Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Multipiano via Campania e parcheggi a pagamento: cercasi gestore per i prossimi sei anni foto

Pubblicato dal Comune di Termoli il bando per l’affidamento in gestione dei 1100 stalli blu presenti sul territorio cittadino, dopo il fallimento della ditta Aipa. Il vincitore della gara d’appalto avrà diritto a riscuotere gli incassi per il pagamento della sosta dalla stipula del contratto ai sei anni successivi. Prevista la rimessa in sesto del multipiano di via Campania con parcometri nuovi e personale di vigilanza. Ma nel bando da 1,9 milioni di euro un’avvertenza: presto i posti su piazza Sant’Antonio spariranno per i lavori legati al tunnel.

Più informazioni su

I parcheggi a pagamento di Termoli cercano un nuovo “riscossore”. Il Comune ha infatti pubblicato un bando per trovare un soggetto privato che si occupi della gestione e appunto della riscossione, della sosta a pagamento. In tutto sono 1100 stalli blu, compresi i 181 posti del multipiano di via Campania, vera spina nel fianco dell’ultimo decennio per il Comune in tema di parcheggi a pagamento.

E’ quella infatti la struttura attorno alla quale si fonda tutto il servizio che l’Amministrazione vuole appaltare dopo il fallimento della società Aipa, temporaneamente sostituita dalla Mazal nei mesi scorsi in seguito al fitto di un ramo d’azienda. Attualmente e solo finchè la gara non sarà terminata, è una società termolese a gestire il servizio.

Ma in tutto questo che il multipiano di via Campania non funzioni a dovere è risaputo. Due dei tre piani di sosta sono vuoti per tutto l’anno, a esclusione di due o tre settimane in estate, specie nel mese di agosto, quando l’aumento della richiesta riesce a riempire anche una struttura evidentemente inadeguata, come più volte segnalato dai cittadini. L’unico piano occupato quasi totalmente è quello dedicato agli abbonamenti che viene sfruttato soprattutto dai residenti. Ma resta un multipiano mal segnalato, con impossibilità di utilizzo notturno e persino corsie troppo strette. Ciliegina sulla torta, l’installazione di due tabelloni elettronici su via Corsica e via Martiri della Resistenza che sarebbero dovuti servire per sapere quanti stalli sono rimasti liberi e che invece non sono mai entrati in funzione.

E’ a tutto questo che il Comune chiede di provvedere quando cerca un nuovo gestore dalla stipula del contratto e per i prossimi sei anni. Il valore del contratto per l’appaltatore è stato calcolato in circa 1 milione e 902 mila euro. Fra le richieste del bando si leggono «fornitura, installazione, manutenzione ordinaria e straordinaria dei parcometri a norma per il pagamento della sosta, allestimenti degli stalli e degli impianti, controllo della sosta con ausiliari del traffico, prelievo, conteggio e versamento degli incassi della sosta».

Il concessionario verrà obbligato anche a stipulare una polizza di assicurazione per coprire i danni causati da eventuali danneggiamenti di opere anche preesistenti. E qui il pensiero va proprio al parcheggio di via Campania, spesso vittima di intrusioni di vandali o senzatetto. Per come sono andate le cose in passato non sarà facile trovare chi si sobbarcherà un rischio di questo tipo, anche valutando un’ulteriore incognita che viene menzionata nel bando.

In piazza Sant’Antonio infatti i 35 parcheggi blu potrebbero sparire molto presto, in concomitanza con l’apertura del cantiere per la realizzazione di un altro parcheggio, quello sotterraneo, previsto nella riqualificazione del centro urbano che comprende anche il tunnel e un nuovo teatro. In sostanza il prossimo gestore della sosta a pagamento vincerà un appalto per un servizio destinato a modificarsi durante la durata del contratto, probabilmente con un bel taglio alla fetta di ricavi. E poi, qualora il multipiano sotterraneo sarà pronto e funzionale prima della scadenza dell’accordo, entrerà in gioco anche la concorrenza di quella struttura. Con possibili differenze nel costo stesso della sosta.

Più informazioni su