - compresi Remo Grande e Giuseppe Bellini e il progettista – erano stati prosciolti dal Gup Veneziano.


La Procura si è opposta alla decisione del giudice del tribunale, presentando un ricorso in Cassazione, ed e’ stata fissata una nuova udienza preliminare. Per l’accusa i tre amministratori avrebbero adottato le delibere di giunta con le quali veniva approvata una graduatoria per il riconoscimento degli aventi diritto ai finanziamenti pubblici per la ricostruzione post sisma, alterando criteri e modalità dell’attribuzione del punteggio a ciascun progetto in violazione dell’ordinanza commissariale.
Tra gli atti contestati, il Peu da 528mila euro (Progetto Edilizio Unitario) che contempla, tra le altre, la ricostruzione di un’abitazione di proprietà dell’allora assessore Catalano, progetto affidato come gli altri al pubblico e non ai privati. L’ex componente della giunta è stato assolto a maggio del 2011 dall’accusa di abuso d’ufficio: il giudice Aldo Aceto non gli ha riconosciuto alcuna responsabilità legata alla sua presenza in Giunta quando si era trattato di votare l’assegnazione del Peu finalizzato a ristrutturare anche la sua abitazione.

Nell’udienza del 22 gennaio l’attuale sindaco Remo Grande e Giuseppe Bellini hanno reso dichiarazioni spontanee al giudice, che ha anche ascoltato l’ultimo testimone. Il 12 marzo si svolgerà l’udienza finale, nella quale sarà emanata la sentenza. «La nostra è stata solo una presa d’atto, in qualità di amministratori, e non abbiamo alterato i punteggi – commenta Giuseppe Bellini – la Regione aveva comunicato che era necessario approvare l’elenco dei Peu, altrimenti non era possibile accedere ai fondi. Non abbiamo avuto neanche un centesimo dei finanziamenti, i contributi non sono mai stati erogati».

(Pubblicato il 25/01/2013)

SITI SPONSORIZZATI

PRESTITALIA - PRESTITI PERSONALI A DIPENDENTI E PENSIONATI
Via Corsica, 152 - Termoli - Tel: 0875.7117 Fax: 0875.711726

STUDIO DENTISTICO DOTT. CASOLINO
Corso Vittorio Emanuele III, 45/B - Termoli - Tel: 0875.704521

CRM - SOFTWARE E CONSULENZA PER LA CRESCITA DELLA TUA RETE COMMERCIALE
Carmati CRM - 0875.711720 - info@carmati.it - www.carmati.it

back


 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2012 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006