Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Città blindata dai carabinieri: posti di blocco ovunque, decine i cittadini fermati per controlli

Posti di blocco sono stati predisposti nei punti più ’caldi’ e nelle strade di accesso alla città. I militari del Nucleo operativo e radiomobile di Campobasso hanno fermato e controllato diverse automobili. Un maxi posto di blocco è stato predisposto in largo Carile, nelle vicinanze del terminal degli autobus, una delle zone più frequentate e a rischio malavita. Territorio passato al setaccio dunque durante l’operazione di contrasto della criminalità e al terrorismo.

Più informazioni su

Difficilmente a Campobasso, considerata dai più come una città tranquilla, si assiste ad un simile dispiegamento dei mezzi delle forze dell’ordine. I Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile hanno alzato i livelli di guardia nei punti più ‘caldi’ della città e questa mattina, 30 maggio, hanno disposto un maxi posto di blocco nei pressi di uno dei principali punti d’ingresso.
Numerose le pattuglie presenti in largo Carile, nelle vicinanze del terminal degli autobus nonché snodo viario importante: per quell’arteria transita chi arriva da Termoli, Foggia e Isernia ed è diretto a Campobasso.

Migliaia sono anche gli studenti che percorrono quella zona dopo l’uscita di scuola per andare a prendere il pullman che li riporta a casa. Una zona, dunque, molto trafficata e considerata ad alto rischio.

Durante i controlli straordinari dell’Arma, sono state fermate e controllate con attenzione parecchie auto reputate probabilmente sospette. L’operazione, eseguita dai militari della locale stazione con particolare attenzione, si inserisce nell’ambito del rafforzamento delle misure di prevenzione della criminalità e del terrorismo.

Capoluogo dunque passato al setaccio dopo i recenti episodi legati soprattutto all’aumento dei furti in abitazioni e negozi e allo spaccio della droga, i cui autori non sarebbero solo persone di Campobasso. Probabile il legame con la malavita pugliese e campana e i contatti con alcuni migranti presenti in città.

Più informazioni su