Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Termoli, torna l’acqua ma non è potabile. Acquedotto, venerdì altri lavori: 17 Comuni coinvolti

Nella città adriatica "il flusso idrico sta tornando regolare in quasi tutte le condotte della città di Termoli e lo è già dal pomeriggio, in tutte le scuole della città, sia comunali che istituti superiori". Lo dice il Comune, annunciando che al più presto saranno effettuate nuove analisi per revocare il divieto di bere l’acqua, ancora non potabile. Intanto Molise Acque ha diramato una comunicazione di sospensione del flusso idrico per numerosi comuni che vengono riforniti in via esclusiva o alternativa dall’Acquedotto Molisano Sinistro. Domani, venerdì, possibili disagi legati all’erogazione idrica.

Più informazioni su

In queste ora l’acqua sta tornando in tutte le case di Termoli. Entro domattina il disagio, che si è verificato in maniera vistosa anche per incomprensioni di comunicazione fra il Municipio e la Crea, il gestore cittadino del servizio idrico, dovrebbe rientrare del tutto. «Il flusso idrico sta tornando regolare in quasi tutte le condotte della città di Termoli e lo è già dal pomeriggio, in tutte le scuole della città, sia comunali che istituti superiori – si legge nella nota del Comune – A partire da domani, quando la condotta sarà completamente piena, potranno essere effettuate le analisi relative alla potabilità. L’amministrazione sta richiedendo massima sollecitudine agli enti preposti ad effettuare analisi e valutazioni».

Per il momento l’acqua non è ancora potabile ed è meglio non berla e non uarla in cucina. Regola che vale, ovviamente, per chi l’acqua ce l’ha. Gli altri devono rassegnarsi ad aspettare. Ma, rassicurano dal Comune, è questione di ore.

Il sindaco esprime solidarietà a chi affronta un disagio abbastanza inedito per la cittadina che amministra. “Ai tanti cittadini che in questi momenti stanno vivendo il disagio di un disservizio grave come la mancanza di acqua va la mia solidarietà – ha dichiarato il sindaco Sbrocca – da giorni stiamo lavorando ininterrottamente per cercare di attenuare gli inconvenienti legati a questa emergenza dovuta, lo ricordiamo ancora una volta, ad una rottura dell’impianto di potabilizzazione nella Diga del Liscione gestita da Molise Acque. La priorità adesso per noi è ripristinare il prima possibile le normali condizioni di fornitura del servizio idrico ai nostri cittadini».

E intanto, dopo i problemi alla condotta della diga del Liscione, urge intervenire anche sull’Acquedotto Molisano Sinistro.Oggi Molise Acque ha già diramato una comunicazione di sospensione del flusso idrico per numerosi comuni che vengono riforniti in via esclusiva o in via alternativa dall’Acquedotto Molisano Sinistro.
A partire da domani mattina, venerdì, alle ore 6 e fino al tardo pomeriggio, nella migliore delle previsioni, il flusso idrico sarà sospeso dal gestore regionale dell’acqua nei comuni di Trivento (località Monterosso), Lucito, Castelbottaccio, Lupara, Roccavivara, Civitacampomarano, Guardialfiera, Castelmauro, Acquaviva Collecroce, Tavenna, Palata, Mafalda, Montenero di Bisaccia, Petacciato, Montecilfone, Guglionesi e San Giacomo degli Schiavoni. Questi comuni potrebbero avere, a causa dei serbatoi ridotti di dimensione che si svuotano facilmente, problemi nel rifornimento cittadino e delle rispettive contrade nella giornata di domani 18 maggio.

Molise Acque ha invitato i comuni ad assumere i necessari provvedimenti di regolazione del flusso idrico,visto che bisogna riparare la condotta del molisano sinistro nel tratto partitore Colle-Marasca serbatoio Croce Strangola.Il sindaco di Petacciato Roberto Di Pardo ha già annunciato che «in paese i disagi dovrebbero essere limitati ad alcune contrade rurali», visto il duplice sistema di approvvigionamento di cui è fornito il Comune. Vale lo stesso per Guglionesi, dove il vicesindaco Lucarelli, da sempre delegato a monitorare il serbatoio comunale, dichiara: «Chiederemo a Molise Acque di essere riforniti con l’acqua della diga attraverso le pompe di sollevamento. Non dovrebbero esserci problemi eccessivi, a meno che i lavori di riparazione dovessero protrarsi troppo». Per ora non si segnalano particolari allarmi, ma bisognerà vedere, atteso che per i molisani questa dell’acqua è una vera odissea.

Più informazioni su