Chateau dAx
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
S1M ONE - Telefonia
 
Top News

19/10/2017 - Micaela Fanelli: "Governo Pd in Molise ci permette di ripartire"

Planner Sposi
L’analisi Della Segretaria. Più che positivo il bilancio che fa Micaela Fanelli, segretaria regionale del Pd, sulla visita di Matteo Renzi oggi in BassoMolise: «Un ritorno gradito e atteso, quello del Segretario nazionale del Partito Democratico, giunto questa sera a Termoli a bordo del treno “Destinazione Italia”. Che tra le sue prime tappe ha toccato il Molise, dove Matteo Renzi è giunto alle 20.00, per poi raggiungere la Cantina Cliternia a Campomarino.
Un luogo non a caso, scelto, dopo la distruzione di alcuni vigneti qualche settimana fa, per lanciare un messaggio forte e chiaro ai tentativi di infiltrazione malavitosa che da tempo si registrano in Molise: “Non abbiamo paura di voi! Non ci fermerete!”.

E proprio da Campomarino, dalla Cantina Cliternia che lavora sulla cooperazione, l’export, la qualità e resiste all’illegalità, simboli di un tempo che dobbiamo vivere contro le chiusure e la disoccupazione, riparte il percorso - mai interrotto – di ascolto e dialogo del Partito Democratico, per raccogliere le richieste dei luoghi, delle sue imprese e dei lavoratori.
ifiutiamo un futuro che è già passato. Perché “il Molise che non esiste”, ironico libro su di noi, resti una provocazione.

Con gli anni a guida centro-destra, il modello locale è stato implicitamente o esplicitamente quello della bulimia del sistema pubblico.

Il governo a guida PD ha perseguito un modello diverso. Uscita dalle partecipazioni nelle imprese decotte e nei vari soggetti della galassia del para pubblico. La sofferta e necessaria riforma della sanità. La riduzione delle tasse. Unitamente a questa ricetta più liberale, sperimentazione di interventi per la povertà e avvio di una riconfigurazione di welfare locale di servizi sociali. L’area di crisi per stare vicino a chi nel mentre aveva perso lavoro e politiche attive. L’ambiente e il territorio. Senza paternalismo, per creare le condizioni di un ecosistema di successo per fare crescita, sviluppo e occupazione.

«E ci stiamo riuscendo, stiamo ripartendo», ha detto Micaela Fanelli nell’incontro privato con Matteo Renzi. Citando la Svimez ed il suo ultimo rapporto con il PIL del Molise a più 1,6 (2016 su 2015). Bronzo dopo Campania e Basilicata. Cresce il lavoro, il Molise è la medaglia d’oro del Sud con un più 3,4 e i dati record di agricoltura e edilizia (con quasi più 20% ciascuno). E più 11% l’occupazione dall’inizio del governo di centrosinistra a oggi (primo trimestre 2013, secondo trimestre 2017). I dati sono dell’Istat e conclamano circa 10.000 occupati in più per il Molise, persone che vivono e tornano ad avere sogni».

Ma con onestà dobbiamo anche riconoscere che i problemi del Molise restano tanti: La forte povertà, dopo 15 anni di recessione. Il lavoro giovanile e femminile che non c’è. L’emigrazione selettiva, lo spopolamento, rarefazione dei servizi territoriali, frane e strade impraticabili incompiute e borghi di pietre cadenti.
Insomma, il futuro è già qui, ma non è ancora equamente distribuito.

È questo il nostro impegno, quello che abbiamo promesso a Matteo Renzi. Accelerare la direzione avviata, rendendo persone e luoghi più eguali nei diritti. per gli ultimi! Con coraggio e orgoglio. Più fieri di noi stessi, per quanto realizzato dal nostro governo nazionale e regionale. E al segretario nazionale abbiamo chiesto una maggiore attenzione per il raddoppio ferroviario tra Termoli e Lesina; per la Zes del Molise complementare all’area di crisi. Ma anche il rifinanziamento delle aree interne per un Molise che non lascia nessuno indietro; Costa, mare, sbarchi, accoglienza. E ancora Prodotti identitari e a forte connotato locale»

«Per questo ringraziamo Matteo Renzi – ha concluso il Segretario del Pd Molise – perché serve una politica che venga nei luoghi. Per capire e incoraggiare. Che viene qui per ascoltare, in una campagna fatta più di orecchie che di corde vocali».

Serve un centrosinistra il più ampio possibile. Inclusivo. Aperto alla società civile e all’associazionismo. Che sappia guardare al centro e a sinistra, anche oltre i movimenti e i partiti tradizionali. Ai singoli cittadini che vogliono partecipare. Il punto è avere un orizzonte comune, non un perimetro angusto. No ai veti.
Questo è il centrosinistra che serve all’Italia. Il destino è solo nelle nostre mani. Serve utopia e buon governo. Squadra e leader».

LE ALTRE NEWS

news precedenti

IN PRIMO PIANO
19/11 - Escono dalla festa, svaligiano bar e distruggono stazione. Denunciati sei baby vandali
19/11 - Il Campobasso pareggia a Pineto: D’Agostino firma il 9° gol, pari di Ciarcelluti
19/11 - Rapina al supermercato Md: minaccia la cassiera con la pistola e fugge col complice
19/11 - Chiuso anche l’ultimo ristorante cinese. Campobasso è sempre meno “internazionale”
19/11 - Ricordate i genitori degli anni ’80 e il kit contro la noia?
18/11 - Tutti dal gommista per termiche o catene: l’elenco delle strade dove è obbligatorio averle
18/11 - Campobasso a Pineto per cancellare l’ultimo ko. Agnone, sfida proibitiva alla Vis Pesaro
18/11 - Svolta nella vertenza per il trasporto urbano, gli autisti licenziati tornano al lavoro

 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2012 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006