PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Brico io
 
Top News

28/12/2017 - Appello ai moderati di Niro, Cotugno e Tiberio per giudice Di Giacomo

Grandi Manovre/2. I moderati riuniti a sostegno di Enzo Di Giacomo. Con una mossa preannunciata nelle scorse ore dalla conferenza stampa del presidente Cotugno, sei partiti o movimenti di centro dichiarano la loro volontà di aggregare i cosiddetti moderati intorno alla figura del giudice del tribunale di Isernia in vista delle prossime elezioni regionali. Hanno firmato il documento i Popolari per l’Italia di Vincenzo Niro, Orgoglio Molise di Vincenzo Cotugno, l’Udc di Teresio Di Pietro, Idea di Maurizio Tiberio, i Cristiano popolari di Beniamino Buchicchio e Il Molise che vogliamo di Salvatore Micone.
«I partiti e i movimenti civici dell’area moderata, nel raccogliere la forte richiesta di cambiamento proveniente dalla gente comune e dai vari settori economici e produttivi – si legge nella nota - ritengono maturi i tempi per valutare una nuova proposta politico/programmatica che includa anche una discontinuità nella posizione di vertice della regione». Una frase che tradotta dal politichese vuol dire semplicemente: no alla conferma di Paolo Frattura.
«Per tale motivo – continuano i sei firmatari - siamo impegnati nella ricerca costruttiva di alleanze, uomini/donne ed energie capaci di interpretare al meglio una proposta elettorale che, rompendo vecchi schemi, a volte troppo rigidi, per delicatezza del momento che stiamo vivendo, e nell’ottica di larghe intese, possa ambire a governare la Regione per i prossimi cinque anni garantendo buona amministrazione, pluralità, partecipazione e democrazia.
Si è pensato di intraprendere un percorso comune tra tutte le forze politiche e civiche, che intendono aderirvi che sia coerente nei contenuti di un “Patto per il territorio” condiviso». Quindi spazio alle larghe intese, ma soprattutto porte aperte sia a chi finora è stato nel centrodestra, che a coloro in forza al centrosinistra.
«Un patto che, sia chiaro, non preclude la presenza di alcuna componente tra quelle che ritengono prioritario l’interesse collettivo e la risoluzione dei numerosi problemi che affliggono la nostra regione. Un patto che, stabilisca anche quali devono essere i requisiti del futuro candidato Presidente della Regione, ritenendo che occorre individuare una persona che racchiuda in sé quelle caratteristiche umane e professionali, che assicurino l’effettiva realizzazione del programma politico-amministrativo, una figura che abbia già raggiunto importanti risultati per il bene della collettività e che garantisca l’assoluta lontananza da conflitti di interesse e la piena autonomia da ingerenze e centri di potere, unitamente a riconosciute doti di lealtà, onestà e coerenza».
Quella persona, secondo i moderati, è il giudice Vincenzo Di Giacomo. «Per tale scopo lanciano un appello a tutte le forze politiche che si riconoscono nel percorso indicato affinché siano considerate tutte le possibilità di intesa e di collaborazione, con l’obiettivo di stilare un programma aperto, solido e credibile, che sia in grado di inglobare i suggerimenti di tutti i molisani che intendono mettere a disposizione la loro esperienza. Rivolgiamo al dottor Vincenzo Di Giacomo, su cui si sono già avute altre espressioni di gradimento, quale candidato alla carica di Presidente della Regione Molise, il vivo e formale invito ad assumere ufficialmente tale compito, facendosi garante di un programma politico-amministrativo finalmente votato a risolvere i gravi problemi che affliggono il territorio regionale».

LE ALTRE NEWS

news precedenti

IN PRIMO PIANO
21/01 - Di Maio, ’botto’ al Meridiano: mai così tanti per un politico. Tra il pubblico molti delusi bipartisan
21/01 - Campobasso, vai col tris: exploit a Fabriano e seconda vittoria consecutiva in tasca
21/01 - Manager termolese tra i 40 migliori d’Italia. "Ragazzi, coraggio: credete in voi stessi"
21/01 - Eternit a San Giovanni in Golfo: la bonifica non c’è stata. "Ora il sito è più pericoloso di prima"
21/01 - L’arte e il messaggio di Orlando Caterina: "Resistere nel Molise del blablabla"
21/01 - “Zombie” e abusi all’infanzia: il ricordo di Dolores O’Riordan
20/01 - Scintille su manovra, poi l’Aula modifica la legge elettorale. Ma la data delle Regionali non c’è
20/01 - Danilo Leva

 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2012 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006