Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Forzano l’auto davanti al lido, trovano le chiavi di casa e gliela svaligiano a tempo record

Furto per migliaia di euro quello messo a segno in una abitazione di Guglionesi, che venerdì mattina è stata visitata dai ladri mentre i proprietari erano al mare. Qui la loro vettura è stata forzata, i malviventi hanno scoperto l’indirizzo dal libretto di circolazione della vettura e hanno trovato nel cruscotto le chiavi di casa. Arrivati in paese, a meno di 20 chilometri dalla costa, hanno fatto razzia di contanti e gioielli. Poco dopo l’amara sorpresa della famiglia, che ha trovato l’appartamento a soqquadro e le cose di valore trafugate.

Più informazioni su

Ladri fortunati di sicuro quelli che venerdì mattina si sono imbattuti, a Termoli, nelle chiavi di una abitazione che si trova a di Guglionesi, dove erano conservati numerosi gioielli e oggetti di valore che sono stati trafugati in blocco durante la permanenza della famiglia al mare.

Un furto che ricalca una modalità in voga da qualche tempo, e che ha fatto più di una vittima anche negli anni scorsi con la stessa tecnica. In quest’ultimo caso è stata presa di mira un’auto parcheggiata sul lungomare nord di Termoli, all’altezza degli stabilimenti balneari centrali. La vettura – il cui conducente con la famiglia era sceso in spiaggia per qualche ora di relax e refrigerio – è stata forzata e i ladri, nella indifferenza dei bagnanti che affollavano la zona e non si sono accorti verosimilmente di nulla, hanno cercato qualcosa da portarsi via frugando tra cruscotto, sedili e portaoggetti.

Hanno trovato il mazzo di chiavi, e immaginando che fossero quelle capaci di aprire la porta dell’appartamento, hanno verificato sul libretto di circolazione dell’auto l’indirizzo del proprietario. Quindi di gran lena, dopo aver mollato l’auto e tutto il suo contenuto con l’eccezione delle chiavi, si sono fiondati a Guglionesi, comune di residenza della vittima, e qui hanno raggiunto con il navigatore l’indirizzo esatto, trovando il cognome sul campanello.

Una volta entrati, senza piedi di porco né arnesi da scasso ma con una “pulitissima” e silenziosa chiave di casa, hanno rovesciato comò, cassetti, credenze e altri mobili in cerca di oggetti di valore. Che hanno trovato abbastanza facilmente, e dei quali si sono impossessati per un danno di svariate migliaia di euro.
Nell’abitazione infatti, che si trova nel quartiere di Santa Margherita, erano conservati oro e gioielli, che i ladri hanno portato via insieme a un po’ di contante e altri oggetti, a tempo di record, lasciandosi dietro solo un gran disordine ma nessun tipo di forzatura nè tracce particolari.

Grandissima l’amarezza dei proprietari che, ignari di tutto, poco dopo hanno raggiunto l’appartamento con la speranza di pranzare e riposarsi, per scoprire invece che la loro casa era stata visitata dai ladri. Solo a quel punto hanno ricollegato questo episodio alla misteriosa scomparsa dalla loro autovettura di un mazzo di chiavi.

Choc, incredulità e tanta rabbia, dovuta soprattutto alla disinvoltura con la quale si mettono a segno furti del genere. Il giorno successivo il proprietario si è recato nella caserma dei carabinieri per la denuncia e sono state avviate le indagini. Ma le speranze di risalire ai responsabili, con un modus operandi simile e senza nemmeno gli indizi forniti dai basisti, sono ridottissime.

Più informazioni su