Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Metropolitana leggera: cantiere top secret anche in città. E l’escavatore arriva di notte

Già recintata l’area dei binari in via Delle Frasche dove è prevista una delle due fermate cittadine della metropolitana leggera, la colossale opera pubblica pagata coi soldi della Regione Molise per unire il capoluogo all’area matesina. Sabato 4 marzo intorno alle 23 è stato portato un escavatore nel cantiere ma di operai, al momento, ancora nessuna traccia. Il primo lotto del collegamento sopraelevato dovrebbe essere completato entro la fine del 2018.

Più informazioni su

Dopo Matrice, anche a Campobasso sono partiti i lavori per la realizzazione della metropolitana leggera. E come per il cantiere al valico, sull’avvio della più importante opera pubblica, destinata a rivoluzionare il concetto stesso di mobilità in Molise, non è stata pronunciata una sillaba. Né da parte di Rfi, committente dei lavori, né da parte della Regione che solo sul primo lotto del collegamento da 41 chilometri (Matrice-San Polo) ha già impegnato 23,5 milioni di euro.


Una rete arancione delimita da alcuni giorni il pezzo di ferrovia sulla quale viaggerà il nuovo mezzo di trasporto sopraelevato: si trova in via Delle Frasche, esattamente dietro la mensa per i poveri della Caritas diocesana inaugurata da papa Francesco a luglio del 2015. E’ qui che sabato notte, 4 marzo, intorno alle 23, è stato portato un escavatore. I residenti non hanno potuto fare a meno di notare dai loro balconi gli spostamenti dei bidoni della spazzatura e l’arrivo del grosso mezzo meccanico. «I trasporti eccezionali – hanno ironizzato – si fanno di notte».
Di operai, al momento, ancora nessuna traccia: per ora c’è solamente la recinzione e la tabella identica a quella del cantiere di Matrice dove i lavori sono ripresi solo da qualche giorno dopo una lunga pausa dovuta – questo almeno ha detto l’impresa a Primonumero – al maltempo.
La presenza della pala meccanica all’interno del cantiere lascia facilmente ipotizzare che la prima operazione sarà quella di rimuovere la vegetazione e movimentare la terra attorno ai binari dove tra 720 giorni – cioè per la fine del 2018 – si dovrebbe completare la prima delle due fermate della metropolitana previste a Campobasso. L’altra sorgerà in via Duca D’Aosta.

Più informazioni su