Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Rai oscurata di nuovo, migliaia di molisani beffati. Ruta: “Qualcuno occupa le frequenze”

Nonostante l’intervento del Ministero per lo Sviluppo Economico, sollecitato nel febbraio scorso da un’interpellanza del senatore Roberto Ruta, sono ancora tanti i bassomolisani che lamentano la mancata ricezione dei tre canali principali della Tv di Stato. Termoli in parecchie zone, sia centrali che periferiche, ma anche Campomarino, Petacciato e l’area frentana sono i punti dove il problema è stato più volte segnalato. «Ho chiamato la Rai, avrò una risposta fra mercoledì e giovedì» riferisce il parlamentare Pd. «Probabile che qualche altra emittante abbia occupato le frequenze da poco liberate».

Più informazioni su

Doveva essere tutto risolto da un pezzo, invece il problema esiste ancora: migliaia di molisani, specie quelli residenti sulla costa e l’area frentana, non riescono a ricevere i tre principali canali della Rai. Perchè? «Probabilmente qualche emittente ha di nuovo occupato le frequenze di quei canali» ipotizza il senatore Roberto Ruta che un mese e mezzo fa aveva assicurato di aver trovato la soluzione. Ma mentre il Ministero dello Sviluppo Economico intimava a una tv locale abruzzese di spegnere i ripetitori che in Basso Molise andavano a disturbare la ricezione dei tre canali storici della Rai, probabilmente qualche altra tv privata ha fatto lo stesso.

Almeno questa pare la spiegazione più plausibile secondo il parlamentare campobassano. A fine gennaio aveva presentato un’interpellanza a Palazzo Madama chiedendo di scoprire e risolvere il problema. Dopo poche settimane la risposta del Ministero e lo spegnimento delle frequenze “pirata”. «Per qualche giorno sembrava tutto a posto, poi sembra che il problema si sia ripresentato» dice Ruta.

In effetti a metà febbraio molti molisani che avevano avuto la stessa seccatura a inizio anno e anche prima, assicuravano di ricevere finalmente la Rai. Ma da un mese circa il segnale è tornato a essere disturbato, se non addirittura assente. «Non è possibile, sempre la stessa storia. Ci prendono i soldi del canone Rai dalla bolletta della corrente però poi la Rai non si vede. E’ un nostro diritto» si sfoga Nunzio Cucoro, residente del Paese vecchio di Termoli. «Anche questo è un problema serio. C’è tanta gente a casa da sola che trova compagnia con la televisione. Perchè non può vederla? E pure il presidente Frattura dovrebbe interessarsi del caso».

Domanda legittima da un cittadino che ha interpellato proprio Ruta. «Mi ha detto che giovedì mi darà risposta, voglio vedere». E come lui attendono risposta altri migliaia di molisani. A Termoli il disservizio è stato segnalato in via Adriatica, a Difesa Grande e San Pietro. A Petacciato molti hanno ancora la tv senza i primi tre canali, mentre a Larino la ricezione è a macchia di leopardo. «Ho sentito altre persone. Nell’area trignina il problema non c’è più. A Campomarino e San Martino in Pensilis mi hanno detto di sì» afferma Ruta, che aggiunge di essersi mosso per dare risposte certe ai cittadini.

«Sabato scorso ho contattato la Rai. Mi è stato riferito che avrebbero fatto una verifica per capire se qualche emittente, forse anche legalmente, possa aver occupato le frequenze e se è così chiederanno di spegnerle». La risposta dovrebbe giungere fra oggi, mercoledì 22 e domani, giovedì 23 marzo. «E’ chiaro che se il problema non verrà risolto subito, non mi limiterò a fare solo un’interpellanza – ribadisce Ruta -. Non è possibile che si ripresenti sempre questo problema a discapito dei cittadini».

Più informazioni su