Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Timbravano e andavano via: 7 dipendenti del Comune a processo per assenteismo

Il Gup del Tribunale di Larino ha rinviato a giudizio sette dipendenti del Comune finiti sotto inchiesta con l’accusa di truffa e per alcuni di peculato. La vicenda, nata nel 2015 e protrattasi fino all’anno scorso, si riferisce alla pratica di timbrare il cartellino e assentarsi dal posto di lavoro. L’indagine è stata condotta dalla Polizia Municipale di Termoli e coordinata dalla pm Ilaria Toncini. La difesa si è detta certa di poter dimostrare l’innocenza dei sette imputati.

Più informazioni su

Dovranno affrontare il processo i sette dipendenti del Comune di Termoli accusati di truffa e in alcuni casi di peculato per essersi allontanati più volte dal posto di lavoro dopo aver timbrato. L’indagine sull’assenteismo negli uffici comunali era stata condotta fra il 2015 e il 2016 dalla Polizia Municipale di Termoli. Nella giornata odierna il Giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Larino ha deciso il rinvio a giudizio per tutti e sette.

Si tratta di sette dipendenti con mansioni strettamente di ufficio, quindi non con molte possibilità di uscite. E a segnalare questo via vai di gente che invece sarebbe dovuta rimanere alla propria scrivania, sarebbero stati proprio gli stessi colleghi dei sette imputati. A “incastrarli” sarebbe stato il Gps dell’auto di servizio, che invece di essere usata per lavoro, sarebbe stata utilizzata per altri scopi. Tutti quanti dovranno rispondere di truffa, mentre per alcuni c’è anche l’ipotesi di reato legata al peculato.

Accolta quindi la richiesta di rinvio a giudizio della pm Ilaria Toncini. Intanto la legale della difesa, l’avvocato Giulia Antignani di Termoli ha rilasciato una dichiarazione all’Ansa, dicendosi certa di poter provare l’innocenza dei suoi sette assistiti. «I dipendenti erano sul posto di lavoro a fare il loro dovere – ha detto dopo l’udienza -. Riusciremo a provarlo nel corso del procedimento».

Più informazioni su