PRIMONUMERO - CITTA' IN RETE
S1M ONE - Telefonia
 


Quanta confusione su allergie, intolleranze alimentari...

di Raffaella Felice

Quanta confusione su allergie, intolleranze alimentari...
 
Ultimamente c’è un gran parlare di allergie e intolleranze alimentari,validità dei test, celiachia....
Bisogna premettere che la medicina ufficiale non riconosce i test per le intolleranze alimentari nonostante negli ultimi anni lavori scientifici di eminenti allergologi abbiano contribuito a chiarire, almeno in parte, i meccanismi che differenziano le allergie dalle intolleranze.
 
In passato il mondo scientifico, aperto all’esistenza delle intolleranze alimentari, distingueva l’allergia dall’intolleranza definendo la prima una reazione avversa ad una sostanza (allergene) in cui è coinvolto il sistema immunitario, mentre nell’altra no. Entrambe sono coinvolte nell’aumento dei livelli d’infiammazione dell’organismo.
 
Nel 2007 si identificò una via alternativa alla reazione allergica in cui intervengono le immunoglobuline di tipo E, quella in cui intervengono le immunoglobuline G e citochine infiammatorie.
 
Quindi, allo stato delle conoscenze attuali, l’allergia è una risposta immediata che compare in pochi minuti, più raramente entro qualche ora dal contatto con la sostanza incriminata e implica l’intervento delle immunoglobuline E mentre l’intolleranza è una risposta “ritardata” cioè solo dopo un superamento del valore soglia, in quanto si attivano dei meccanismi di controllo che nel caso delle intolleranze funzionano meglio che nelle allergie, e intervengono le immunoglobuline G .
 
Per quanto riguarda la celiachia, intolleranza al glutine con componente genetica ed autoimmune, lo scenario attuale è controverso. Studi recenti sulla tolleranza immunologica e soprattutto la definizione della celiachia, da parte di Sampson, come di una allergia mista, in cui è presente una componente dovuta ad allergia immediata indipendente dalla quantità di glutine ingerito, e una componente dipendente dalla ripetizione dell’assunzione di glutine, spingono a considerare questa patologia come l’espressione di una reazione immunologica che può manifestarsi in modo differente a seconda della dominanza di una o dell’altra componente.Infatti si possono presentare diverse situazioni:
 
-una forma celiaca classica ad esordio acuto, generalmente nell’infanzia. L’unica terapia, ad oggi, è l’eliminazione dalla dieta del glutine.
-una forma transitoria in soggetti con predisposizione allergica, che mangiano frumento e glutine in modo quasi esclusivo. Questa forma che esordisce in modo subdolo può essere controllato dallo studio delle intolleranze alimentari.
-una forma di celiachia iniziale, soprattutto negli adulti che abusano nella dieta del glutine e nei quali casi solo la valutazione del medico può definire la diagnosi e la terapia.
 
La recente definizione della Gluten Sensitivity, una intolleranza al glutine che provoca disturbi dopo l’ingestione di glutine e che interessa circa il 6% della popolazione ma non è morbo celiaco apre nuove vie di indagine sulla reazione al glutine. In passato una persona che lamentando disturbi simili a quelli del morbo celiaco presentava alle analisi villi integri si diceva che non era celiaco e poteva continuare a mangiare glutine. Oggi si è compreso che il glutine o meglio la gliadina, che si pensava tossica solo per i celiaci, lo è anche per alcuni soggetti che hanno perso o non hanno sviluppato la tolleranza al glutine. Si imputa questo al fatto che le farine siano troppo ricche di glutine o chissà....
 
In conclusione, come per tutti gli argomenti di ricerca, le definizioni e i meccanismi che modulano la reattività del nostro sistema immunitario al cibo in futuro potrebbero essere ridefiniti e aggiornati. Questo processo non vanifica però le conoscenze attuali: oggi sempre più allergologi sono dell’opinione che la tolleranza del sistema immunitario può essere recuperata seguendo una dieta di reintroduzione del gruppo alimentare verso cui si è persa la tolleranza con le modalità definite da un nutrizionista e che variano caso per caso.
 

(Pubblicato il 07/11/2012)

ALIMENTAZIONE & SALUTE

back


 
note legali  -  pubblicità  -  e-mail: info@primonumero.it  -  P. IVA: 01438950709 - telefono: 0875.714146 - fax: 0875.453113
© Copyright 2000-2012 - Tutti i diritti sono riservati - Primonumero - Città in Rete
visitatori dal 7 aprile 2006