Chateau dAx
PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
Tigre Amico
 
Top News

19/05/2017 - Sedi affittate con i soldi dei gruppi, M5S: "Privilegio da eliminare"

Campobasso. Una proposta di legge composta da una sola frase, ma con un impatto immediato e concreto dal punto di vista dei costi della casta. L’ultima iniziativa legislativa del Movimento 5 Stelle punta a modificare la legge numero 20 del 1991, il ‘Testo unico delle norme in materia di funzionamento e di assegnazione di personale ai Gruppi Consiliari’. Forse ad ‘ispirare’ Antonio Federico e Patrizia Manzo il caso dell’appartamento di via Garibaldi affittato dall’assessore Vittorino Facciolla con i fondi del gruppo consiliare.
Per i due inquilini di palazzo D’Aimmo, è arrivato il momento di razionalizzare i costi della politica ed eliminare la possibilità per i gruppi consiliari di prendere in affitto immobili ad uso ufficio. Ad ognuno di loro, del resto, sono assegnate apposite stanze nel palazzo di via IV Novembre.
«Evidentemente – la pungente considerazione di Antonio Federico – a qualche consigliere regionale non bastano gli oltre 9mila euro di stipendio per poter affittare un appartamento. Né il rimborso spese di 4500 euro esentasse previsto nella busta paga di ogni consigliere regionaleper questi scopi».
Non solo Vittorino Facciolla, ma anche Salvatore Micone, Cristiano Di Pietro, Francesco Totaro e Vincenzo Niro hanno informato l’Ufficio di Presidenza sull’affitto di una sede territoriale.
«Questo è l’ennesima battaglia contro i costi della politica che stiamo portando avanti dal 2013», incalza la collega Patrizia Manzo. «Il nostro obiettivo è eliminare da una legge regionale un comma che ha delle maglie abbastanza larghe e lascia spazio a diverse interpretazioni della norma. Il Consiglio regionale per legge già provvede ad assegnare ad ogni gruppo, tenendo i considerazione i membri, una sede e a garantire la continuità del mandato. Noi già in busta paga abbiamo 4.500 euro esentasse per svolgere la nostra funzione di consigliere regionale». Per la consigliera, la loro proposta di legge va ad eliminare un paradosso a vantaggio della casta e a discapito dei cittadini: «Ci sembra assurdo che una Regione che chiede ai cittadini di fare sacrifici, possa poi consentire ai gruppi consiliari di affittare uffici territoriali che secondo la legge devono essere legati ad attività istituzionali e dunque del Consiglio regionale».
La proposta di legge sarà al vaglio della Commissione consiliare preposta e poi in Consiglio regionale.

LE ALTRE NEWS

news precedenti

IN PRIMO PIANO
23/11 - Malore sul palco del teatro Savoia, muore il direttore della biblioteca dell’Università
23/11 - Una strada per l’australiano che salvò un molisano: "Gesto d’amore senza confini"
23/11 - Montini senza collaudo, lavori ’secretati’ alla Don Milani: ’ombre’ sulle scuole della città
23/11 - Sparisce una borsa, acquisiti i filmati. Attive le telecamere contro furti e aggressioni
23/11 - ’ndrangheta: l’Antimafia sequestra 4 appartamenti intestati a molisano inesistente
23/11 - Antiterrorismo non vale per pista di ghiaccio, parroco insorge: "Chiudo la Cattedrale"
23/11 - Auto, 24 ore di stop per l’asfalto. "Danni al commercio". Il disagio solo un giorno
23/11 - Timbravano e andavano in palestra e a fare spesa: sette indagati in Consiglio regionale

 
 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2012 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006