Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

10mila euro che fanno la differenza: Venditti salta, sul palco del Concertone Alex Britti

Ufficializzato nel pomeriggio di oggi 24 maggio il nome della "star" che salirà sul palco del Corpus Domini il prossimo 18 giugno: è Alex Britti, dall’inizio nella rosa dei "parabili". Il Comune infatti non è riuscito a chiudere il contratto con Antonello Venditti, il cui manager non ha ceduto sui 70mila euro richiesti, un po’ troppi per il budget a disposizione. Decisamente più economico Britti, che "si accontenta" di 38mila euro per il concerto più popolare dell’anno.

Più informazioni su

Forse è stata la trattativa più seguita della storia del Corpus Domini. E’ finita con un colpo di scena che nessuno (o quasi) si aspettava, compreso qualcuno degli inquilini di palazzo San Giorgio: non sarà Antonello Venditti la ‘star’ del concertone del prossimo 18 giugno. L’accordo con l’artista romano-molisano è sfumato sul filo del rasoio: ‘colpa’ di 10mila euro di differenza tra il suo cachet (70mila euro) e l’offerta del Comune di Campobasso.

L’amministrazione non era intenzionata a sborsare più di 60mila euro sperando di poter far leva sul legame affettivo con il Molise e le origini di Campolieto dell’autore di ‘Grazie Roma’. Non è bastato. La trattativa, poi, è precipitata quando sui social sono comparsi i primi commenti non proprio di ‘benvenuto’. Alcuni campobassani non avrebbero gradito la terza esibizione del cantante, in città già negli anni Novanta e nel 2006. Invece, per l’amministrazione era una garanzia, ‘usato sicuro’ come si dice per le automobili. Chi in Municipio ha proposto il suo nome venerdì scorso, 19 maggio, è convinto che Venditti è l’unico che può riempire la piazza nell’evento più atteso dell’anno a Campobasso e in grado di richiamare turisti anche da altre parti del Molise e delle regioni vicine.

Sfumata l’intesa con il cantautore romano, il Comune ha optato per Alex Britti, altro nome nella rosa dei papabili. Cachet più ridotto: 30mila euro. Si arriva a 38mila euro considerando il ’contorno’, Iva e service.
L’artista romano, in tour con ‘In nome dell’amore’ e reduce dall’esperienza televisiva di ’Masterchef vip’, è di sicuro richiamo tra i giovani, il target che l’amministrazione puntava ad accontentare quest’anno dopo aver scelto per l’edizione del 2016 Renzo Arbore, un pezzo di storia della musica italiana. L’artista e la sua Orchestra italiana fecero il boom. Quest’anno, con Alex Britti probabilmente sarà difficile rivedere la stessa folla. La scelta ha già provocato le prime reazioni. «Con tutto il rispetto, ma Alex Britti non è all’altezza per l’evento più importante della regione», le parole dell’esponente di opposizione Alberto Tramontano.

Le uniche incertezze che restano sono ora sulla location del ’concertone’: la commissione di vigilanza del Comune di Campobasso sta valutando se dare l’ok per piazza Prefettura. Alla base del possibile diniego motivi di sicurezza.

Più informazioni su