Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Volontà a donare organi e codici Pin per internet: arriva la nuova carta d’identità elettronica

Anche a Termoli nell’arco di qualche mese sarà disponibile la Cie, nuovo documento d’identità che sostituisce la vecchia carta d’identità cartacea. Si tratta di una smart card che oltre ai dati anagrafici e ai riferimenti telefonici e telematici prevede l’assenso o il diniego alla donazione di organi e dei codici Pin e Puk per accedere in futuro ai servizi della pubblica amministrazione via internet. Il servizio è già attivo a Campobasso, uno dei 199 Comuni pilota dell’innovazione varata nel 2015.

Più informazioni su

Arriverà presto anche a Termoli la carta d’identità elettronica, novità introdotta dallo Stato nel 2015 e in fase di sperimentazione negli ultimi mesi in 199 città, compresa Campobasso, prima realtà molisana a testare la novità. La nuova carta d’identità sostituisce quella classica fatta di carta ed è come una normale smart card. Contiene però importanti informazioni personali e dà anche la possibilità di accedere a servizi informatici.

A Campobasso la Cie (carta d’identità elettronica) è disponibile dallo scorso giugno. A Termoli e a Isernia la novità è attesa nell’arco di qualche mese. La smart card ha funzioni di identificazione del cittadino. La Cie è stata reputata necessaria all’adeguamento delle caratteristiche della tessera agli standard internazionali di anticlonazione ed anticontraffazione in materia di documenti elettronici. L’attuale carta d’identità è infatti ritenuta troppo semplice da falsificare, oltre che facilmente deteriorabile. Proprio per questi motivi in un Paese come il Regno Unito, spesso non viene accettata alla dogana.

Sulla nuova Cie ci sono diverse importanti novità: innanzitutto l’espressione esplicita della volontà di donazione degli organi in caso di decesso. Contiene, al suo interno, anche codici Pin e Puk attraverso i quali in futuro i cittadini potranno accedere ai servizi digitali della pubblica amministrazione. È, inoltre, un documento di viaggio in tutti i Paesi appartenenti all’Unione Europea e in quelli con cui lo Stato Italiano ha sottoscritto specifici accordi. Ci saranno inoltre le impronte digitale e il numero di codice fiscale, oltre a contatti telefonici e telematici.

In vista dell’introduzione di questo nuovo strumento, si è svolta il 3 maggio, in Prefettura a Campobasso una giornata di formazione rivolta al personale dei Comuni di Isernia e Termoli addetto alle procedure per il rilascio della carta di identità elettronica.

Un docente incaricato dall’Amministrazione centrale ha illustrato come acquisire i dati del cittadino e il successivo inoltro degli stessi al Ministero dell’Interno e al Poligrafico e Zecca dello Stato per la relativa stampa della Cie, mentre la coordinatrice del Centro Donazione Organi e Tessuti dell’Asrem e il responsabile dell’analogo Centro di Termoli hanno parlato delle attività di acquisizione della dichiarazione dei cittadini sulla volontà di donare gli organi, nonché sui possibili problemi connessi.

Quindi dopo Campobasso, che, a livello nazionale, si colloca tra i 199 comuni “pilota” del progetto, sono stati abilitati anche i Comuni di Isernia e Termoli. Fra pochi mesi entrambe le città potranno procedere al rilascio della nuova carta di identità.

Più informazioni su