Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Cercasi attori 80enni e attrici che sanno fare gli sfringioni per il nuovo film “nostrano”

Tra giugno e luglio ancora telecamere in Molise per girare il lungometraggio "La Bambina Sintetica". Martedì 3 e mercoledì 4 aprile i casting a Casacalenda e Palata per trovare gli attori e le comparse: le donne dovranno essere brave a preparare gli sfringioni, specie di scarpelle, gli uomini dovranno avere i tratti marcati, essere contadini e agricoltori dai valori veri, come la saggezza e la cura della famiglia, ma soprattutto tutti dovranno essere rigorosamente molisani. Ancora una volta nella regione che non esiste arrivano telecamere e registi per girare un nuovo film. Il film sarà prodotto dalla Bibi Film e sarà diretto dalla regista molisana Karol Di Tommaso.

Più informazioni su

Donne, uomini, anziani, bambini e anche la banda. Nella lunga lista di “ricercati” ci sono tanti personaggi per interpretare diversi ruoli nel prossimo film girato in Molise. Sembra infatti che la terra sconosciuta ai più e considerata inesistente da tutta Italia sia in realtà uno dei paesaggi più belli per ambientare storie e raccontare la vita dei suoi abitanti. E così il Molise arriva a fare il tris, con il terzo film dopo quello di Checco Zalone e quello di Christian Canderan girato tra Acquaviva e Termoli la scorsa estate.

Il set sarà allestito a giugno, quando inizieranno le riprese del film e continueranno anche a luglio a Casacalenda, Palata e Guardialfiera. Intanto a Casacalenda e Palata si aprono i casting: martedì 3 aprile a Casacalenda, nella sede di MoliseCinema in piazza Nardacchione dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 18, e poi mercoledì 4 aprile nella scuola di via Kennedy con lo stesso orario, chiunque vorrà potrà presentarsi per ottenere una parte. Undici persone, di cui 6 donne e 5 uomini, per interpretare altrettanti ruoli. Ma i personaggi dovranno essere veri, nulla di troppo finto e costruito. Perché gli organizzatori cercano i molisani veri. Le donne cinquantenni che si dedicano alla famiglia e poi le 80enni, «anziana, molto robusta, diretta e ruvida». Gli uomini quarantenni «di poche parole, uno sguardo che ispira una vita fatta di verità e serenità, che incarna la saggezza popolare e al tempo stesso è un uomo moderno, aperto di vedute e comprensivo».

Ma soprattutto, ultimi ma non ultimi per importanza, anche le donne che sappiano preparare gli sfringioni

Più informazioni su