Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

135mila euro del Ministero bloccati da 4 anni: protestano 10 associazioni dei consumatori

Si chiama ’Pronto consumatore: chiama e sarai tutelato’ il progetto finanziato dal Ministero con 135mila euro. La Regione Molise aveva aderito all’iniziativa nel 2013 attraverso l’Assessorato alle Politiche dello sviluppo economico. Ma, a parte i comunicati stampa, il servizio ancora non parte perchè l’ente di via Genova ancora non eroga i finanziamenti che ora rischiano di essere revocati. Le associazioni si ribellano: «Questi sono fondi vincolati».

Più informazioni su

Potrebbe essere uno dei casi da ‘Chi l’ha visto’. A parte gli annunci in pompa magna, sono passati quattro anni da quando la Regione Molise, con un’apposita delibera (la numero 526 del 10 ottobre 2013), decise di partecipare al progetto del Ministero ‘Pronto consumatore: chiama e sarai tutelato’. In pratica, un numero verde gratuito finalizzato a tutelare i consumatori da frodi alimentari e raggiri, per aiutarli a orientarsi nella ‘giungla’ dei servizi offerti dalle varie società di telefonia, luce e gas. Un’iniziativa utile, dunque, per tanti cittadini.

Inutile dirlo: il progetto, che doveva essere realizzato da dieci associazioni dei consumatori (Adoc, Adiconsum, Adusbef, Assoutenti, Assoconsum, Confconsumatori, Movimento dei consumatori, Codacons, Federconsumatori e Unione nazionale dei consumatori), non è mai partito. Loro hanno provato a mantenere il call center per due mesi, ma poi hanno mollato visto che ci rimettevano di tasca propria. Ora si rischia che i soldi torneranno a Roma.

«Nonostante il Ministero dello Sviluppo economico abbia trasferito i fondi nel 2014, la Regione Molise ancora non li trasferisce», tuona il coordinatore del progetto Lorenzo Cerio. Alla stampa denuncia, assieme ai rappresentanti delle associazioni, gli inspiegabili ritardi nell’erogazione dei finanziamenti.
La versione ufficiale arrivata da via Genova, che all’interno del progetto avrebbe dovuto stanziare anche 20mila euro di fondi propri, è che i soldi non vengono sbloccati «per colpa di vicende finanziarie interne alla Regione». Una giustificazione considerata poco plausibile dalle associazioni.

«Il Molise rischia di essere l’unica regione in cui il progetto non parte nonostante sia stato finanziato con fondi che il Ministero destina alle associazioni dei consumatori che operano senza scopo di lucro. Parliamo di fondi vincolati: sono i proventi delle sanzioni comminate dall’Antitrust. In tutta Italia funziona così», spiegano Nicola Criscuoli (Adoc), Monia Felice (Adiconsum) e Sonia Giacchetta (Confconsumatori).
«Queste associazioni – aggiunge Filippo Poleggi (Movimento consumatori) – fanno anche formazione, informazione e prevenzione». E poi, sottolinea ancora, «le altre regioni d’Italia hanno leggi e appositi finanziamenti per le associazioni dei consumatori».
Invece in Molise «rischiamo che il Ministero revochi il finanziamento alla Regione e che non verranno finanziati nemmeno i prossimi progetti». Il danno e la beffa per i consumatori molisani che non potranno usufruire di un servizio utile e soprattutto gratuito.

Più informazioni su